Skip to content

La rivoluzione del marketing non convenzionale: il caso Supreme

La crisi del marketing tradizionale in una società postmoderna

In una società fortemente dinamica e talvolta eccessivamente frenetica, assistiamo ad un crollo delle istituzioni e ad una forte enfasi dell'individualismo.

Il consumatore si ritrova al centro di forti stimoli, che generano un forte senso di sconforto e disagio. Su questo tessuto sociale caratterizzato da un da una diffusa rivoluzione digitale, e che porta il consumatore alla necessità di affermarsi, si fondano i pilastri portanti della nuova società post moderna sulla quale il marketing non convenzionale trova il suo spazio di azione.

Analizzeremo ora i principali fattori che hanno condotto a questa crisi del marketing tradizionale e che invece rappresentano opportunità per nuove leve di marketing non convenzionale. Le teorie economiche neoclassiche che stanno alla base del marketing tradizionale hanno sempre considerato il consumo, inteso come scambio ed acquisto di beni, come un fenomeno prettamente razionale ed economico, in quanto implica un trasferimento di denaro. Per anni il consumatore è stato teorizzato come una macchina razionale con il solo scopo di massimizzare la propria funzione di utilità mediante l'acquisto di un determinato prodotto. Si considerano esclusivamente due variabili, quali prezzo e quantità, e viene posto come limite esclusivamente il proprio reddito disponibile.

Il progresso però comporta una rapidissima evoluzione della società, con la conseguente evoluzione del consumatore all'interno di un contesto dinamico e camaleontico.

Molti studiosi si sono soffermati sull'analisi della società odierna con tutti suoi paradossi e contraddizioni, intesa come risultato di i cambiamenti ed avvenimenti che hanno sconvolto l'Europa durante la fine del secolo scorso.

Nasce dunque un nuovo paradigma culturale che tende a caratterizzare un nuovo modello di società e di consumi, definita postmoderna.

Tutti i canoni razionali e produttivi che caratterizzavano la società moderna di fine millennio entrano in crisi a causa della mancanza di certezze, di una dilaniante visione della società non meccanicistica, statica e deterministica in cui il comportamento del consumatore non è più prevedibile ma, al contrario, è del tutto incostante e influenzato da una moltitudine di fattori.

Il consumatore di questa società, definito post moderno, viene stimolato dall'idea di individualismo in tutte le sue componenti: l'individuo è libero di essere ciò che vuole, libero quindi da condizionamenti e convenzioni sociali, libero di manifestare le proprie differenze, attraverso un approccio al consumo che metta in evidenza uno stile di vita sociale di appartenenza.

Mentre nella società moderna vi è una segmentazione sulla base di aspetti socio-demografici (come età, reddito e professione), ciò diventa impossibile nella società post-moderna, in cui gli individui si legano tra loro in “tribù” in cui si condividono subculture etiche e stili di vita omogenei. La letteratura parla infatti “tribù”, intese quali nuove forme di micro-socialità, che nascono e si affermano intorno ad un prodotto, una marca, un punto vendita ecc. I membri delle “tribù” presentano delle analogie in termini di comportamento, e le “tribù” rappresentano il desiderio degli individui di stare insieme, ritrovarsi in un'identità unitaria di appartenenza.

Il sociologo Giampaolo Fabris è uno dei massimi esponenti dell'analisi delle abitudini dei consumatori nonché uno dei pionieri dell'approccio postmoderno del consumo.

Fabris in particolare definisce il consumatore postmoderno con gli aggettivi di “sincretico” ed “eclettico”.

In quanto “sincretico”, il consumatore tende a conciliare elementi di carattere filosofico, culturale e religioso, anche molto eterogenei tra loro entrando talvolta in contrasto. In quanto “eclettico” il consumatore combina stili di vita differenti associandoli a “tribù” diverse tra loro, tra le quali vaga senza “una fissa dimora”, ma verso le quali nutre un bisogno fisiologico per la necessità di appartenere a qualcosa, di avere una sicurezza che la società nel suo insieme non può più garantire.

In questa società, talvolta definita liquida da Bauman, il consumatore si ritrova senza una identità, con il forte bisogno di definire dei contenitori dai forti confini, per affermare la propria autonomia e la propria individualità: proprio per questo motivo egli rifiuta prodotti standardizzati, alla ricerca piuttosto di qualcosa di unico che possa essere in grado di affermare la propria personalità e che rappresenti lo stile di vita che si vuole comunicare.

Come anche affermato da Stephen Brown nel suo saggio sul marketing postmoderno, la società attuale in cui il mondo del consumo acquisisce una centralità nuova, può essere sintetizzata nell'espressione: “compro dunque sono”.

Questo ruolo sociale del consumo viene ampiamente testimoniato anche da un punto di vista storico: basti pensare ai significati ideologici attribuiti dai romani ai mantelli di porpora o talvolta alle leggi suntuarie, presenti sin dal medioevo, che imponevano o impedivano a determinate classi sociali determinate vesti.

Al giorno d'oggi, nella “società degli oggetti”, alla mancanza di vincoli sociali e contatti umani si è sopperito con un dialogo fittizio con prodotti necessari a delimitare uno spazio intimo e personale. Le marche e i prodotti vengono consumati non più per essere effettivamente “usati”, ma piuttosto svolgono un ruolo culturale dal momento che viene loro affidata una funzione sociale e comunicativa, quasi in sostituzione al dialogo uomo-uomo. Nella società contemporanea, infatti, il consumo è diventato fondamentale per la creazione e il mantenimento dell'identità: “si è aperto ad un'infinità di valenze simboliche, è diventato un modo di esprimere l'affetto, la nostalgia, la cultura, l'amore”, strumento indispensabile per tessere relazioni sociali, e quindi una sorta di linguaggio.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rivoluzione del marketing non convenzionale: il caso Supreme

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simon Santi Inzerillo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Arabella Mocciaro Li Destri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi