Skip to content

Le emozioni e l'apprendimento on line: un contributo di ricerca

Le emozioni e le espressioni facciali

Tra le varie modalità di comunicazione non verbale dello stato emozionale - come il sistema vocale, i gesti e la postura - non si può trascurare lo sguardo e il volto, le regioni che più attirano l’attenzione dell’interlocutore: un sistema privilegiato di comunicazione e trasmissione di significati. L’obiettivo di Darwin (1872) era mettere in evidenza il termine “espressione”, indicando un’azione che accompagnava uno stato mentale, che comprendeva non solo le emozioni ma anche sensazioni, comportamenti e tratti di personalità. Le espressioni facciali considerate dentro “gruppi” diversi, e non come categorie fisse e immutabili, crearono due corsi diversi di studi: uno etologico (con lo studio del comportamento animale nel suo ambiente) e uno psicologico, con studiosi vicini alle teorie darwiniane che si distinsero in tre scuole di pensiero.

La prima scuola, teorizzata da Woodworth (1938), ipotizzava che le espressioni facciali comunicassero famiglie di emozioni, accomunate da basi di piacevolezza e spiacevolezza, attivazione autonoma e rilassamento, attenzione o rigetto.
La seconda scuola di pensiero sviluppata da Osgood (Osgood, 1966) diede rilievo all’esibizione dell’espressione facciale e alla risposta dell’osservatore, generalizzando il significato del volto a livello transculturale.
La terza scuola, rappresentata da Frijda (1986), propose un modello di percezione dell’emozione basato sull’elaborazione delle informazioni: valutare le espressioni significava descrivere non solo la singola emozione riconosciuta nel volto, ma anche immaginare gli stati interni della persona oltre a quelli provocati dall’osservatore stesso. Altri aspetti come i meccanismi di base di produzione delle emozioni favorirono la nascita di due ulteriori ipotesi: quella globale e quella dinamica. Secondo la prima, esposta da Fridlund (Ekman & Fridlund, 1987), le configurazioni del volto sarebbero unitarie, chiuse, universalmente condivise, fisse e specifiche per ogni emozione. Per la seconda (dinamica) esisterebbe un processo sequenziale e cumulativo in ogni espressione facciale, come risultato della progressiva accumulazione/integrazione di singole fasi. Per tale approccio, le espressioni facciali sarebbero configurazioni motorie momentanee, flessibili e variabili, in grado di adattarsi alle varie situazioni. Ulteriori indagini hanno riguardato la trasmissione di significato delle espressioni facciali distinta tra prospettiva emotiva e comunicativa. Per Ekman e Izard (approccio emotivo) le “microespressioni” – espressioni facciali involontarie della durata di 1/15 di secondo - avrebbero un valore emotivo in quanto risposte immediate e involontarie delle emozioni (Izard, 1991), come categorie discrete. Da ciò deriva l’invariabilità culturale verificata da Ekman con soggetti appartenenti a diverse culture rispetto alle emozioni di base. Altri studiosi come Fridlund (1994), sostenitori della prospettiva comunicativa, hanno attribuito alle espressioni facciali un valore prettamente comunicativo poiché manifesterebbero agli altri le intenzioni del parlante. Le microespressioni quindi varierebbero in funzione del contesto e avrebbero un valore sociale, trasmettendo obiettivi comunicativi. Al di là degli studi effettuati, tutti gli studiosi sono concordi nel sostenere l’universalità della comunicazione espressiva delle emozioni, con molte microespressioni facciali presenti in tutto il mondo, in ogni razza e cultura umana (Frijda et al., 1989): rabbia, disgusto, felicità, tristezza, sorpresa, disprezzo e paura sono universali.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le emozioni e l'apprendimento on line: un contributo di ricerca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Vattani
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Processi Cognitivi e Tecnologie
  Relatore: Sebastiano Bagnara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emozioni
espressioni facciali
microespressioni
motivazione ad apprendere
action unit
apprendimento on-line
facial action coding system (facs)
rapporto tra emozioni e apprendimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi