Skip to content

Modelli quantistici della mente

La coscienza nella scienza

La psicologia, che assume con Freud un grande peso nella riflessione sulla mente e, per un po’, ne ha quasi il monopolio, condivide con la filosofia il cosiddetto “introspettivismo”, la ricerca sulla mente consiste nel “guardarsi dentro” da parte di osservatori esperti, con tutti i suoi limiti e il prevalere di costruzioni “suggestive” che non riuscivano ad integrare, giustificare e spiegare i risultati acquisiti dalle “scienze positive”. Contemporaneamente al manifestarsi di criticità che lo avrebbero, probabilmente, eroso dall’interno, l’introspettivismo fu letteralmente spazzato via dai behavioristi o comportamentisti, con il loro programma radicale: metodi di osservazione pubblici, che qualsiasi scienziato potesse applicare, e rigorosa limitazione degli ambiti tematici. Gli studiosi del comportamento non dovevano interessarsi di mente, pensiero, immaginazione né di oggetti ipotetici quali simboli o idee.

In realtà, nella lettura più estrema, non se ne doveva interessare nessuno perché la ricerca scientifica, basata sull’esperimento condotto su oggetti concretamente osservabili e misurabili, avrebbe spiegato ogni fenomeno senza bisogno di ricorrere a concetti astratti non verificabili “in laboratorio”.

Il behaviorismo dominò per qualche tempo la ricerca, con il riflesso dell’espulsione e della marginalizzazione delle tematiche considerate astratte e prive di fondamenti oggettivi. La reazione non nacque soltanto dall’eccesso di dogmatismo e di vincoli ma, quasi come una nemesi, proprio dall’incompatibilità del modello con i dati sperimentali. Il comportamentismo, in sostanza, sia in psicologia che in neurofisiologia, si fondava su semplici catene associative lineari stimolo-risposta. Lashley, che per primo contesta pubblicamente il behaviorismo ed indica nuove direzioni di ricerca, mostra come le sequenze d’azione sono troppo rapide perché si possa stabilire una retroazione che faccia dipendere ognuna dalla precedente. Anzi, fenomeni quali quei lapsus che anticipano parole che dovrebbero stare molto più avanti nella sequenza del discorso, fanno pensare che vi sia un’organizzazione interna dell’organismo che non segue ma precede un comportamento complesso, una “forma” che lo determina. Inoltre, il modello comportamentista descriveva il sistema nervoso come inattivo e l’attivazione di riflessi isolati solo in presenza di stimolazioni specifiche. Lashley, invece, ritiene che “I tentativi di esprimere la funzione cerebrale nei termini del concetto di arco riflesso, o di catene associate di neuroni, mi sembrano condannati all’insuccesso, poiché prendono l’avvio dall’assunto di un sistema nervoso statico. Ogni elemento di prova disponibile indica un sistema dinamico, costantemente attivo, o, piuttosto, un gruppo di sistemi interagenti”. È la prima manifestazione della direzione di ricerca che porterà alla nascita delle cosiddette “scienze cognitive”, alla quale contribuiranno ricerche innovative in ambiti noti, quali la logica, ma anche in settori del tutto nuovi, quali la cibernetica. Il comportamentismo, perso lo statuto di “dogma”, non è scomparso ma l’approccio delle scienze cognitive è risultato più fecondo, soprattutto per la capacità di integrare ed articolare discipline nuove. [...]

Nel 1936, Alan Turing aveva iniziato le proprie ricerche logico-matematiche che lo portarono, tra l’altro, ad ipotizzare una macchina teorica, la “Macchina di Turing”, in grado di eseguire, in linea di principio, qualsiasi calcolo, e basata su un codice binario. Ogni unità della MT può calcolare una data funzione ricorsiva ma anche simulare il calcolo eseguito da un’altra MT, con la conseguenza di poter ipotizzare una Macchina di Turing Universale in grado di simulare il calcolo di qualsiasi MT. Grazie all’invenzione del λ-calcolo da parte di A. Church, tutte le funzioni computabili del calcolo logico e matematico possono esserlo mediante funzioni ricorsive. La possibilità di memorizzare una lista di istruzioni, un programma, studiata da John Von Neumann, rende concepibile costruire una macchina in grado di replicare esattamente i comportamenti e il processo di pensiero degli esseri umani se, naturalmente, si fosse stati in grado di descriverli correttamente in modo da essere codificati in un programma. Ma questa correttezza poteva essere controllata “operativamente” grazie alla macchina stessa.

Queste idee trovano pratica realizzazione con lo sviluppo dell’elettronica e dei dispositivi che potevano assumere due diversi stati, definiti 0 e 1, come nelle prescrizioni di Turing. Contemporaneamente, McCulloch e Pitts dimostrano che le operazioni di una cellula nervosa e le reti neurali possono essere rappresentate in termini logici e che possono essere costruiti circuiti elettronici in grado di simulare questo modello. I tentativi di imitare il cervello a livello fisiologico non porteranno ad una migliore comprensione delle funzioni superiori, come il rapporto tra pensiero e strategie, ma serviranno ad una migliore comprensione del sistema nervoso.
Norbert Wiener, geniale matematico, unifica i diversi problemi che possono essere riferiti ad un messaggio, indipendentemente dal sistema di trasmissione elettrico, meccanico o nervoso. Grazie all’implementazione nelle macchine di meccanismi di retroazione, era poi
possibile attribuire loro una sorta di “intenzionalità”, che si manifestava nel perseguire degli obiettivi riducendo progressivamente la differenza tra questi e la prestazione. La teoria del controllo e della comunicazione, nelle macchine e nei viventi, prende il nome di “cibernetica”. In altro modo, la progressiva evoluzione della capacità del computer di svolgere funzioni della mente umana, prende il nome di “Intelligenza Artificiale”. Gli studi di logica, di teoria dell’informazione, le teorie del linguaggio, gli studi antropologici e psicologi si lasciano contaminare dalla nuova scienza e la contaminano. Estremamente rilevante è l’introduzione, e la progressiva evoluzione, del concetto di “informazione” che infrange la barriera tra materiale-misurabile e immateriale non soggetto a misura: pur se non è visibile, l’informazione, inversamente proporzionale all’entropia, è perfettamente misurabile.

Contemporaneamente, segue una sua propria linea di ricerca e di sviluppo il campo delle neuroscienze, che si propone di indagare il sistema nervoso e neuronale e presuppone che il mentale stia, per così dire, alla fine del percorso: dal basso verso l’alto, quando si saprà tutto dei neuroni si saprà anche tutto del cervello e dell’attività mentale. È impossibile seguire nei particolari gli sviluppi di ogni singola disciplina, i modelli proposti e le critiche a questi. Per quanto è necessario ad inquadrare le ipotesi del cervello quantistico, è però sufficiente far notare che discipline, modelli e teorie finiscono sempre per aderire a qualcuna delle ipotesi che aveva formulato la filosofia, pur se arricchite e modulate dalle recenti scoperte scientifiche. Non solo: i punti deboli ed i passaggi critici delle nuove idee sulla mente non sono che l’attualizzazione dei problemi già posti e dibattuti dai filosofi che, dunque, tornano ad avere un ruolo determinante nell’organizzazione del sapere.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Modelli quantistici della mente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianmarco Cernuzio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Europea di Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Ettore De Monte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

coscienza, cervello, mente, corpo, auto coscienza
modelli, quantistici, fisica, frattali, filosofia,
teorie, damasio, tononi- edelman, reti neurali
neuroni, neuroimaging, calcolo parallelo
paradossi, esperimenti, interpretazioni
calcolo quantistico, modello di chris king
sintropia di luigi fantappiè, modello di hameroff
penrose, collasso della frequenza d'onda,
teoria olonomica di pribram
rivoluzione, fisica quantistica, meccanica,modelli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi