Skip to content

Organizzazioni di Significati. Scoprire gli Arcipelaghi di senso attraverso i bisogni conoscitivi degli studenti.

Le implicazioni "sull’organizzare" le attività lavorative

I nuovi assetti organizzativi e di mercato, hanno sicuramente portato anche a nuove incertezze e sostanziali cambiamenti nel mondo del lavoro. I processi di business assai più mutevoli e incerti di un tempo portarono a dare sempre meno importanza alla struttura organizzativa e alla forma dei profili lavorativi necessari per la loro progettazione, realizzazione e gestione.

Scomparirono così le stabili strutture mansionali e occupazionali entro cui si erano sviluppati i vecchi profili di carriera che sono rimaste appannaggio di solide organizzazioni e/o istituzioni che basano la loro trasmissione culturale solo a persone che hanno dimostrato una cera appartenenza organizzativa.

Questa situazione ha determinato la nascita di alcune nuove invarianti:
- i processi di business per la loro crescente complessità e difficoltà di previsione-gestione , hanno richiesto dipendenti e persone con alte qualità professionali;
- la flessibilità richiesta dal mercato ha portato allo sviluppo di lavoratori con forti capacità e attitudini di adattamento pro-attivo alle situazioni lavorative (ridondanza di conoscenze, comportamenti professionistici, creatività, solidità dell’identità professionale);
- processi di gestione delle risorse umane basata sull’ orientamento al risultato, all’autocontrollo e all’ autoregolazione delle capacità di progettazione/negoziazione delle attività lavorative;
- la creazione di molte transazioni tra lavoratore e datore di lavoro, basate su scambi di tipo utilitaristico e di breve durata, invece che su affiliazioni professionali permanenti.

In questi contesti si sono determinate decise differenziazioni tra professionisti: si sono posizionati in condizioni contrattuali più favorevoli i lavoratori in possesso di abilità e Competenze/Conoscenze ritenute “forti” sul mercato. La stessa organizzazione del lavoro, perciò, si è articola sempre di più sulle caratteristiche professionali delle persone e sulla loro capacità di interpretare ed organizzare le attività in cui erano coinvolte.

I continui cambiamenti organizzativi, dovuti a mercati sempre più variabili e instabili e a tecnologie sempre più complesse e di veloce obsolescenza, hanno richiesto ruoli organizzativi nuovi e in continuo aggiornamento rispetto alle evoluzioni del mercato, generando la necessità di un life long learning o apprendimento lungo tutto l’arco di vita della persona. In un contesto lavorativo di questo tipo, il problema principale diviene quello di definire e costruire figure professionali innovative attraverso il quale migliorare e modificare le stesse attività lavorative.

I “mattoni” su cui vengono costruite e “ri-costruite”le nuove professioni divengono allora le competenze, intese come il risultato dell'apprendimento di conoscenze, capacità e atteggiamenti che consentano all'attore in un certo ruolo di erogare certe prestazione professionali, definite come comportamenti organizzativi. Tra risultati dell'apprendimento ed efficacia dei comportamenti messi in atto, non esistono corrispondenze univoche, ma uno scarto di tipo sistemico.

Per ridurre tale scarto, si sono create metodologie sempre più sofisticate di analisi del lavoro, dal quale ottenere obiettivi esaustivi sul quale poi definire le figure professionali e progettare gli interventi organizzativi. Selezione, valutazione e formazione del personale, job enrichment ed enlargement, sono alcune delle iniziative poste in essere nel tentativo di diminuire lo iato esistente tra apprendimenti e prestazioni organizzative (Isfol, 1985). Tuttavia, queste considerazioni hanno portato alla conclusione che, l'apprendimento di capacità e tecniche operative specifiche non è sufficiente all'erogazione di prestazioni efficaci.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Organizzazioni di Significati. Scoprire gli Arcipelaghi di senso attraverso i bisogni conoscitivi degli studenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Donati
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia delle Organizzazioni e dei Servizi
  Relatore: Carlo Bucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi