Skip to content

“Il testimone mai sentito”: La storia di Benjamin Murmelstein

La sua difesa alle accuse di collaborazionismo: la storia del testimone mai sentito

Benjamin Murmelstein lavorò duramente nel corso degli anni per dimostrare la sua innocenza e per lasciare una testimonianza di ciò che accadde all'interno di Terezin.
Scrisse, così, il libro “Terezin, il ghetto modello di Eichmann” in cui traccia in modo oggettivo la sua storia dal suo rapporto con Eichmann agli avvenimenti di Theresienstadt dal momento della sua deportazione fino alla liberazione.

“Ho fatto seguire la storia del ghetto ti Terezin da questa breve rassegna senza alcuna tendenza polemica, e per quanto riguarda la mia persona, con la stessa indifferenza che ho mantenuto per quindici anni, assistendo impassibile a una ridda di voci e di dicerie.

La meta che mi sono prefisso è arrivare, sgranando uno per uno i fatti e i documenti, alla dichiarazione con la quale il tribunale competente per i fatti di Terezin definisce attendibile la mia testimonianza, e attesta aver io messo la mia cognizione della materia al servizio della giustizia, per rendere un “contributo di prim'ordine” al chiarimento degli eventi.”

Quando Eichmann venne catturato si offrì come testimone, dal momento in cui fece la conoscenza dell'ex Obersturmbannführer, ancor prima che scoppiasse la guerra; nonostante ciò la richiesta non fu accettata, cosa che lo deluse tantissimo, soprattutto perché si arrivò a conclusione, nel processo, che non vi erano prove che Eichmann partecipò alla notte dei cristalli, quando invece Murmelstein proprio in quell'occasione vide l'Obersturmbannführer dare ordini ad un gruppo di militari che stava distruggendo ogni cosa.

L'ennesima delusione arrivò quando nel 1975 accettò un'intervista con Claude Lanzmann dove raccontava il suo punto di vista della vicenda sperando che il regista inserisse il loro incontro nel suo film capolavoro “Shoah”; purtroppo non fu così e per l'ennesima volta si sentì giudicato per crimini non commessi.

Solamente nel 2013 Claude Lanzmann pubblicherà l'intervista nel film “L'ultimo degli ingiusti” (“le dernier des injustes) dove, nella durata complessiva di tre ore e mezza, emerge l'immagine e la personalità di Benjamin Murmelstein che per tutta la durata dell'intervista non incarna mai la figura della vittima, ma, piuttosto, di una persona che ha accettato il passato e che vuole raccontare la sua storia per testimoniare.

Raccontare ciò che è stato per lui è fondamentale, Murmelstein, infatti, spiega che decise di non andarsene dopo la liberazione di Terezin, nonostante fosse in possesso di tutti i lascia passare per poterlo fare, ma decise di rimanere, anche se questo significa che parlerà da prigioniero, e per testimoniare perché è rimasto in vita per poter raccontare la storia di Terezin, di ciò che è accaduto all'interno di quelle mura e delle sue scelte e del perché del suo agire.

“Sono rimasto perché volevo parlare con lei, e ora parlo da prigioniero, è vero, ma si può dire che sono un prigioniero volontario, perché avrei potuto andarmene in ogni momento. Non me ne sono andato, così ora possiamo parlare, giusto?”

Murmelstein, inoltre, descrive il delicato ruolo da Decano degli Judenräte, senza mai generalizzare perché sa che per ogni circostanza e territorio lo Judenrat aveva obblighi e problemi diversi, ma vede il Decano di un consiglio ebraico come una persona che sta “tra l'incudine e il martello, fra gli ebrei e i tedeschi, e la persona in quella posizione può parare un bel po' di colpi, fare in modo che il colpo che arriva dall'alto non colpisca l'incudine, ma lui prende che tutti i colpi, non può evitarne nessuno.”

Grazie a questo film vediamo Claude Lanzmann che, dopo svariati anni, decide di prendere una posizione e di schierarsi dalla parte di Murmelstein, difendendo dalle accuse e mostrando al mondo la sua storia dando voce al “testimone mai sentito”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

“Il testimone mai sentito”: La storia di Benjamin Murmelstein

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Santoro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Francesca Sofia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazismo
memoria
olocausto
seconda guerra mondiale
shoah
theresienstadt
eichmann
judenrat
benjamin murmelstein
storia dell'ebraismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi