Skip to content

La distorsione del tempo e della memoria nel cinema contemporaneo: il caso ''Memento''

Può la memoria cambiare il passato? The Butterfly Effect e Frequency

A una prima occhiata, la capacità di Evan (Ashton Kutcher) di ricordare degli avvenimenti passati della sua vita può sembrare una scelta registica: stacco sul primo piano del protagonista e ritorno alla sua infanzia. In realtà c’è qualcosa di più profondo: il protagonista di The Butterfly Effect (id., 2003) di Eric Bress, è in grado di viaggiare nel tempo, nel suo tempo. È in grado di modificare quello che sta compiendo e in base a questi cambiamenti anche il suo futuro muta completamente.
Il titolo del film è spiegato ampliamente nell’incipit del film che recita
Si dice che il minimo battito d’ali una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo (teoria del caos)
Lo schema classico del viaggio del tempo attraverso una macchina è stravolto. Adesso si può tornare indietro solo con la mente. Il protagonista non riesce però a cambiare la vita come vuole. Anzi, ogni avvenimento cambiato equivale a un problema in un modo o nell’altro. Il destino, la linea temporale prende diverse direzioni e si modifica costantemente, come a formare dei mondi paralleli. L’unica soluzione possibile è dunque quella di rinunciare a ciò che si ha di più importante. Quando Evan legge i suoi diari d’infanzia, quei ricordi che si credevano smarriti ritornano prepotentemente alla memoria. Da piccolo Evan soffriva di amnesia e svenimenti e fu per questo motivo che un dottore gli ordinò di scrivere tutto su dei diari. Ma col passare del tempo il disturbo era scomparso e i diari vennero conservati e mai più riaperti. Quando per caso Evan si trova di nuovo a fare i conti con il suo passato, innesca un meccanismo a catena. Egli, un po’ per gioco, un po’ per spirito di giustizia, cerca di cambiare un ricordo della sua infanzia. Ma quando riprenderà conoscenza scopre che quel cambiamento è avvenuto davvero e quella sua piccola azione non ha solo modificato un particolare della sua vita, ma anche numerosi avvenimenti accaduti subito dopo. Di queste vicende Evan è conscio e la sua memoria comincia ad accumulare sempre più nuovi ricordi, rischiando quasi di scoppiare la sua mente.
In Frequency (Frequency – Il futuro è in ascolto, 2000) di Gregory Hoblit accade qualcosa di diverso ma allo stesso tempo simile. John Sullivan (Jim Caviezel) scopre una vecchia radio appartenuta a suo padre Frank (Dennis Quaid) che, a causa di una tempesta elettromagnetica, riesce a metterlo in contatto proprio con la stessa radio ma trent’anni addietro. E chi c’è all’altro capo della radio? Frank, suo padre, a cui John salva la vita, dato che l’uomo sarebbe dovuto morire il giorno dopo in un incendio. I due cominciano a chiacchierare e John rivela molte cose del futuro al padre, soprattutto in materia di baseball di cui il padre è un appassionato. Ma quello che non sanno è che un cambiamento nel passato porta a dei drammatici cambiamenti anche nel futuro. Il giorno dopo John scopre che sua madre è morta da trent’anni a causa del “killer delle infermiere”. La soluzione dell’enigma non può venire risolta in un solo tempo, ma in entrambi e, con l’aiuto di suo padre in contatto dal 1969, John riuscirà a risolvere il caso. Cercando di ignorare per un attimo le inevitabile incongruenze temporali a cui si incorre quando un film cerca di far cambiare il passato, è bene osservare alcuni elementi molto importanti anche in relazione a The Butterfly Effect. Quando il passato cambia, Evan e John assimilano nuovi ricordi, ma i vecchi non vanno perduti, bensì restano come indelebili cicatrici. Mentre Evan è conscio del suo nuovo presente, John non riesce a relazionarvisi. Non riesce a distinguere cosa sia veramente accaduto e cosa no, quale sia il vero nuovo presente e quale sia invece quello che è cambiato. Un cambiamento del passato dovrebbe portare a una nuova linea temporale in cui tutti non avrebbero più ricordi della linea precedente semplicemente perché non è mai esistita. In Frequency ciò non accade. Il cambiamento temporale avviene sulla stessa linea temporale e gli oggetti, i ricordi e le persone si trasformano repentinamente al mutare dell’avvenimento passato. Quello che non muta è la situazione. Le due linee temporali, passato e futuro, viaggiano parallelamente, quasi fossero due film separati e tenuti assieme dalla radio.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La distorsione del tempo e della memoria nel cinema contemporaneo: il caso ''Memento''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore La Fauci
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Comunicazione multimediale e di massa
  Relatore: Silvio Alovisio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 178

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alterazione
cinema
contemporaneo
distorsione
film
inconscio
memento
memoria
nolan
rovesciamento
tempo
temporale

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi