Skip to content

Coltivare il benessere attraverso il pensiero psicologico positivo

Migliorare il benessere e alleviare i sintomi depressivi con la psicologia positiva

Uno degli obiettivi comuni è quello di essere felici (Diener & Diener, 1996). Negli USA solo il 20% della popolazione crede di vivere in una condizione di benessere (Keyes, 2002). Molti individui, anche se clinicamente sani, hanno la percezione di essere “bloccati” in una condizione non ottimale e cercano costantemente di migliorarla, in quanto quando ci si sente felici, si ottengono risultati migliori in tutti i campi, dalla vita sentimentale a quella professionale (Lyubomirsky, King & Diener, 2005).

Sorge spontanea una domanda: Quali interventi usare al fine di aumentare la felicità?

Una risposta molto esaustiva a questo interrogativo è data dalla psicologia positiva, la quale ha come obiettivo principale la promozione del benessere soggettivo, anche in assenza di patologie, migliorando l'aspetto edonico (affettività/soddisfazione) ed eudaimonico (auto-accettazione, autonomia e scopi di vita) (Ryan & Deci, 2001).

La seguente ricerca aveva proprio come obiettivo quello di verificare se gli interventi della psicologia positiva indirizzati alla promozione del benessere riuscivano ad alleviare i sintomi depressivi. Essa è stata pubblicata nel 2009 all'interno del Journal of Clinical Psychology da Nancy, Sin e Sonia Lyubomirsky. L'indagine comprendeva diverse tecniche di psicologia positiva, come ad esempio: praticare il pensiero ottimista, scrivere una lettera di ringraziamento, vivere o rivivere esperienze di vita positiva; per un totale di 51 studi distribuiti su un campione pari a 4666 persone, e in cui i fattori tenuti in considerazione per l'efficacia del trattamento erano: età, livello di depressione, autoselezione, formato e durata della terapia.

I risultati dimostrarono che gli individui affetti da depressione avevano ottenuto maggiori benefici dalla terapia positiva rispetto al campione non clinico, soprattutto i pazienti adulti (probabilmente perché avevano una maturità maggiore) e quelli che avevano deciso di partecipare spontaneamente al lavoro, spinti magari dalla voglia di migliorare la propria condizione. Altri cambiamenti significativi si sono registrati nelle terapie individuali, seguite da quelle di gruppo e per ultime quelle di auto-aiuto. Aver preso parte a un programma di psicologia positiva aveva aiutato a far decrescere i sintomi depressivi a favore di un incremento significativo del benessere, rispetto invece al gruppo di controllo, il quale aveva seguito un programma standard o placebo. I risultati appena illustrati possono essere considerati molto soddisfacenti e dovrebbero invitare i professionisti a prendere in maggiore considerazione la terapia positiva, integrandola ai programmi standard nella cura della depressione. Le proposte conclusive dalla ricerca erano:

• impegnarsi nella promozione del benessere nella vita quotidiana anche dopo aver terminato la terapia, con lo scopo di evitare ricadute e ottimizzare i risultati ottenuti;

• tenere sempre in considerazione la cultura di appartenenza dell'individuo al fine di organizzare al meglio il programma.

Gli interventi di psicologia positiva, pertanto, possono realmente accrescere il benessere soggettivo, anche nelle condizioni depressive.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Coltivare il benessere attraverso il pensiero psicologico positivo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Maddalena Giampaolo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giuseppa Filippello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benessere soggettivo
psicologia positiva
pensiero positivo
esperienza ottimale
caratteristiche benessere
psicologia del benessere
seligman e psicologia positiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi