Skip to content

Orientalismo e storiografia in Leone Caetani

Orientalismo di Edward Said: storia di una colonizzazione culturale

Trattando dell'"Orientalismo", Said esordisce con una triplice definizione che lo definisce: 1) Come un ambito disciplinare che studia i costumi, la letteratura, la storia dei popoli orientali; 2) Nell'accezione più ampia del termine, come uno stile di pensiero fondato sulla distinzione ontologica ed epistemologica tra Oriente ed Occidente; 3) Come storia della colonizzazione culturale, nel secolo XVIII, da parte dell'Occidente, che considera l'Oriente come manifestazione del dominio euroamericano. In ogni caso, si tratta di "un fenomeno culturale e politico, e non soltanto una vuota astrazione".

Certamente questo di Said è uno dei testi più discussi degli ultimi trent'anni, se è vero che Orientalismo rappresenta ormai un genere di "testo collettivo che eccede di gran lunga il suo autore"; così come, d"altra parte, l'orientalismo stesso è venuto progressivamente a mostrarsi, nel dibattito corrente, come qualcosa che celebra più di un mero riferimento all'Oriente. Per esempio, negli Stati Uniti, in India e in Inghilterra, tale dibattito ha riguardato temi più generali come le concatenazioni tra sapere e potere, tra formazione della conoscenza e politica coloniale, tra riproduzione dell"altro ed egemonia imperiale, all'interno di un complesso e vario di campo di studio: dalla critica letteraria alla storia, dall'antropologia all'analisi della cultura, dalla critica d'arte agli "area studies", dagli studi mediorientali alla teoria femminista.

Il modello teorico attraverso cui Said legge l'orientalismo (un puzzle composto da concetti ripresi da autori assai diversi come, tra gli altri, Michel Foucault, Friedrich Nietzsche, Claude Lévi-Strauss, Antonio Gramsci), la sua incessante attenzione alla eterogeneità del "campo d'azione del discorso orientalista" (in grado di percorrere tanto le tragedie di Eschilo quanto gli elaborati di Marx, gli studi degli orientalisti classici come Rensn e Massignon e le indagini filologiche di Friedrich Schlegel e di William Jones, la creazione letteraria di Dante, Flaubert e Carlyle, la pittura di Delacroix, l'organizzazione di amministratori coloniali come Balfour e Lord Cromer, come pure le opinioni di uomini politici come Napoleone e Henry Kissinger) hanno inciso profondamente sulla promozione di nuovi metodi ed ambiti di studio transdisciplinari e sulla progressiva delegittimazione dell'ingerenza politica nel campo dei saperi e dei limiti disciplinari propri della tradizione umanistica.

Said, nel primo capitolo di Orientalismo, richiama la distinzione tra società civile e politica di cui parlava Gramsci, con riferimento preciso alla cultura in grado di condizionare la società attraverso la rilevazione del consenso inteso come supremazia che supporta un preciso impianto d'idee. Egli compie poi una digressione che percorre la letteratura occidentale differenziando tra il "sapere puro", caratteristico degli umanisti e lontano da connessioni politiche, ed il "sapere politico" impelagato in incombenze e coinvolgimenti amministrativi e finanziari.

A questo proposito egli ricorda la concezione di "studio obiettivo", del linguista americano Chomsky, utilizzata durante la guerra del Vietnam per occultare le latenti intimazioni ideologiche delle potenze imperiali a tutela dei loro interessi. Anche Marx, aveva detto, parlando degli "altri", che essi non possono rappresentare se stessi e dunque devono essere rappresentati. In riferimento alla superficialità con cui si volge lo sguardo agli orientali, spesso le descrizioni che hanno per oggetto l'Oriente non sono intese come verità, ma come semplici rappresentazioni. Nello specifico, a parere di Said, vi è un indissolubile legame tra potere e conoscenza che ha sintetizzato la figura dell'orientale servendosi di certi stereotipi divulgati dai mass media: di qui la nascita del "tipo orientale" come imperscrutabile, totalitario, malvagio e con la vocazione al terrorismo, mentre in realtà dietro questo si è sempre voluto occultare l'interesse delle superpotenze occidentali per lo sfruttamento delle risorse (specie petrolifere) di quelle popolazioni.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Orientalismo e storiografia in Leone Caetani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carmen Ragusa
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia della filosofia
  Relatore: Giancarlo Magnano San Lio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
islam
cristianesimo
orientalismo
colonizzazione
storiografia filosofica
caetani
leone
levi della vida
libia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi