Skip to content

La gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata

La disciplina dei beni confiscati alla criminalità organizzata a cavallo tra il diritto penale e il diritto amministrativo

La progressiva stratificazione del complesso normativo sulla gestione e la successiva utilizzazione del patrimonio sottratto alla criminalità organizzata, è avvenuta una zona intermedia coinvolgente una pluralità di settori scientifico-disciplinari tra i quali, ad esempio, il diritto penale, il diritto processuale penale, il diritto privato e il diritto amministrativo (che qui in particolare ci interesserà), passando anche per il diritto dell’economia; per quanto concerne specificatamente quest’ultima area disciplinare, i problemi di maggiore interesse e attualità riguardano il recupero e il successivo mantenimento in vita dei complessi aziendali assoggettati alle misure di prevenzione patrimoniali.
Orbene, in questa sede, è opportuno inquadrare la dialettica fondamentale che intercorre tra la branca penalistica, sia sostanziale che processuale, e quella più squisitamente amministrativistica.
Uno degli elementi maggiormente paradigmatici della già menzionata interazione, si rinviene nella perfetta riconducibilità, alla gestione post-confisca, degli istituti giuridici tipici del diritto amministrativo, nonché nel consolidamento del rapporto di servizio dell’attività amministrativa di cura e successiva destinazione dei beni di provenienza mafiosa rispetto al procedimento di prevenzione giurisdizionale con il quale, solitamente, prende avvio anche l’attività che conduce alla gestione dei beni in sequestro.
Il già menzionato legame va letto in termini di presupposizione di un procedimento rispetto all’altro, ancor di più alla luce dell’inserimento nella vigente legislazione del codice antimafia di un nucleo di disposizioni normative aventi ad oggetto l’amministrazione dei beni confiscati.
Tuttavia, se la presa di coscienza della su-accennata strumentalità tra le due sfere giuridiche ha dato luogo ad innovativi riflessi sul piano ricostruttivo ed interpretativo, è pur vero, d’altro canto, che è apparsa maggiormente trascurata l’analisi dei complessi aspetti amministrativi che investono massicciamente questa materia, con la conseguenza di legittimare in questo settore, per certi versi, il proliferare di interventi normativi talvolta contrassegnati da approssimazione ed incoerenza intrinseca.
Su questo versante, inoltre, va rilevato che queste disposizioni di matrice pubblicistica, a causa della loro contiguità con il diritto penale, hanno poi patito diverse difficoltà nel tentativo di essere utilmente collocate all’interno di una delle tradizionali partizioni del diritto amministrativo.
Da questo punto di vista, partendo dal condiviso paradigma che riconosce i profondi punti di intersezione tra la funzione giurisdizionale di prevenzione, la quale è deputata a decidere in merito alla sorte del bene in presenza dei presupposti di pericolosità, e la successiva funzione di destinazione dei beni sottoposti alle misure di prevenzione patrimoniali antimafia, di carattere propriamente amministrativo, si ritiene utile percorrere un nuovo orizzonte interpretativo idoneo a valorizzare le specificità di questa innovativa funzione che svolge, a seguito delle innovazioni intervenute nella legislazione antimafia, il settore scientifico-disciplinare del diritto amministrativo; a tal fine, va salutata favorevolmente, in questa sede, nell’ottica di implementazione sopra-accennata, l’elaborazione di nuovi strumenti che si inscrivono nel quadro d’azione delle “misure di prevenzione amministrativa”, le quali mirano ad interrompere i flussi di risorse economico-finanziarie che dalle amministrazioni pubbliche convergono verso imprese collegate, direttamente e/o indirettamente, ad interessi mafiosi, nonché la costruzione di un particolare assetto organizzativo per la gestione dei beni sottratti alle organizzazioni criminali di stampo mafioso.
Pertanto, per garantire la massima effettività possibile delle misure antimafia di nuovo conio amministrativo, si delinea la nascita di un nuovo settore ordinamentale – denominato “diritto amministrativo dell’emergenza criminale” – nel quale inquadrare correttamente la disciplina dei beni confiscati alla criminalità organizzata di matrice mafiosa.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Alessandro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Riccardo  Ursi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi