Skip to content

L'Illuminismo radicale in Italia e in Europa: Alberto Radicati, conte di Passerano

Radicati e l’Illuminismo italiano

Tutta la cultura europea risentì beneficamente dell’influenza dell’Illuminismo, che segnò un nuovo orientamento culturale anche in Italia.
Qui, l’insediamento delle nuove idee ebbe l’effetto di sbloccare una cultura provinciale, accademica e salottiera e costituì la premessa di un profondo rinnovamento morale e di trasformazioni di notevole importanza anche nella lingua e nello stile letterario.
Oltre al caso piemontese, dove era in atto un certo rinnovamento culturale, con il riordino dei corsi e il ricambio del corpo docenti dell’Università sabauda, incoraggiati da Vittorio Amedeo II, saranno soprattutto due i centri più vitali dell’Illuminismo italiano: Napoli e Milano. Nella prima, le riforme economiche e amministrative del governo asburgico e, nella seconda, la politica anticuriale e antifeudale della monarchia borbonica e poi di quella austriaca, stimolarono positivamente la nuova cultura e, al tempo stesso, furono da questa orientate e condizionate. Con la pace di Utrecht del 1713, si ha il passaggio del Napoletano all’Austria (fino al 1738, quando Carlo di Borbone, sconfitti gli austriaci nell’Italia meridionale, riavrà il Regno di Napoli e la Sicilia). Non è un caso che la diffusione della più attiva cultura francese trovi la massima risonanza e diffusione proprio nei centri più strettamente legati al governo austriaco.
Napoli, negli anni a cavallo tra XVII e XVIII secolo, si distingue nello scenario culturale italiano per l’animato dibattito sulle questioni giurisdizionali e per il clima vivace in cui sono attivi i rappresentanti di un nuovo eclettismo, nel quale operano come fermenti rinnovatori il cartesianesimo, lo scetticismo libertino, il gassendismo, insieme con gli echi del naturalismo rinascimentale e della nuova scienza galileiana. Sono gli anni della formazione di Giambattista Vico e di Pietro Giannone.
Nel 1761 a Milano nasce la Società dei Pugni, su iniziativa di Pietro Verri, destinata a promuovere la battaglia contro ogni forma di vieto conservatorismo, favorendo il rinnovamento della società e della cultura mediante la diffusione delle nuove idee illuministiche. Caratteristiche della Società, che non formulò mai una precisa linea programmatica, furono l’atteggiamento polemico (da cui le derivò la denominazione, coniata forse da un maestro di musica ostile ai Verri), l’appassionato impegno innovatore e la pluralità degli interessi, alimentata dal dibattito sui problemi più concreti del momento e dallo studio dei contemporanei filosofi di Francia e di Inghilterra. Organo della Società fu, dal 1764 al 1766, il giornale Il Caffè, al quale collaborò anche Francesco Dalmazzo Vasco.
“Intrapreso da una piccola società d’amici”, come diceva l’indirizzo Al lettore, il giornale trattava di letteratura, di lingua, di scienze, di diritto, di tecnica, di usi e costumi ed ebbe il merito di assumere, compatibilmente con le condizioni politiche della Lombardia, le idee più avanzate dell’Illuminismo. La sua sospensione, con il disperdersi dei collaboratori, segnò anche la chiusura della Società.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Illuminismo radicale in Italia e in Europa: Alberto Radicati, conte di Passerano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Ranzani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Gianluca Mori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alberto
chiesa
clero
conte
discorsi
dissertazione
europa
filosofia
francia
germania
hume
illuminismo
illuminista
inghilterra
italia
lumi
moderna
montesquieu
passerano
radicalismo
radicati
stato
storia
voltaire

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi