Skip to content

La crisi aziendale come opportunità di cambiamento

La reputazione durante una crisi aziendale

Si è visto come la reputazione, se ben gestita, rappresenti una risorsa in grado di garantire vantaggi competitivi all'impresa.

La letteratura si è sempre soffermata sul rapporto fra il ruolo della corporate reputation e la capacità aziendale di gestire e sopravvivere a una crisi, ma va detto che, nonostante gli studi si siano ampiamente sviluppati su questo tema, ci sono ancora due posizioni contrapposte a riguardo.

Alcuni studiosi, infatti, sostengono che una buona reputazione sia un asset vincente nella gestione di eventi critici perché l'opinione pubblica e gli stakeholder coinvolti riescono a essere più comprensivi verso un brand che si è sempre distinto per il suo comportamento etico e corretto, perdonando eventuali errori di comunicazione o altri eventi negativi.



La reputazione positiva ha una funzione difensiva nei confronti dell'organizzazione perché evita giudizi inflessibili da parte dei pubblici; crea il cosiddetto “effetto alone” che protegge il brand durante gli eventi traumatici perché viene mantenuto il supporto degli stakeholder.

A sostegno di questa tesi, nel 2009 Love e Kraatz condussero uno studio sulle società americane con un alto livello di reputazione dimostrando come queste – in seguito a tagli del personale – non avessero perso il consenso da parte dei propri portatori di interesse, come invece era accaduto ad altre aziende caratterizzate da una reputazione inferiore.

Una buona reputazione rappresenta quindi una risorsa strategica importante per la sopravvivenza delle imprese durante i potenziali eventi critici che possono incontrare perchè, secondo Gistri, consiste in una “riserva di capitale sociale” costruita nel tempo che rende gli stakeholder più indulgenti nei confronti degli errori del brand.

Come anticipato, molti studiosi non concordano con questa teoria, ma appoggiano una versione diametralmente opposta: una buona corporate reputation è in grado di amplificare gli effetti negativi della crisi perché rende la situazione ancora più inaspettata ed imprevista rispetto a un'impresa che già gode di cattiva fama.

La cattiva reputazione rappresenta una violazione delle aspettative degli stakeholder perché devia dai comportamenti che erano soliti attendersi in base dall'esperienza pregressa e di conseguenza fa perdere fiducia nel brand.

Se costruire una reputazione positiva è un processo che richiede un lungo periodo di tempo e un grande impegno da parte dell'organizzazione, ricostruirla dopo che è stata intaccata da un evento traumatico è molto più complesso.

In tale situazione infatti gli stakeholder rivalutano le loro opinioni riguardo al brand, che deve lavorare sodo per ottenere di nuovo la loro fiducia e per recuperare la credibilità persa dopo un proprio errore.

Questo processo non può essere fatto in un breve periodo, ma richiede molto impegno e una strategia precisa.

Con una gestione delle crisi efficace sin dalle prime fasi e dimostrando la propria volontà nel cambiare le cose e recuperare eventuali danni, la reputazione sarà più facile da riconquistare.

L'azienda infatti non può permettersi di tornare alle sue attività come se nulla fosse successo: deve riguadagnarsi la fiducia dei propri stakeholder anche per limitare il danno economico derivante dalla perdita di credibilità.

Fra gli esempi principali di imprese che sono riuscite a sviluppare la strategia efficace per recuperare la credibilità persa dobbiamo ricordare il caso Barilla, che nel 2013 non solo si è riuscita a riprendere dopo lo scandalo delle dichiarazioni omofobe da parte del suo Presidente, ma ha guadagnato maggior stima e fiducia da parte un segmento di consumatori rispetto a prima della crisi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La crisi aziendale come opportunità di cambiamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Marando
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Franco  Guzzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi