Skip to content

Plasticità cerebrale e principi di neuromodulazione: uno studio sperimentale sul ruolo della neuromodulazione, tramite training cognitivi, nella regolazione emotiva

La riorganizzazione del cervello adulto dopo lesioni

Questa consapevolezza, legata ai processi di riadattamento, permette di comprendere e interpretare i fenomeni di plasticità che si realizzano spontaneamente dopo che un agente patogeno di varia natura ha causato una lesione periferica (Fagherazzi et al., 2014).
Le esperienze comportamentali post-lesionali costituiscono un importante campo di indagine per comprendere questa significativa dinamicità della corteccia cerebrale e per attenzionare quali modificazioni strutturali e funzionali si verificano spontaneamente o possono avvenire in seguito a interventi di neuromodulazione, permettendo la compensazione della funzione lesa o facilitandone il recupero (Làdavas, 2012; Knotkova & Rasche, 2014).
Viene evidenziato come i cambiamenti neuroplastici emergano sia in condizioni di modificazione del sistema nervoso a seguito dei cambiamenti dell’ambiente esterno, indotti ad esempio da variazioni in termini di deprivazione o arricchimento dei segnali afferenti nei sistemi sensoriali (visivo, olfattivo, uditivo, somatosensoriale), sia in seguito a modificazioni del sistema nervoso in risposta a cambiamenti dell’ambiente interno, che si verificano in presenza di lesioni cerebrali focali o diffuse (Làdavas, 2014).
In tali condizioni, la neuroplasticità si manifesta sia a livello dei singoli neuroni e delle connessioni sinaptiche tra neuroni ma anche attraverso modificazioni dell’organizzazione topografica delle aree cerebrali.
Il cervello infatti ospita delle rappresentazioni o mappe corporee e spaziali funzionali, ordinate topograficamente, che possono essere modificate dall’esperienza e dagli apprendimenti o da lesioni cerebrali (Figura 3a).
La plasticità neuronale si manifesta nell’organizzazione somatotopica tramite l’assegnazione preferenziale dello spazio corticale a quelle aree periferiche più in uso, in risposta ad un cambiamento nell’input sensoriale, che è l’esito di una modificazione delle informazioni afferenti.
I neuroni della corteccia somatosensoriale possono quindi acquisire nuovi campi recettivi, mentre le rappresentazioni somatosensitive corticali si espandono in settori funzionalmente poco attivi per rappresentare, con maggior dettaglio, le zone somatiche circostanti alla zona deafferentata (Knotkova & Rasche, 2014; Làdavas, 2014).
In particolar modo, gli studi sulla soppressione di input sensoriali (deafferentazione) hanno messo in luce i fenomeni di plasticità neuronale precoce e tardivi, a seconda del diverso periodo di latenza necessario per il manifestarsi degli effetti di riorganizzazione neuronale dopo denervazione periferica.
I fenomeni di plasticità neuronale precoci conseguono ad amputazione di parti del corpo e a selettiva denervazione sensoriale o motoria (Làdavas, 2014).
Emerge come l’alterazione dell’input, può mutare l’organizzazione interna di un’area sensoriale corticale e che la deprivazione può comportare una riassegnazione funzionale dell’area sensoriale danneggiata (Stiles et al., 2012).
Ad esempio, alcune ore dopo la sezione di un nervo periferico, si verifica un’immediata espansione nei campi recettivi dei neuroni sensitivi corticali, della corteccia sia controlaterale che ipsilaterale all’area di denervazione (Làdavas, 2014).
Queste rapide modificazioni sono prontamente reversibili se si ristabilisce un normale pattern di afferenza sensoriale: quindi, una deprivazione sensoriale di breve durata, induce solamente modificazioni funzionali delle risposte neuronali senza causare alterazioni strutturali delle rappresentazioni corticali.
Le alterazioni più profonde delle mappe corticali sensitive e motorie, invece, si realizzano più lentamente. Queste modificazioni sono irreversibili e dipendono da cambiamenti strutturali delle sinapsi neuronali e da persistenti variazioni nel livello dei neuromodulatori e dei loro recettori (Làdavas, 2014).
Quindi, in un primo momento, si assiste ad un’attivazione dei processi di riparazione cellulare; successivamente emergono modificazioni delle proprietà funzionali delle sinapsi di circuiti neuronali esistenti (plasticità funzionale) ed infine si assiste alla crescita di ramificazioni assonali con la conseguente formazione ed eliminazione di contatti sinaptici e alla proliferazione e differenziazione di nuove cellule (plasticità anatomica o strutturale).
Anche molti anni dopo la lesione, il cervello può mantenere tale capacità di riorganizzarsi. L’utilizzo delle metodiche di neuroimaging in associazione alle tecniche di neuromodulazione, ha permesso di esaminare come il sistema nervoso cambi e si adatti in risposta ai vari stimoli, confermandone la neuroplasticità, evidenziando anche la possibilità di giungere ad una riattivazione dei circuiti corticali formati in seguito a processi di riorganizzazione funzionale (Balconi et al., 2016).
Pertanto, la neuromodulazione in tali condizioni può facilitare un’inversione dei cambiamenti cerebrali verso una maggiore normalità e facilitare un percorso mirato al recupero della funzione compromessa, favorendo un consolidamento del funzionamento globale e delle specifiche abilità cognitive coinvolte (Knotkova & Rasche, 2014).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Plasticità cerebrale e principi di neuromodulazione: uno studio sperimentale sul ruolo della neuromodulazione, tramite training cognitivi, nella regolazione emotiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Peraino
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica
  Relatore: Massimiliano Oliveri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emozioni
neuroscienze
tms
regolazione emotiva
neuroplasticità
plasticità cerebrale
corteccia prefrontale
tdcs
neuromodulazione
training cognitivi

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi