Skip to content

La scelta del tasso di sconto nelle decisioni finanziarie ed attuariali con la costruzione della swap zero curve

Rischio paese

Tra le varie definizioni di Rischio Paese rinvenibili in letteratura la più esaustiva sembra essere quella fornita da Meldrum (2000):
"Per Rischio Paese si intende l'insieme dei rischi che non si sostengono se si effettuano delle transazioni nel mercato domestico ma che emergono nel momento in cui si effettua un investimento in un Paese estero. Detti rischi sono prevalentemente imputabili alle differenze di tipo politico, economico e sociali esistenti tra il Paese originario dell'investitore ed il Paese in cui viene effettuato l'investimento". È bene sottolineare come tutti oggi siano concordi nel ritenere che non esistono paesi privi di rischio, in quanto anche i paesi economicamente più avanzati evidenziano un proprio livello di rischiosità.


Il rischio paese può essere scomposto nelle due componenti di rischio sovrano e di rischio di trasferimento. Per rischio sovrano s'intende il rischio di credito nei confronti del governo centrale, così individuato perché ha il potere legale di prelevare risorse ai contribuenti e di effettuare scelte di politica economica, allo scopo di costituire le risorse, denominate in valuta estera o locale, richieste per onorare gli impegni nei confronti dei creditori esteri. Il rischio è chiamato sovrano perché, a differenza di un soggetto privato, il governo centrale può emanare a propria discrezione leggi che gli consentono di violare, all'interno della propria giurisdizione, gli impegni nei confronti dei debitori, dichiarando default o ristrutturando unilateralmente le condizioni contrattuali (allungando le scadenze e/o modificando i rendimenti) su determinati titoli del debito pubblico. Il caso di un paese che dichiari default su tutto il debito pubblico è pressoché inesistente.
Se un governo, quindi, è a corto della liquidità necessaria per soddisfare il suo debito obbligazionario, può imporre tasse aggiuntive. Tale tassazione può avvenire attraverso un aumento dell'imposta sul reddito, maggiori imposte societarie, o attraverso un aumento delle tasse sul capital gain. Inoltre un governo ha la possibilità di espandere la propria offerta di moneta. Nella maggior parte dei casi, il governo o l'autorità bancaria centrale ha il potere di stampare moneta supplementare che può essere utilizzata per soddisfare l'obbligo del debito pubblico contratto. Uno strumento simile è stato descritto in precedenza come quantitative easing e sembra essere diventato un metodo largamente accettato. I governi utilizzano in genere il potere di stampare moneta solo come ultima risorsa, perché essa può avere conseguenze negative come un'elevata inflazione nel medio-lungo periodo e l'incapacità di raccogliere capitale addizionale in futuro a causa delle preoccupazioni circa l'erosione del potere d'acquisto in valuta nazionale dell'emittente. Alcuni governi, compresi quelli residenti in un'area valutaria come l'Eurozona, tuttavia non hanno la possibilità di espandere l'offerta di moneta unilateralmente.
Per rischio di trasferimento s'intende invece il rischio che il governo del paese in cui si vuole effettuare un investimento estero decida di approvare una legge che sancisca la restrizione dei movimenti di capitale. Questa può comportare delle grosse difficoltà nel rimpatriare i profitti, nella forma di dividendi o di interessi, maturati sul capitale investito in un Paese estero. Inoltre, poiché il Governo può modificare la legge sulla restrizione dei capitali in qualsiasi momento, detto rischio è associabile a qualsiasi tipo d'investimento. Il livello di rischio di trasferimento viene di norma misurato in base alla possibilità di convertire la propria valuta nella valuta del Paese in analisi: tanto più è difficile convertire la valuta, tanto più è probabile che sussistano alcune forme di restrizione alla libera circolazione dei capitali. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La scelta del tasso di sconto nelle decisioni finanziarie ed attuariali con la costruzione della swap zero curve

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Carrella
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Gennaro Olivieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

swap
bootstrapping
term structure
yield curve
risk free
swap zero curve
bootstrap dei tassi swap
premio di illiquidità
tassi spot e tassi forward
evoluzione dei tassi a breve

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi