Skip to content

La durabilità del pellet prodotto con residui di potatura

Le materie prime per la fabbricazione del pellet di legno

Stando alle normative attualmente vigenti, il pellet da impiegare come biocombustibile deve essere fabbricato con materiali vegetali (legnosi ed erbacei) non trattati ovvero non contaminati con altre sostanze (ad es. plastiche, colle, vernici, preservanti).
I materiali effettivamente impiegati per la produzione di pellet di legno sono oggi in prevalenza rappresentati dai residui della lavorazione industriale del legno (scarti di legno vergine di varia pezzatura).
In base ad uno studio condotto da Cerullo e Pellegrini (2002) per Federlegno-Arredo, la produzione di scarti legnosi vergini da parte del sistema legno arredamento italiano ammonta a circa 2 – 2,5 milioni di tonnellate all’anno. Questa grande quantità di residui non può, tuttavia, essere considerata interamente impiegabile per la produzione del pellet, in quanto nelle varie industrie del legno è molto elevato (ed ancora crescente) l’autoconsumo per impiego energetico; inoltre, nel mercato delle materie prime secondarie i produttori di pellet devono concorrere con i pannellifici e le cartiere. In ogni caso, in Italia, all’attualità, i problemi di approvvigionamento dei pellettifici non sembrano tanto legati alla disponibilità di materiale quanto piuttosto al suo prezzo e ai costi di trasporto, in quanto sul mercato di vendita i nostri produttori debbono concorrere con il pellet di importazione (Hellrigl,n.d).
Da un’indagine condotta da Paniz e Pettenella (2004) sul settore è emerso che, accanto agli scarti di legno vergine (93% circa della materia prima complessivamente impiegata), i pellettifici italiani utilizzano anche:
- il cippato di bosco, sia derivante da coltivazioni energetiche dedicate che ottenuto da tagli di cedui o tagli intercalari in fustaia (2,2% della materia prima);
- i residui di potature agricole (1,5% del materiale impiegato).
Oltre a questi materiali è stato individuato anche l’impiego di materia prima da coltivazioni dedicate di sorgo da fibra o mais, paglia di cereali, altri residui agricoli di natura erbacea da parte di una delle imprese intervistate, che tuttavia costituisce un caso anomalo e singolare nel campione esaminato.
I fornitori di materia prima dei pellettifici italiani sono, pertanto, principalmente rappresentati da segherie e falegnamerie, industrie per la lavorazione del legno e industrie dell’arredamento, ma anche da aziende agricole e colture energetiche dedicate.
Sempre a proposito della materia prima, il ridotto ricorso al legno di bosco pare giustificato da una certa remora legata alla presenza di una discreta quantità di corteccia (che fa aumentare il contenuto in ceneri e alcune emissioni di inquinanti), al più elevato costo del materiale e della sua pellettizzazione, nonché all’incostanza del contenuto idrico del “legno di bosco” e alla sua qualità spesso multispecifica (in senso botanico) (Hellrigl).
Recentemente il problema della produzione di pellet con i residui della lavorazione boschiva è stato affrontato, in relazione alle emissioni dannose, da Olsson et al. (2003), i quali hanno concluso che il pellet da legno vergine dovrebbe essere riservato alle utenze domestiche mentre quello “da bosco” sarebbe più indicato per i grandi impianti con purificazione dei fumi e con possibilità di fare tornare la cenere in foresta.
Per quanto riguarda, invece, l’utilizzo di biomasse agricole residuali, i principali ostacoli risiedono soprattutto nell’elevato contenuto in ceneri, cloro, azoto e potassio resi più rilevanti dall’uso di fertilizzanti in agricoltura. Di fronte a crescenti livelli del costo dell’energia, la necessità di rifornirsi di materia prima direttamente in bosco o presso le aziende agricole sussiste, però, chiaramente e può rappresentare una reale alternativa a patto che, secondo quanto sostenuto da più parti, su tali materiali vengano eseguiti test rigorosi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La durabilità del pellet prodotto con residui di potatura

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gioacchino De Vanna
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Agraria
  Corso: Gestione dell'Ambiente e del Territorio Forestale
  Relatore: Antonio Pantaleo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biocombustibili
pellet
durabilità
pellet da residui di potatura
biomassa
stoccaggio
ceneri
residui di potatura
pellettizzazione
feudo dei verità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi