Skip to content

Isis e terrorismo jihadista in Europa, analogie con il modello operativo del crimine organizzato di matrice camorrista: un parallelismo interpretativo

La Camorra moderna

Chiusa la lunga parentesi storica contrassegnata dal succedersi di organizzazioni gerarchiche strutturate, verso cui la Camorra per natura si è rivelata refrattaria, il modello che ad oggi prevale è di tipo gangsteristico-scissionista, caratterizzato da una grande flessibilità e dinamicità. Si assiste sovente alla nascita di clan indipendenti, che si distaccano dalla matrice originaria e si dichiarano guerra a vicenda. Lo stereotipo patriarcale viene superato, con una crescita della componente femminile all’interno dei clan: la cosiddetta “quota rosa” della Camorra, costituita da mogli, sorelle, nuore, cugine, zie o nipoti dei malavitosi. Le donne non sono più relegate in disparte, bensì svolgono ruoli attivi, in prima linea, e non di rado fanno le veci dei boss in carcere, assumendo il comando in prima persona. Il taglio e il confezionamento della droga è un esempio di attività di cui si occupano quasi esclusivamente le camorriste. La loro partecipazione è elevata anche nelle attività di usura, estorsione e intimidazione.

Appare inoltre molto rilevante e del tutto singolare, nell’intero panorama mafioso, la giovane/giovanissima età di numerosi membri che, nonostante una carriera criminale scarsamente consolidata, si ritrovano di frequente a sostituire i capiclan venuti a mancare, a causa di una misura detentiva da scontare o dell’uccisione da parte dalla concorrenza. La perdita dei leader carismatici di antiche organizzazioni ormai eclissate, le fratture e i vuoti di potere che ne sono conseguiti, hanno prodotto un libertinaggio delinquenziale incontrollato, con focolai di violenza ampiamente diffusi. I gruppi criminali possono passare repentinamente dalla cooperazione alla rivalità più feroce. Se nel IXX e nel XX secolo si perseguiva l’ideale camorristico di un ordine sociale parallelo allo Stato, il XXI secolo si configura come simbolo del disordine sociale. L’unica peculiarità rimasta inalterata è quella del movimento urbano di massa, oltre ad una stabile e ramificata presenza sul territorio, sempre più camaleontica, dinamica e versatile. Differentemente dal passato, però, le nuove leve criminali difettano spesso di un assetto strategico chiaro e di linee guida comuni. Le azioni delittuose appaiono slegate da schemi predefiniti; i gruppi mostrano un’elevata autonomia decisionale che rasenta l’impulsività, sono molecole che si aggregano e si scompongono rapidamente, polverizzandosi, riadattandosi al tessuto sociale e diffondendosi con un’impressionante reattività. Ciò rende il loro operato difficilmente inquadrabile e prevedibile. Nondimeno, continuano intensamente le attività di estorsione e di strozzinaggio, specialmente rivolte all’imprenditoria, il riciclaggio di denaro, i traffici di stupefacenti, con l’evoluzione dello spaccio al dettaglio - al minuto. Altri settori particolarmente redditizi sono quelli legati alle scommesse e al gioco d’azzardo, alla falsificazione di titoli e banconote e allo sfruttamento della prostituzione. Gli interessi economici sono sempre più proiettati verso l’estero, dove la Camorra sta incrementando gli investimenti e le collaborazioni internazionali, in particolar modo nel narcotraffico, puntando sulla mutua assistenza e sull’interdipendenza strategica con le altre organizzazioni criminali, soprattutto con quelle terroristiche, per convergere verso traffici e canali comuni:

[…] Il rapporto di complementarietà tra il terrorismo internazionale e l’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio è uno dei temi più significativi nel complesso di relazioni tra la criminalità organizzata di tipo mafioso e il terrorismo. Basti pensare ai profondi e radicati legami (...)nel settore del contrabbando di merci e dei traffici di materiali da armamento. Il terrorismo internazionale si autofinanzia soprattutto con i traffici di stupefacenti e di armi, nonché con le estorsioni e con i sequestri di persona.(...) Il terrorismo è fattore di forza per la mafia. A loro volta, anche le organizzazioni mafiose possono avere una valenza terroristico-avversiva […]

Considerata la vastità del territorio campano e la fluidità delle dinamiche malavitose che lo coinvolgono, dall’analisi investigativa della DNA relativa al biennio 2014-2015, emergono aree dall’ingravescente tendenza alla lotta all’ultimo sangue fra bande che si contendono il predominio; altre zone, al contrario, sono contraddistinte dall’inabissamento dei clan storici, che preferiscono puntare sull’invisibilità per sfuggire al stretta marcatura investigativa. Nei quartieri di Napoli, da sempre teatro della malavita, si registra una fibrillazione costante, uno stato di diffuso terrore scatenato dalle incessanti e cruente guerriglie urbane. Nel Casertano si registra invece una diminuzione delle faide locali, spiegabile per mezzo dell’alleanza dei Casalesi nel distretto, i quali si avvalgono di processi di negoziazione fra i clan per appianare i conflitti e suddividersi i settori di competenza. La strategia di fondo punta al minor clamore e al maggior profitto possibili, al fine di arginare l’azione di contrasto degli apparati investigativi e delle forze dell’ordine.
Questa disomogeneità delle aggregazioni malavitose, del loro modus operandi e della loro distribuzione territoriale è da ascriversi in primo luogo alla diversità dei contesti in cui le stesse s’insediano e si sviluppano. Ma non va certamente dimenticato il carattere poliedrico e ribellistico insito nel dna stesso della Camorra. Il diavolo, del resto, sa assumere qualunque sembianza pur di raggiungere i suoi scopi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Isis e terrorismo jihadista in Europa, analogie con il modello operativo del crimine organizzato di matrice camorrista: un parallelismo interpretativo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luna Vulpetti
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di Primo livello in Criminologia Investigativa e Scienze Forensi
Anno: 2017
Docente/Relatore: Fabio Iadeluca
Istituito da: Link Campus University - L'Università internazionale a Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

criminalità organizzata
camorra
terrorismo islamico
stato islamico
terrorismo jihadista
jihadisti
isis
daesh
camorristi
reti criminali

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi