Skip to content

Invecchiare bene con le ginnastiche dolci

Ruolo dell’educatore di ginnastiche dolci

L’educatore di ginnastiche dolci non è semplicemente colui che nella seduta di ginnastica mostra all’allievo quali esercizi fare e come eseguirli, ma è molto di più, infatti quello dell’educatore di ginnastiche dolci è un ruolo molto importante e deve essere ricoperto da soggetti competenti e preparati. Un buon educatore è attento e noterà tempestivamente ogni esigenza e caratteristica di ciascun allievo.
Il ruolo di educatore è complesso, perché comprende sia la figura del “tecnico” competente, professionalmente preparato, sia la figura dell’ “animatore”, ricco di carica vitale e di entusiasmo, capace di coinvolgere totalmente l’anziano, anche con strategie non strettamente ginnastiche. Attento al singolo e al gruppo, l’educatore ricerca un rapporto empatico ed è attento alla ricezione dei feed-back, stimola di continuo la partecipazione attiva; utilizza una terminologia facile ma corretta, sa “mettersi al fianco” con calore umano, senza false sdolcinature, utilizzando la motricità quale mezzo per far riemergere dalla memoria del tempo l’identità personale di ciascuno. Non esiste un modello standard di educatore di ginnastiche dolci, ma i tratti fondamentali dovrebbero essere una grande flessibilità e una apertura di cuore e di mente: occorre saper mettere in discussione tutti gli stereotipi che circondano la vecchiaia, le rigidità delle istituzioni, la tendenza a dare per scontate le cose, per sapersi avvicinare, rispettosamente ma con autenticità, all’anima della persona anziana, utilizzando consapevolmente sia le tante tecniche a disposizione, sia le semplici occasioni del quotidiano. All’ educatore sono richieste conoscenze psicologiche, sociologiche, tecniche e riabilitative in senso generale, e la capacità di realizzare una programmazione delle attività in collaborazione con le altre figure professionali e tenendo conto delle inclinazioni personali degli anziani e delle disponibilità ambientali.

L’educatore deve essere in grado di accogliere nel migliore dei modi l’anziano alla sua prima seduta, mostrandosi disponibile, interessato e sempre con viso sorridente e che esprima fiducia. Deve fare in modo che l’allievo torni la volta successiva, e quella dopo ancora, che frequenti il corso con regolarità ed entusiasmo e che questa partecipazione diventi poi un’abitudine di vita. Tutto questo può essere fatto seguendo alcuni accorgimenti riguardo le funzioni e le competenze dell’educatore. La prima funzione dell’educatore è quella di fungere da specchio, nel senso che deve rimandare all’allievo un’immagine riflessa di ciò che è e di ciò che fa il più obiettiva possibile; deve quindi riflettere quello che è percettibile nella forma e nell’espressione corporea dell’allievo in quel momento. La seconda funzione importantissima dell’educatore è di indicare all’allievo un cammino che poi dovrà percorrere con i propri sforzi, i propri ritmi, le proprie capacità. L’educatore poi proporrà sottoforma di esercizi, una serie di problemi ai quali l’allievo dovrà trovare delle proposte di soluzione, cercando pertanto la soluzione migliore, ottenendo così poco alla volta sempre più consapevolezza di sé stesso.

L’educatore deve:

- Saper fare: non consiste solo nel saper fare un determinato esercizio, ma nel averlo sperimentato su sé stessi e di conseguenza aver sperimentato anche le emozioni, le sensazioni e vari vissuti che quell’esercizio può dare, e ciò avviene solo con la pratica delle ginnastiche dolci;

- Saper trasmettere: deve riuscire a trasmette il proprio sapere, tenendo conto delle variabili emotive e motivazionali degli allievi, delle esigenze che presentano gli allievi in un determinato momento. In parole più semplici saper trasmettere significa formulare un programma di lavoro che tenga effettivamente conto della realtà dei singoli allievi e del gruppo rispondendo in modo adeguato alle loro esigenze e alle loro aspettative; tenere in considerazione le indicazioni mediche presenti nelle certificazioni presentate o riferite dagli allievi, informando sempre ogni allievo che non si tratta di esercizi di fisioterapia specifica o di ginnastica correttiva, quindi nel caso di allievi con gravi patologie l’educatore deve consigliare una visita specifica a cui può seguire un lavoro prettamente fisioterapico, affiancato o proseguito da un lavoro di ginnastiche dolci. Significa rendersi conto delle capacità fisiche del gruppo, della situazione psico-sociale di ogni allievo facendo un’analisi di partenza degli allievi dal punto di vista fisico, psicologico e sociale proponendo ad esempio questionari creati dall’educatore stesso, corretti insieme a tutto il gruppo dall’allievo, che riguardano la percezione della qualità di vita, la vita lavorativa, eventuale malattie in corso o passate, farmaci di cui fanno uso, la vita affettiva, la condizione familiare, la condizione fisica tramite test che verificano la mobilità articolare, l’equilibrio, lo stato di muscoli articolazioni, che verranno ripetuti alla fine di una determinata serie di sedute per verificare i cambiamenti avvenuti e constatare i benefici apportati dalle ginnastiche dolci (questi test sono molto importanti anche per l’allievo perché è coinvolto direttamente nella verifica dei benefici ottenuti). Significa favorire un clima distensivo, quindi stimolare i soggetti più timidi, più isolati e sedare eventuali modi aggressivi e protagonismo di alcuni, cercare di eliminare la competizione che può crearsi tra gli allievi del gruppo per favorire invece un miglioramento delle capacità individuali di ogni soggetto e l’attenzione su sé stessi per migliorare la percezione di sé, favorire il rilassamento e la distensione, favorire un clima di collaborazione del gruppo e soprattutto l’educatore in prima persona non deve fare favoritismi, preferenze o avere poca considerazione di alcuni allievi, tralasciandoli dalla sue attenzioni.
Molto importante è l’autosufficienza degli allievi, nel senso che l’educatore mostra e corregge il meno possibile cercando di utilizzare soprattutto le parole, perché l’allievo deve sperimentare su sé stesso ciò che per lui è importante in quel momento, deve imparare a sentire il movimento giusto mano a mano che si abitua a concentrarsi e ad ascoltare il proprio corpo, pertanto sarebbe meglio far emergere dall’allievo stesso le correzioni e farlo giungere alla scoperta del proprio corpo in modo autonomo. Ovviamente è comunque necessaria l’assistenza dell’educatore con eventuali correzioni di carattere generale, fatte in modo indiretto, per migliorare una posizione e per infondere maggiore sicurezza e per assicurarsi che durante i movimenti non vi siano contrazioni, di solito alle spalle e al viso, e che non venga bloccata la respirazione. Ogni esercizio proposto deve essere spiegato e motivato, fornendo sempre informazioni e nozioni sul corpo, sul movimento, sulle funzioni e sugli apparati sui quali si sta lavorando, coinvolgendo così maggiormente l’allievo e disabituandolo alla semplice esecuzione meccanica di un esercizio. Entra in gioco quindi anche la voce dell’educatore, che deve essere rilassata, chiara e deve trasmettere sicurezza, di solito è consigliato usare la prima persona singolare o plurale. Saper trasmettere significa anche tenere un criterio di gradualità nel proporre gli esercizi e anche una certa gradualità nel correggere i movimenti, perché l’assenza di gradualità può scatenare nell’allievo ansia, frustrazione e irrigidimenti. Il ritmo di esecuzione degli esercizi non deve mai essere veloce, l’educatore deve lasciare il tempo di sentire le percezioni del proprio corpo e i cambiamenti che avvengono ai vari livelli corporei tra un esercizio e l’altro; l’educatore deve sollecitare spesso l’anziano a sospendere il lavoro non appena ne senta il bisogno. È inoltre importante che l’educatore tenga vivo il dialogo con l’allievo, in modo che esso possa esprimere e condividere con l’educatore le proprie paure, ansie, incertezze, difficoltà nell’esecuzione di esercizi proposti, rassicurandolo e fornendogli un sostegno. Saper trasmettere significa infine incoraggiare il lavoro di gruppo e di coppia, che all’inizio può presentare qualche difficoltà, perché gli allievi non si conoscono, ma poi facendo cambiare frequentemente il compagno con cui eseguire gli esercizi si permetterà la conoscenza reciproca e si favorirà la comunicazione, la socializzazione, l’amicizia, la condivisione, la confidenza. Il momento degli esercizi a coppie, di massaggi a coppie sarà un’occasione per parlare, per trasmettere e ricevere idee, per aumentare i propri interessi, per donare qualcosa di sé e per uscire dalla solitudine. L’educatore, come preferisco denominarlo io, è quindi colui che indica e percorre un cammino lungo e importante con i suoi allievi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Invecchiare bene con le ginnastiche dolci

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Barigozzi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Paola Bottoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corpo
attività fisica
esercizio
anziano
posturale
feldenkrais
ginnastica dolce
eutonia
aha
psico fisico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi