Skip to content

Il miglioramento continuo dei processi: un caso di studio (la catena di fornitura della UNICEF)

Misura nel processo

Uno degli aspetti più importanti nella realizzazione di un processo o di un qualsiasi lavoro o attività è la qualità con cui si effettua. Realizzare correttamente qualcosa significa sicuramente ottenerlo secondo delle aspettative ma non solo. Nelle aziende, come anche nella vita comune, implementare bene qualcosa significa riuscire a produrre un prodotto finito, secondo la sua accezione più estesa (oggetti, servizi, supporto, passaggio di informazioni), in modo esatto, preciso, in tempi accettabili ed evitando per quanto possibile sprechi di qualsiasi forma (tempo, materiale, denaro).
Misurare implica controllare mediante indicatori come si sta realizzando qualcosa. Le aziende nascono con una missione nel lungo periodo e da questa estraggono le visioni nel breve e medio termine. Per rendere possibili queste visioni si costruiscono delle strategie.
Le strategie individuano i processi fondamentali da realizzare per arrivare agli obiettivi. Dalla strategia si individuano quindi una serie di sotto-obiettivi legati ai processi, questi sotto-obiettivi si indicano con goal, o anche fattori critici di successo.
L’individuazione dei goal avviene con un processo gerarchico a cascata. Partendo dai goal strategici, si ricava una gerarchia di sotto-goal, chiamati anche metriche e legati ai sotto-processi.
Creare una gerarchia di goal non è un compito semplice. Riprendendo l’affermazione di Norton e Kaplan,“ l’azienda ottiene ciò che misura”,è indispensabile fare delle osservazioni.
Quando si fissano dei goal strategici le metriche che ne derivano devono essere:
- concordi con l’obiettivo
- concordi tra di loro
di questi due punti cardine il primo è necessariamente ovvio, il secondo invece potrebbe non essere semplice da realizzare.
Pensando alla creazione di una catena valore, è naturale ipotizzare che effettuando un certo sottoprocesso al meglio non possa che portare giovamento. In realtà, osservando le attività immerse in una catena valore, può capitare che avere molte risorse allocate per un sottoprocesso non dia i migliori risultati a livello complessivo. Per esempio non ha molto senso, allocare molte risorse a un processo, se il processo seguente non riesce a consumare l’input in arrivo. Questo significa che bisogna fissare dei goal in modo calibrato, tali da saturare tutti i processi della catena.
Il secondo grosso problema che ci si trova ad affrontare avviene quando il raggiungimento di un obiettivo, blocca la realizzazione di un altro. Per esempio, si vuole vendere di più un prodotto e aumentarne la qualità per fidelizzare il cliente ma allo stesso tempo si vogliono limitare i costi. Questi due obiettivi sono necessariamente in opposizione, aumentare la qualità di qualcosa porta inevitabilmente all’aumentare dei costi.
Più controllo sul prodotto finito, più pubblicità, maggior lavoro post-vendita per rassicurare il cliente, sono tutte possibili effetti del primo obiettivo, e vanno contro il secondo. Per risolvere questo conflitto, le aziende accettano (anche per interesse) di mettere al centro il cliente, quindi quando due obiettivi sono contrapposti si segue questa filosofia, si cerca di capire il desiderio del cliente.
Parlando di misure, è naturale chiedersi quanto possa costare un sistema di misurazione. Misurare è un’attività come molte altre all’interno di una azienda è come tale ha un costo. Ecco quindi che la creazione di diversi indici di misura va considerata in modo puntuale nelle diverse unità operative, estraendo quelle importanti che prendono il nome di KPI – Key performance indicator. Si tornerà tra breve ad una descrizione più dettagliata dei KPI, molto utilizzati nei sistemi di stima.
Una grossa divisione delle misure è quella tra misure interne ed esterne. Le misure esterne indicano quelle tracciate all’esterno dell’azienda e quindi relative a come stanno funzionando le catene del valore. Queste sono le misure più importanti.
Le misure interne invece individuano misurazioni legate all’andamento di particolari attività all’interno dell’azienda. Sono legate ai sottoprocessi della catena del valore.
E’ importante trovare un modello che permetta di scolpire nella mente cosa siano le misure e come sono adottate. Partendo dalle misure esterne, per analogia verranno definite quelle interne.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il miglioramento continuo dei processi: un caso di studio (la catena di fornitura della UNICEF)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Ferrara
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze e Tecnologie Informatiche
  Corso: Informatica
  Relatore: Antonio Di Leva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bpmn
idef
kpi
processo
unicef
visione strategica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi