Skip to content

Una pittrice donna a Palermo: Rosalia Novelli e i pittori fiamminghi

Motivi d'intesa tra pittori fiamminghi e intellettuali siciliani:il "neo-senechismo europeo"

Sin dal ‘500 nei Paesi Bassi aveva cominciato a diffondersi un particolare interesse per scrittori romani di prosa storica quali Livio, Plutarco, Tacito e Seneca, e per poeti mitologici, Ovidio in testa. Durante gli scontri delle province del Nord con la Spagna per l’indipendenza tra la fine del ‘500 e gli inizi del ‘600, questi personaggi assunsero una fisionomia politica attuale divenendo grandi esempi di forza e virtù. Non a caso in quegli stessi anni il filosofo olandese Justus Lipsius si occupò di reinterpretare quei grandi testi in chiave cristiana, rintracciando nelle biografie degli eroi repubblicani descritte da Livio principi etici universali ed esempi morali.
Questo fenomeno culturale investì pienamente anche l’arte locale fiamminga: Hendrick Goltziusnel 1586 incise la serie degli Eroi Repubblicani ispirandosi alla Giovane Storia di Roma di Livio, ed anche la grande pittura non mancò di rendere il suo omaggio ai grandi personaggi romani; oltre alle opere della scuola caravaggesca di Utrecht ( Dirck Van Baburen, Hendrick Terbrugghen, Gerrit van Honthorst ), questi soggetti popolarono quelle di Joachim Von Sandrart, del Giusto Fiammingo, e dello stesso Rubens. Quest’ultimo, il cui fratello Philip tra l’altro fu allievo del Lipsius, fu autore di un Muzio Scevola davanti a Porsenna, oggi a Budapest, e di una Morte di Seneca oggi all’Alte Pinakothek di Monaco.
Personaggi come Catone, Seneca e Muzio Scevola riassumevano caratteristiche che dovevano apparire rassicuranti in un periodo costellato da continue crisi politiche, sociali e religiose, poiché rappresentavano il mito forte dell’eroe antitiranno che rifiuta la mondanità e guadagna la libertà interiore. Seneca nel Seicento ebbe grande fortuna per le sue riflessioni sulla vita e sulla morte: nel De Brevitate Vitae egli afferma che «..Per afferrare il retto senso dell’esistenza è necessario pensare che essa è condizionata dalla morte», e nelle Epistole ad Lucinium la morte è «il termine a cui tende tutta la nostra esistenza, il pensiero che rende accettabile la vita, perché ci assicura la libertà e la liberazione dalla sofferenza...» .
L’espressione ‘neo-senechismo europeo’, coniata dallo storico Giarrizzo, identifica in modo esauriente una situazione politico-ideologica che accomuna le sorti e le vicende delle Fiandre a quelle della Sicilia a cavallo tra i due secoli, particolarmente tra 1590 e 1650.
Nel Seicento a Palermo il malcontento per la cattiva politica intrapresa dalla Corona Spagnola arrivò a toccare più o meno tutte le classi sociali della città, compresa la vecchia nobiltà monarchica, generando in diversi casi vigorose tendenze autonomistiche, tutte convergenti verso un’ideale di monarchia siciliana indipendente dalla Spagna, simile a quella illuminata normanno-sveva e come questa interessata unicamente al «comune vantaggio».
In Sicilia le opere più vigorose in tal senso furono lo scritto politico di Mario Cutelli, il Codex Legum Sicularum composto tra il 1629 e il 1634, e le Tumultuazioni di Collurafi, quest’ultimo di forte impronta neostoica, uscito nel 1650.
In gran parte imbevuta di neo-senechismo era anche gran parte dell’opera poetica del galileiano Simone Rao. Nei suoi componimenti egli tratta temi quali la fugacità della vita, della bellezza che fugge corrosa dal tempo, e della caducità di tutto ciò che è terreno.
Immersi in una situazione politica stagnante e consolati soltanto da aspirazioni libertarie che quando si realizzavano si rivelavano fallimentari, molti nobili siciliani stoicamente reagirono ritirandosi a vita solitaria, autoescludendosi dalla civiltà e rinunciando all’impegno politico dedicandosi ad una vita contemplativa, preferibilmente in una residenza di campagna, luogo ideale d’evasione.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Una pittrice donna a Palermo: Rosalia Novelli e i pittori fiamminghi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Cappello
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Arti Visive
  Relatore: Angela Ghirardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 221

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

condizione femminile
sicilia
seicento
genova
palermo
donne artiste
fiamminghi
carlo maria ventimiglia
pietro novelli
rosalia novelli
sofonisba anguissola
anton van dyck

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi