Skip to content

La percezione sociale delle vittime di cyberbullismo

Percezione sociale delle vittime di bullismo e cyberbullismo

Un altro aspetto da considerare è quello legato alle rappresentazioni sociali delle vittime di bullismo e cyberbullismo, sia a sfondo sessuale che non.
Nel primo caso, ricerche recenti evidenziano come gli adolescenti e i bambini della scuola primaria ritengano come causa del bullismo la devianza sociale e il bisogno, da parte del bullo, di posizionarsi socialmente (Bosacki, Marini & Dane, 2006; Thornberg, 2010).
In questo senso, si rileva come i sentimenti nei confronti delle vittime siano ambigui: gli altri bambini tendono a empatizzare con le vittime, ma allo stesso tempo considerano la loro condizione come “pericolosa” e rischiosa, ritenendo che essi abbiano una responsabilità indiretta nelle aggressioni e molestie subite dal bullo.

Ciò sembra confermato da alcuni studi recenti, che evidenziano come maggiore sia la persistenza e la frequenza dei comportamenti di bullismo e cyberbullismo, minore è il supporto sociale percepito dalla vittima (Arriaga et al., 2017).
Anche i dati relativi alle rappresentazioni sociali sul cyberbullismo appaiono contrastanti. Questo fenomeno, infatti, è di difficile definizione e l’esposizione sociale delle vittime dei cyberbulli è di minore entità rispetto a quanto avviene nei casi di bullismo, sebbene le conseguenze per la salute siano altrettanto gravi e possano includere anche tentativi di suicidio ed isolamento sociale (Young et al., 2017).
La difficoltà a fornire una descrizione e classificazione adeguata delle vittime di cyberbullismo si riflette anche sulle campagne di prevenzione, che rispetto alle strategie di prevenzione del bullismo risultano meno efficaci. Per valutare il supporto sociale destinato alle vittime di cyberbullismo, dunque, occorre anche considerare la loro posizione sociale e il modo in cui sono percepite dalla comunità di appartenenza.

In questo senso, Judith Butler (1990; 2004) si è focalizzata sulla “matrice eterosessuale” della società occidentale, rilevando come alcune condizioni personali relative al genere e alla personalità risultano “intelligibili”, cioè comprensibili all’esterno, mentre altre vengono codificate come “non intelligibili” e non sono dunque oggetto di supporto e di sostegno.
Secondo la Butler (1990; 2004) ciò avviene soprattutto nei confronti delle donne che decidono di assumere delle posizioni identitarie viste come alternative alle rappresentazioni sociali e agli stereotipi principali sul genere. In altre parole, la difficoltà a ricondurre una figura femminile all’interno di un preciso schema o categoria sociale, porta il gruppo a distaccarsi dal suo punto di vista. Tale distacco può generare, in alcuni casi, odio sociale e discriminazione.
Alcuni autori hanno teorizzato che questo tipo di meccanismo può essere messo in atto anche attraverso il cyberbullismo, poiché internet rappresenta un’estensione della struttura sociale e in quanto tale esso costituisce un territorio comunitario, in cui si sviluppano e diffondono pratiche e rappresentazioni sociali peculiari (Kofoed & Ringrose, 2012).

In questo caso, i membri della comunità che occupano posizioni non classificabili diventano oggetto di scherno e discriminazione, attraverso gruppi su Facebook, profili falsi e condivisione di materiale fotografico privato, al punto che il fatto stesso di non aderire agli stereotipi diventa un fattore di rischio e di esposizione nei confronti di questo tipo di atteggiamenti sociali.
Dunque, anche nei casi di cyberbullismo il supporto sociale ricevuto risulta moderato dalla percezione sociale della stessa e quest’ultima dipende dalla categoria sociale di cui la vittima fa parte e dalle caratteristiche che le vengono attribuite dalla comunità.
Sulla base di quanto esaminato, è possibile concludere che le vittime di cyberbullismo che vengono sessualizzate, ricevono minore supporto da parte della comunità, a causa dei pregiudizi di genere, dei meccanismi di oggettivazione e auto-oggettivazione e di una percezione sociale distorta, che le classifica come vittime potenziali e allo stesso tempo gli attribuisce una parziale responsabilità dei crimini di cui sono oggetto.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La percezione sociale delle vittime di cyberbullismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Cultrera
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Criminologiche
  Corso: Scienze Criminologiche
  Relatore: Sandra Sicurella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi