Skip to content

L'accoglienza critica italiana a The Last Temptation of Christ (L'ultima tentazione di Cristo, 1988) di Martin Scorsese

Le riviste non specializzate

Il Borghese è una delle prime riviste a presentare un giudizio critico del film di Scorsese, nell’ambito di un articolo sulla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Si descrivono come «prevenuti» gli «applausi della maggior parte del pubblico» alla prima di The Last Temptation of Christ, a cui sono riservati «i giudizi più sofisticati, e anche inquinati» da parte della critica. Il film viene qui letto come mera operazione commerciale («Quello che urgeva era far soldi al botteghino e Scorse ha saputo compiere un miracolo: quello della moltiplicazione dei biglietti d’ingresso»), in cui la rappresentazione del Cristo è priva di valori artistici: «[…] quel nazareno un po’ schizofrenico […] è piuttosto insensato. […] nel film, il Redentore ha una predilezione per le sottane». Si dubita anche della buona fede del regista: «Quando Scorsese dice: “Il mio film è una preghiera”, la sua sincerità fa il paio con quella di […] Rondi quando afferma […]: “Io e Biraghi siamo amici da sempre. Sono felice di vederlo direttore della Mostra”». Si afferma anche, con un’evidente iperbole, che «si trovano produttori americani disposti a investire molte decine di milioni di dollari per un film che descrive Gesù uomo».
Le riviste di stampo cattolico mantengono un profilo prevalentemente negativo nel giudicare il film di Scorsese, tuttavia non manca chi gli riconosce alcune qualità. È il caso di Luigi Bini, che parla di un’opera «esaltata da una dimensione figurativa eccezionale che si dispiega in pagine di autentica bellezza», «quasi sempre pervasa da una robusta coerenza drammatica». Apprezza anche «la fisicità della rappresentazione e della ripugnanza di Gesù a farsi crocifiggere e dello scempio delle sue carni», in quanto «rende tangibile e commovente la verità della sofferenza dell’uomo-Dio». D’altro canto, però, Bini fa notare delle «deficienze», «imputabili ai limiti di consapevolezza culturale e di profondità religiosa oltre che di gusto e genialità dell’autore» che «compromettono la validità dell’opera». Tra queste enumera «le cadute nel naïf […], le indulgenze all’Hollywood di sempre […], l’inettitudine a distanziarsi dalla violenza». Lamenta anche l’eccessiva durata («Dura almeno mezz’ora di troppo») e il kitsch, che «svolta, magari involontariamente o inopportunamente, sul versante dell’humor».
Studi Cattolici intitola “Il soufflé si sgonfia a Venezia” un box retrospettivo dedicato alla Mostra del Cinema. Il soufflé in questione è ovviamente il «prima-discusso-poi-visto gonfiatura-film L’ultima tentazione di Cristo». L’autore cita la recensione apparsa su la Repubblica, commentando: «La giuria di Venezia poteva dare un premio, per la migliore stroncatura, a Tullio Kezich».
Su Testimonianze, Alberti afferma: «Fra l’intervento sconsiderato (a priori) di Zeffirelli e la lode (a posteriori) di Dafio Fo non sapremmo che cosa scegliere». Al di là di questo amletico dubbio, il suo giudizio rimane negativo: lamenta infatti «la gravità delle inconciliabilità con la narrazione evangelica», e quanto alle sequenze di «Cristo che fa all’amore» le definisce «semplicemente, una volgarità». Conclude riassumendo gli eventi dell’ultima tentazione, e commenta: «Basta raccontarle le cose per accorgersi della loro ridicolezza […] degna di Woody Allen».

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'accoglienza critica italiana a The Last Temptation of Christ (L'ultima tentazione di Cristo, 1988) di Martin Scorsese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elia Gonella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Tomaso Subini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1988
accoglienza critica
cinema
cristologico
critica
last temptation of christ
martin scorsese
recensioni
scorsese
ultima tentazione di cristo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi

//Since preload is not supported in firefox until now (according to this) browsers the only way to do it is to declare it twice in the one rel tag or two separate tags.