Skip to content

J.K. Rowling e Janusz Korczak: due modi diversi di intendere il mondo magico

La letteratura d’infanzia in Polonia

L’interesse per la creazione di una letteratura dedicata all’infanzia in Polonia si sviluppa, come nel resto d’Europa, intorno agli ultimi decenni del Settecento, con la pubblicazione delle Bajki (Favole) dell'illuminista Ignacy Krasicki (1735-1801) che, scritte sul modello di La Fontaine e delle classiche favole di Esopo, sono composte di soli tre o quattro versi e presentano il mondo degli animali come un mondo dove non governa nessuna virtù oltre la perfidia e la violenza dei furbi e dei potenti.

Nell'Ottocento è degna di nota l'opera di Stanisław Jachowicz, che nel 1824 pubblica le sue Bajki i powieści (Favole e racconti) che, grazie ad una discreta conoscenza della psicologia infantile, riesce a comporre 114 poesie originali scritte in un linguaggio semplice e quotidiano, in modo tale che siano di immediata comprensione anche per i bambini.

La prosa per ragazzi invece stenta a decollare sia per mancanza di opere proprie sia per la dipendenza dalle traduzioni o adattamenti di opere straniere in cui i nomi dei protagonisti, contesto storico e geografico sono cambiati con versioni polacche, trasformando ad esempio il Barone di Münchausen nel signor Prawdzicki z Wymysłowa (il signor Veritieri de Inventini).

Particolarmente ostacolate sono le traduzioni di opere quali Pinocchio o Alice in Wonderland, risalenti al 1910 e 1912, in quanto portatrici di elementi fantastici e quindi viste con scetticismo dagli editori e pedagoghi polacchi che preferiscono orientarsi verso testi d’ispirazione folkloristica anziché su racconti che avrebbero modificato o rivoluzionato il genere della letteratura d’infanzia polacca. Tale tendenza è invertita grazie alla poetessa, scrittrice e traduttrice Maria Konopnicka che, all'interno dei suoi componimenti, combina gli elementi del folklore polacco con una dimensione fantastica originale. Altra opera degna di nota del Novecento è il rifacimento delle Mille e una notte di Bolesław Leśmian, unico vero poeta simbolista polacco che, amando giocare col linguaggio per denunciare l’impossibilità di descrivere la realtà con le parole coincidenti ad essa, dota anche il testo infantile della stessa ricchezza linguistico-musicale dei suoi versi. I suoi testi dedicati all'infanzia, riscuotendo successo sia presso pubblico infantile sia quello adulto, travalicano il genere della letteratura infantile per una riflessione etico-filosofica.

Nel periodo tra le due guerre la Polonia si trova ad essere nuovamente indipendente dopo cento e ventitré anni di dominazione straniera seguita alle spartizioni del territorio polacco a opera delle tre aquile: Prussia, Austria e Russia. Allargatasi di territorio a seguito del trattato di Versailles (1919), i suoi governi locali devono creare istituzioni che superino i divari esistenti fra le varie regioni ed avviare il processo di democratizzazione che provoca un veloce cambiamento nei costumi, come ad esempio la maggiore integrazione delle donne all’interno della società lavorativa, che culminano nel 1922 con l’uccisione di Gabriel Narutowicz, primo presidente della Polonia indipendente.

Di tale scompaginamento approfitta il Maresciallo Piłsudski che prende il potere attraverso un colpo di stato ed inaugura quello che viene definito il periodo della sanacja, ovvero la sanazione del paese. Negli anni Trenta l’atmosfera si fa sempre più calda e divampano scioperi e proteste di operai ridotti alla miseria. Nel settembre del 1939, come noto, l’invasione della Germania Nazista di Hitler e delle Truppe di Stalin danno inizio alla Seconda Guerra Mondiale. Questa precaria situazione nazionale provoca negli intellettuali reazioni antitetiche: da una parte l’esaltazione per la libertà propria dell’avanguardia futurista di Tuwin, dall’altra il catastrofismo e le tendenze grottesche di Witkiewicz. Julian Tuwin, cantore dell’energia vitale e della giovinezza, pubblica le sue prime liriche per l’infanzia su Wiadomości Literackie, il più prestigioso periodico letterario tra le due guerre, nel tentativo di svecchiare il pubblico adulto, abituato ad una letteratura “seria ed impegnata”, con versi dedicati all’infanzia in cui rende buffi e maliziosi i comportamenti propri del mondo adulto.

Altra voce del periodo tra le due guerre è Janusz Korczak, la cui attività pedagogica e la biografia saranno più approfonditamente discusse nel capitolo successivo, il quale nei suoi racconti dedicati all’infanzia riesce a rievocare la logica ed il linguaggio proprio dei più giovani. Nel 1924 pubblica il romanzo Bankructwo małego Dżeka (Il fallimento del piccolo Jack), con cui l'autore si prefigge di insegnare le prime nozioni di economia ai più piccoli che cominciano ad avviarsi all’attività lavorativa. Il libro ottiene subito il consenso del pubblico, sia piccolo che adulto, a tal punto da essere inserito dal Ministero dell’Istruzione all’interno delle varie raccolte antologiche. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

J.K. Rowling e Janusz Korczak: due modi diversi di intendere il mondo magico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Pulejo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Elisabetta Marino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

magia
harry potter
j.k. rowling
magico
janusz korczak

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi