Skip to content

Gli usi civici e la tutela dell'ambiente

La funzione di tutela ambientale degli usi civici nell’elaborazione giurisprudenziale

In merito alla tematica della rilevanza degli usi civici in materia di protezione ambientale, la giurisprudenza è intervenuta diverse volte nel corso degli anni, toccando diverse questioni.

Innanzitutto, è stata affrontata la questione dei poteri d’ufficio del commissario.
Nel 1993, la Consulta ha dichiarato inammissibile la questione di costituzionalità vertente sull’argomento, giudicando legittima la scelta discrezionale del legislatore di confermare il potere officiosamente riconosciuto al commissario di agire in giudizio, nonostante l’avvenuto trasferimento delle competenze legislative in materia alle Regioni.
Ciò in quanto: “accanto agli interessi locali, di cui sono diventate esponenti le Regioni, emerge l’interesse della collettività generale alla conservazione degli usi civici nella misura in cui essa contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio”

La Corte ha proseguito nel proprio ragionamento affermando che:
“il potere dei commissari di provvedere d’ufficio alla tutela giurisdizionale non è riferibile se non a siffatto interesse – sancito dall’art. 1 l. 8 agosto 1985, n. 431, che ha assoggettato a vincolo paesaggistico le zone gravate da usi civici – e, con esso, indirettamente anche all’interesse delle popolazioni titolari dei diritti civici, non sempre coincidente con gli interessi particolari portati dall’amministrazione regionale”.

Tale impostazione ha suscitato le aspre critiche di una parte della dottrina, che è arrivata a definirla “sconcertante”, in quanto apertamente contrastante con la decisione di affidare la tutela del paesaggio e delle bellezze naturali alle Regioni operata dall’art. 82 del d.P.R. n. 616/1977.
Dalla scelta effettuata del legislatore, infatti, si desumerebbe che le Regioni dovrebbero essere legittimamente considerate in grado di occuparsi delle questioni relative alla tutela dell’ambiente e, pertanto, dovrebbe logicamente desumersi una loro competenza anche in tema di protezione della funzione ambientale degli usi civici.

Nella stessa sentenza, la Corte ha avanzato l’ipotesi che la tutela dei beni gravati dalla tipologia di vincoli in esame venga affidata ad un organo quale il Pubblico Ministero, in applicazione dei principi vigenti nelle controversie in cui venga in rilievo un interesse pubblico generale.

Anche quest’ultima proposta ha incontrato lo scetticismo di autorevole dottrina, la quale ha affermato: “è la stessa legge a ritenere l’interesse pubblico a carattere paesaggistico correttamente protetto dalle Regioni”, concludendo che: “è arbitrario supporre che l’interesse espresso dalle amministrazioni regionali non coincide con l’interesse individuato da un potere giurisdizionale statale; infine, perché la tutela degli innumerevoli interessi pubblici non è sempre demandata all’iniziativa officiosa di un p.m. o di un giudice che ne assommi le funzioni”.
La posizione dottrinale prevalente sul punto, si pone, pertanto, in aperto contrasto con l’atteggiamento di sfiducia mostrato dalla giurisprudenza e dal legislatore nazionale nei confronti della capacità delle Regioni di promuovere una efficace politica di gestione e di difesa degli usi civici, ritenendo che proprio da tale sfiducia sarebbe derivata l’attribuzione agli usi civici del ruolo di difesa dell’ambiente.

Un’ulteriore problematica attiene alla necessità di coniugare la funzione di tutela attribuita agli usi civici con il ruolo svolto da altri beni paesaggistici non gravati da tale vincolo.

In particolar modo, si è osservato come il legislatore abbia omesso di prevedere un’analoga forma di protezione preventiva dell’ambiente in riferimento ad altre categorie di beni contemplati dalla legge Galasso ed apparentemente degni di una pari tutela, quali i territori costieri, le terre che costeggiano laghi e fiumi ed i territori montani non gravati da usi civici. Nonostante la sentenza della Consulta di cui si è dato conto, la Corte di Cassazione è tornata sull’argomento, presentando una nuova questione di costituzionalità, risolta con la pronuncia n. 46 del 20 febbraio 1995, nella quale ha affermato che l’interesse relativo alla tutela ambientale: “si distingue nettamente dall’interesse alla conservazione degli usi civici, in quanto ha una propria autonomia e riceve dagli organi costituzionali indicati dalla legge n. 1497 del 1939 una tutela specifica”. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Gli usi civici e la tutela dell'ambiente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Bellocchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi  Principato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tutela dell'ambiente
legge galasso
usi civici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi