Skip to content

Gli usi civici e la tutela dell'ambiente

Informazioni tesi

  Autore: Laura Bellocchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi  Principato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

La locuzione "usi civici" fa riferimento a peculiari diritti di godimento dei beni, propri o altrui, la cui titolarità spetta ad una collettività, stanziata su un determinato territorio, e a ciascun suo componente. Si tratta, più esattamente, di diritti il cui contenuto assicura alla collettività che ne è titolare la fruizione di specifiche utilità provenienti dalla terra, dai boschi e dalle acque. Il nostro ordinamento ha inteso disciplinare gli usi civici nella convinzione che si trattasse di fenomeni del tutto residuali, retaggio di un passato ormai lontano, alternativi al rigido modello proprietario di stampo ottocentesco. Da qui, una disciplina volta a governare il fenomeno secondo una logica mirante, essenzialmente, alla liquidazione degli stessi e allo scioglimento di situazioni di promiscuità nel godimento dei beni, considerate premonitrici di potenziali conflitti e sicuro ostacolo allo sviluppo socio-economico. Negli ultimi decenni, tuttavia, sono intervenuti profondi mutamenti all'interno della nostra società e del nostro ordinamento giuridico, che hanno interessato anche l'istituto degli usi civici, facendo scemare l'importanza della funzione economica originaria, a vantaggio di altri interessi di nuova emersione. In particolare si è andati in modo lento, ma inesorabile, ad oscurare il fattore economico dell'istituto per evidenziarne un nuovo e, fino ad allora, ignorato profilo di tutela ambientale e paesaggistica. Tale tendenza ha trovato riscontro in primis nella cosiddetta Legge Galasso, a mente della quale le zone adibite ad uso civico venivano ex lege sottoposte a vincolo paesaggistico. Con l'evoluzione di questo processo, che si è successivamente perfezionato con il Codice dei beni culturali e del paesaggio e, più recentemente con la legge n.168/2017, l'interesse protetto dal vincolo paesaggistico diventa un tutt'uno con l'interesse alla preservazione degli usi civici. Questo passaggio da una funzione puramente economica ad una ambientale ha messo in risalto una serie di problematiche: competenze legislative, pianificazione urbanistica, circolazione delle terre gravate da uso civico...

Informazioni tesi

  Autore: Laura Bellocchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luigi  Principato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Con l’espressione “usi civici” si intende un coacervo di diritti di varia tipologia e differenti denominazioni, nati in seguito al crollo dell’Impero Romano, allorché, in assenza di un potere statale definito, le collettività locali hanno cominciato a dotarsi di propri strumenti giuridici, in base ai quali regolare lo sfruttamento dei territori rurali (in particolare quelli di montagna). In epoca medievale, l’unico diritto di proprietà propriamente detto sui suoli spettava al feudatario, così, in favore dei soggetti che materialmente coltivavano le terre, oppure le utilizzavano a fini di pascolo, si costituirono diritti reali di segno diverso, che sono poi confluiti nella definizione globale di “usi civici”. Tali diritti, nonostante la formale abolizione intervenuta nel periodo napoleonico, sono sopravvissuti fino all’Unità d’Italia ed in seguito, nonostante la liquidazione degli stessi disposta nel 1927, sono approdati all’età repubblicana. Attualmente, si stima che tali gravami siano presenti in una parte rilevante dei suoli di alcune Regioni d’Italia, tra cui in particolar modo, il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tutela dell'ambiente
legge galasso
usi civici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi