Skip to content

La cultura d’impresa come strategia comunicativa: Il caso Piaggio

La crescita di attenzione agli archivi d’impresa in Italia

Qual è stato in Italia il percorso culturale che ha influenzato la conservazione dei documenti e ha condizionato o meno il comportamento dei protagonisti degli archivi d’impresa: aziende, storici e archivisti?

L’entrata in vigore della realtà ente-regione e il successivo ampio trasferimento di funzioni dallo Stato alle regioni dopo la riforma del titolo V della Costituzione (autonomie dei comuni e province), portata a termine nel 2001, è stata l’occasione di riflessione per la riscoperta dei patrimoni archivistici dei distretti produttivi o comunque delle realtà economiche dei territori.

Con il nuovo secolo, negli anni che stiamo vivendo, si verifica il cambiamento avviato proprio all’inizio degli anni Settanta e che riporta ad una data precisa nella nostra storia del rapporto tra documentazione d’impresa, ricerca storica e attenzione delle Sovrintendenze agli archivi.

Nel 1972 si svolge a Genova la Tavola rotonda sugli archivi delle imprese in Italia organizzata dal Ministero degli Interni, a cui partecipano numerosi storici economici per discutere attorno al tema degli archivi delle imprese.

La storia d’impresa in Italia non era ancora un campo troppo frequentato, anche se qualche autorevole studioso si era già impegnato producendo lavori preziosi sulla business history: ma in Italia eravamo ancora agli inizi della nuova frontiera sulla storia d’impresa di età contemporanea, che altrove, specie negli USA per merito di Alfred Chandler, aveva raggiunto un livello di diffusione scientifica molto elevato.

L’Italia era in forte ritardo per la valorizzazione degli archivi d’impresa rispetto a quasi tutti i paesi più avanzati. In Germania fin dal 1907 era nata la Rheinisch Westphalisch Archiv, per la raccolta e conservazione dei fondi storici delle imprese. Negli Stati Uniti, in Francia, Svizzera, Olanda, Inghilterra, Svezia esistevano istituzioni con analoghi intenti.

Nel 1977 era uscito il lavoro di Chandler The Visibil Hand e all’estero erano stati pubblicati altri studi importanti sulla storia dell’impresa, elaborazioni sia di ordine metodolgico che di ricostruzione della dinamica delle imprese, gruppi e realtà produttive per ogni settore di attività. Nel 1978 il Comitato di scienze economiche del CNR, su iniziativa di Luigi De Rosa, di Giorgio Mori e di qualche altro, promuove la Commissione per gli studi di storia dell’industria, formata dallo stesso Luigi De Rosa, Mario Abrate, Valerio Castronovo, Giorgio Mori, Sergio Zaninelli, Carlo Poni. La missione era di ordine scientifico per stimolare la diffusione e gli studi sulla business history, ma non mancava la crescita di prospettiva strategico- politica per sensibilizzare le imprese italiane alla difesa e costituzione dei fondi archivistici di interesse storico.

Giorgio Mori nel 1982 rivolgendosi al pubblico che seguiva il convegno organizzato dall’Archivio Ansaldo sul tema Beni culturali, ricerca storica e impresa dice: “Né sembrava lecito trarre auspici meno che oscuri per chi ricordava ancora, e fra di noi eravamo in molti, l’andamento e le sconfortanti conclusioni di una tavola rotonda sull’argomento promossa già nel 1972 dal ministero dell’Interno e soprattutto quel che ne era seguito, o meglio, quel che non ne era seguito”.

A Genova, nello stesso anno, l’Archivio storico Azienda Municipalizzata Trasporti organizza il convegno Salvaguardia e valorizzazione degli archivi d’impresa, (Genova 28-29 ottobre), dove la relazione introduttiva è affidata a Giorgio Doria e due anni più tardi a Torino, l’Archivio Fiat organizza un convegno sulla documentazione storica delle imprese. Sono eventi culturali che avviano una lunga fase dinamica sul fronte della costituzione di associazioni, nello svolgimento di convegni, seminari, di iniziative che lentamente portano alla nascita di nuovi archivi d’impresa con la pubblicazione, in qualche caso, della guida.

Da quegli anni ad oggi i risultati ci sono stati e sono visibili nei lavori editi sulla storia delle imprese, dei circondari, dei distretti e lo sono anche nella crescita della consistenza degli archivi d’impresa. In Italia deterrente allo sviluppo degli archivi d’impresa è ancora il timore fiscale, il sommerso o la prassi diffusa di illegalità che caratterizza la società italiana e che porta spesso a non lasciare alcun genere di traccia lavorativa.

Gli imprenditori ancora troppo spesso abbinano al concetto di archivio la possibilità per la Guardia di Finanza di effettuare controlli. Affinché questa prassi svanisca, l’unica leva appare quella di aumentare la cultura degli imprenditori e la consapevolezza del loro ruolo all’interno della società, di cui gli archivi diventano attestazione e riconoscimento. Per stimolare la realizzazione degli archivi, ritenuti gli unici depositi per costruire la storia delle imprese basandosi su fonti dirette, anziché su fonti di stampa. sono nate anche associazioni.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La cultura d’impresa come strategia comunicativa: Il caso Piaggio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Galuppo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Teorie della comunicazione
  Relatore: Enrico Mannari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
comunicazione
marketing
impresa
museo
sviluppo
comunicazione d'impresa
azienda
archivio
feedback
piaggio
sito web
fondazione
modelli comunicativi
museo d'impresa
fondazione d'impresa
fondazione piaggio
archivio d'impresa
storia d'impresa
comnicazione generativa
nascita comunicazione
marketing d'impresa
piano comunicazione d'impresa
differenza comunicazione e marketin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi