Skip to content

L'ultimo degli esistenzialisti - Ingmar Bergman e le filosofie del dubbio

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Antoniello
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Enrico  Giannetto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

Il presente lavoro mira a fornire un approfondimento dell'opera di Ingmar Bergman e dei contesti filosofici, biografici e storico-culturali in cui prende forma, ponendo altresì l'accento sugli sviluppi del modernismo letterario svedese e sul pensiero del finlandese Eino Kaila. Il testo propone un'analisi comparativa degli autori conterranei e non a Bergman – tra cui Søren Kierkegaard, Stig Dagerman, Pär Lagerkvist, August Strindberg e Albert Camus - che gli hanno permesso di impostare la sue future ricerche filosofiche sul silenzio di Dio, sul dubbio e sull'angoscia (ångest) come strumenti della conoscenza, sul concetto centrale di utplånande (l'essere annichilito dallo scorrere del tempo) e sulla dialettica problematica tra l'agnosticismo puro e la nostalgia fideistica. Giusta rilevanza sarà data alla produzione sia drammaturgica che letteraria di Bergman la quale ha rappresentato l'iniziale output creativo con cui il futuro regista – non abbandonando la scrittura per il teatro – darà espressione al clima angoscioso degli anni Quaranta. I risvolti e le risoluzioni dell'iniziale pessimismo che Bergman erediterà dal suo clima culturale saranno incarnati sul valore attribuito alla libertà dell'agire come fine supremo a cui l'uomo tende, in questo riallacciandosi alla filosofia di Immanuel Kant. Il fecondo rapporto con Kaila, eminente personalità dell'empirismo logico, è stato più volte sottolineato da Bergman il quale dichiarò, nella prefazione al volume Quattro film, che da un punto di vista filosofico vi è stato un libro che ebbe un'enorme influenza su di lui: la psicologia della personalità di Eino Kaila. La tesi centrale di questo testo, che l'uomo vive strettamente a contatto con i suoi bisogni, negativi e positivi, ebbe su di lui un effetto sconvolgente e costruì su questa base. Il lavoro presenterà in che modo alcuni snodi concettuali sorti dal pensiero di Kaila - rientrante anch'esso nelle cosiddette filosofie del doiazein (δοιάζειν) - siano confluiti nell'operato di Bergman e come al tempo stesso siano stati rielaborati personalmente dal regista svedese. Successivamente una parte sarà dedicata all'analisi del secondo film della trilogia del silenzio di Dio, Nattvardsgästerna, in cui tutti i temi cari a Bergman prenderanno corpo nei loro risvolti più problematici e drammatici. Come chiosa finale, in appendice,il lavoro si conclude con una disamina dettagliata di Ormskinnet, il saggio che il regista scrisse in occasione della celebrazione del premio Erasmus, conferitogli nel 1965 in ex aequo con Chaplin. Contenuto in Artiklar, essäer, föredrag, una silloge antologica curata dalla Norstedts, Ormskinnet - tradotto in italiano "la pelle di serpente" - indaga le cause della fame artistica, del ruolo che all'artista è concesso di coprire in un'epoca in cui l'impulso vitale della creazione, il suo orizzonte di senso, pare essersi estinto sotto lo spesso strato di nichilismo estetico delle avanguardie ( in cui le arti iniziano a influenzarsi e a generarsi a vicenda) e dove l'Arte si è emancipata dalla fede: il taglio del cordone ombelicale. Ciò che più conta per Bergman, riprendendo una massima del drammaturgo americano Eugene O'Neill, è il rapporto dell'uomo con Dio. Tutto il testo è privo di importanza.

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Antoniello
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Enrico  Giannetto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Ingmar Bergman ha segnato uno spartiacque nella storia del cinema d’arte europeo; oltre ad aver elaborato un inedito linguaggio cinematografico – di cui i close-up dei volti lo hanno contraddistinto – egli ha saputo sfruttare le risorse del montaggio e dei dialoghi al fine di elaborare concetti filosofici. L’opera del maestro svedese ha testimoniato la transizione epocale che in ambito del pensiero speculativo ha comportato un passaggio dalle filosofie della certezza alle filosofie del dubbio. La perdita di un Archè fondativo, sancito definitivamente dallo scarto anti-epistemico del Post-Hegelismo, determinò la messa in campo di una serie di atteggiamenti, da parte degli artisti del secondo dopoguerra, volti a negare il valore degli Eterni e mostrando lo struggimento e la dissoluzione dell’individuo umano. I concetti Bergmaniani sono diretta espressione di questa perdita di senso che ha colpito l’Europa a partire dai primi decenni del ventesimo secolo. Se Husserl ha parlato di una crisi delle scienze europee, Bergman tratta della crisi delle creature umane in sé nel momento in cui una possibile morte di un Dio lascia l’uomo solo di fronte a se stesso e al mondo 1 . Questa messa in discussione degli antichi valori del passato ha condotto Bergman a confrontarsi direttamente con le principali tematiche che hanno visto impegnati sia gli esistenzialisti francesi che quelli tedeschi a lui contemporanei, sia romanzieri che filosofi del passato in cui è già possibile ravvisare i prodromi della “crisi”. La morte, la suprema solitudine, è il tratto distintivo e immediato della crisi. La morte non è più solo un punto di passaggio verso i Noema 2 platonici, accessibili solo dopo il congedo dal proprio corpo. Essa è anche disfacimento dell’anima; è anzitutto fine autoindotta, annichilimento dell’essere. Il ritrovamento di tale evidenza – riscoperta di un’intuizione atavica – è dirompente e incontenibile per l’uomo moderno, costretto a osservare il volto della morte nella sua più cruda tangibilità. Egli è sempre stato vittima della cecità; all’insaputa di ciò che lo circondava, l’uomo innalzò lo sguardo al cielo osservando il sole, contrassegno ed emblema del Vero e del Giusto; dopodiché, all’alba della crisi, una coltre maligna oscurò la realtà delle idee, protettrice dell’eternità, costringendo l’umanità tutta a considerare nuovamente quello che aveva preferito ignorare. Non si parla più di una società nella crisi dei valori, bensì dell’individuo, delle sue angosce e dell’impossibilità a riconoscersi come elemento facente parte di una storia razionale e coerente. È l’individuo a essere messo sotto analisi dallo psicanalista, sono le nevrosi a definire la 1 A. Fusco, Ingmar bergman, proposta di lettura in chiave psicologica, Teseo Editore, Frosinone, “s.d”, p. 6. 2 Noema (νόημα) come pensiero di verità o come noùmenon hèn eìnai, qualcosa di pensato come uno, ovverosia le Idee.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immanuel kant
dio
ingmar bergman
inautenticità
empirismo logico
eino kaila
ångest
neorealismo filosofico
lagerkvist
filosofia

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi