Skip to content

Neuropsicoanalisi e Memoria

Organizzazione e funzionamento della memoria

Gli studiosi cognitivisti dividono la memoria in una serie di componenti funzionali che presiedono le fasi di registrazione, immagazzinamento, rievocazione delle informazioni, che trovano una rappresentazione in diverse regioni corticali − lobo temporale, regione frontale − in nuclei della sostanza grigia sottocorticale − ippocampo e talamo − e nella regione anteriore basale. Un’informazione in entrata non viene semplicemente trattenuta o dimenticata, ma attraversa tre fasi di diversa durata :

1. codificazione (encoding), acquisizione di una nuova informazione
2. immagazzinamento (storage), ritenzione dell’informazione
3. recupero (retrieval), dell’informazione

Questo modo di descrivere le funzioni della memoria naturalmente non tiene conto della sua profonda complessità ma si rivela molto efficace per dare una prima idea delle fasi necessarie.
Gli stimoli esterni che pervengono all’individuo attraversando gli organi di senso, circolano nel sistema nervoso sotto forma di oscillazioni elettriche che dopo 10 o 20 secondi si perdono se non c’è interesse o le informazioni non si possono collegare per associazione a quelle già presenti. La condizione per cui uno stimolo percettivo in entrata venga codificato è legata al passaggio dalla memoria immediata a quella di lavoro in cui il materiale viene riorganizzato per una corretta trasmissione e rappresentato secondo un numero di dimensioni maggiori rispetto ai codici visivi o fonologici della memoria immediata. Dagli studi di neurobiologia della memoria sappiamo che la memoria immediata può essere distrutta da una lieve stimolazione elettrica che cancella tutta l’informazione ricevuta negli ultimi 18 secondi e interrompe sul nascere dal principio il programma di apprendimento innescato.

Oggi il termine memoria a breve termine viene usato per indicare due aspetti, uno passivo - percettivo (memoria immediata) e uno attivo – operativo (memoria di lavoro). Sul piano fisiologico, l’informazione trattenuta nella memoria a breve termine richiede l’attivazione di circuiti cerebrali riverberanti : i dati che compongono una esperienza attivano una rete neuronale, creano una leggera attività elettrica che continua a percorrere questo circuito diverse volte fino a disperdersi o determinare dei contatti stabili con il supporto di altre strutture corticali e sottocorticali. Questo potrebbe farci capire il motivo per cui le informazioni ritenute dalla memoria a breve termine, oltre a non superare uno span di 7 o 9 unità di informazione, sono soggette a una rapida dissoluzione (Miller, 1956).

La memoria di lavoro (ML) rappresenta il secondo livello operativo in cui può arrivare l’informazione; è strutturata in più componenti e costituisce una “superficie” su cui si attua tutta l’attività mentale cosciente di una persona. Essa è articolata in tre sottosistemi : un centro di controllo dell’attenzione definito Esecutivo Centrale, che collega le attività della memoria a lungo termine con le altre componenti della ML; un servo-sistema capace di acquisire e manipolare materiale di natura visivo-spaziale, chiamata “sketch pad” o taccuino visuo-spaziale; e un’altra sotto-componente, Loop articolatorio, specializzata nella organizzazione del materiale verbale e legata ad un processo di ripetizione articolatoria.
La memoria di lavoro è una memoria attiva e rilevante solo per un breve periodo di tempo, si pone tra la memoria a breve termine (nello specifico, la sua componente passiva) e la memoria a lungo termine, trattiene i dati necessari a svolgere un compito specifico, esercitando azioni di analisi, processamento e confronto delle informazioni. Il Sistema Esecutivo Centrale della ML è fondamentale per la selezione e l’esecuzione delle strategie, gestisce l’attenzione secondo le richieste del compito, ed è responsabile dell’attività di pianificazione e coordinamento di molti comportamenti della persona; per queste e altre sue importanti proprietà, un eminente
neuroscienziato (Damasio, 1999) ha definito la memoria di lavoro come un particolare aspetto della coscienza estesa.

Da quanto abbiamo fin qui esposto va da sè il fatto che i processi di codifica, ritenzione, recupero determinano modificazioni di vario grado sul tessuto nervoso e su reti di crescente complessità formate da neuroni e sinapsi, cosi che, da una prima corrente di ioni che sollecita alcune parti di questo sistema si possono determinare cambiamenti a breve termine che hanno come correlato fisiologico circuiti neuronali riverberati legati all’esperienza immediata; questa attività che ripetuta nel tempo può modificare l’assetto strutturale e la biochimica delle stesse reti e creare una traccia distribuita e permanente che chiamiamo ricordo. Le scienze neurobiologiche, rifacendosi ad un’idea già proposta dal neurofisiologo D. Hebb nel 1949, considerano la memoria come “un cambiamento delle probabilità di riattivare in futuro un particolare pattern di connessioni neurali” e ancora, che “la stimolazione in passato di un determinato profilo neurale aumenta la probabilità di una sua attivazione in futuro”. Questo è il modo in cui la rete neurale “ricorda” (Hebb, 1975).
E’ proprio in riferimento al concetto di ricordo, come capacità di recuperare esperienze passate e localizzarle nello spazio e nel tempo (funzione esplicita) o funzione che consente di modellare pensieri e attuare azioni in base alle esigenze presenti (funzione implicita) , che chiamiamo in campo la memoria a lungo termine (MLT).

Essa si caratterizza per essere un sistema in cui l’informazione viene mantenuta stabilmente per un periodo indefinito, che può arrivare alla durata di tutta la vita. Nella MLT i ricordi hanno una rappresentazione anatomica ampiamente distribuita e per la loro formazione richiedono una connessione tra vaste “popolazioni” neuronali; inoltre, l’informazione in entrata subisce una codifica multimodale, viene poi immagazzinata sotto forma semantica, nel senso che il ricordo non rispecchia fedelmente le caratteristiche dello stimolo originario ma è una rappresentazione flessibile che si crea attorno a degli elementi significativi, infine, le memorie vengono costantemente consolidate a livelli sempre più profondi cosi che ”quanto più è remota una memoria tanto è meno probabile che essa venga alterata da un danno di natura neurologica” (Ribot, 1839-1916). La scoperta di un gradiente temporale per le memorie esplicite, evidente nei casi di amnesia retrograda, fu scoperta da Ribot (Mecacci, 1995) nome da cui deriva la stessa legge.
La memoria a lungo termine a sua volta può essere suddivisa in sotto componenti funzionali distinte per significato operativo, per le modalità di codifica e di richiamo. La memoria dichiarativa rappresenta la base conoscitiva del mondo e degli avvenimenti ed è divisa nella componente episodica (fatti e eventi personali fortemente legati al contesto in cui è avvenuta l’acquisizione e connotati emotivamente) e in quella semantica (conoscenze generali e enciclopediche, decontestualizzate costruite attraverso lo studio). Caratteristica fondamentale della memoria dichiarativa è il fatto che praticamente tutti i compiti sono di natura esplicita, il processo di recupero dell’informazione richiede necessariamente l’intenzione da parte del soggetto e l’impiego di risorse attentivo.
Questi tipi di ricordi sono archiviati nelle cortecce associative e richiedono l’attivazione di un insieme di strutture diencefaliche e temporali appartenenti al sistema limbico : il giro del cingolo, l’amigdala, l’ippocampo e le corteccie paraippocampali. Ricordiamo sempre che non esiste un centro neuronale della memoria, l’emergere di un ricordo autobiografico ad esempio non è legato all’attività di singole aree ma è piuttosto il risultato dell’interazione dell’intera attività corticale; ognuna di esse però svolge un lavoro specifico e complementare all’altra. Il prodotto dell’attività mnestica è allo stesso tempo distribuito : diverse aree del sistema nervoso centrale partecipano all’immagazzinamento di una determinata informazione, ma è anche localizzato : sono coinvolte parti specifiche dell’intero sistema.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Neuropsicoanalisi e Memoria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Princi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Maria Quattropani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia clinica
memoria
neuroscience
neuropsicoanalisi
funzioni mentali
pscicoanalisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi