Skip to content

Retinite Pigmentosa: Cause genetiche e conseguenze psicologiche

Salute mentale e benessere emotivo nella Retinite Pigmentosa

La perdita visiva acquisita ha il potenziale di avere un profondo impatto negativo sulla salute mentale e sul benessere emotivo dell'individuo, infatti è noto che le persone che hanno perso la vista hanno tassi di depressione più elevati rispetto ai vedenti, con maggiori probabilità di suicidarsi [Carabellese et al; 1993]. C’è da dire, innanzitutto, che la reazione immediata di un soggetto che scopre di avere la RP è quella del lutto; La perdita progressiva della vista può essere sentita addirittura come una perdita di identità poiché il cambiamento che essa richiede, per quanto concerne lo stile di vita e la personalità, stravolge l’immagine che il soggetto ha di sé.
Nasce quindi la necessità di risolvere il lutto in modo che l’individuo possa recuperare l’interesse per il futuro senza rimuovere il passato. Una cattiva elaborazione del lutto porterà ad una non-integrazione delle due parti del sé (quello vedente e quello non vedente) creando una situazione di perenne conflitto interiore con una profonda sfiducia verso il futuro. 
Sono stati sviluppati dei questionari per misurare l’impatto della Retinite Pigmentosa sulla salute emotiva [Khadh et al; 2013]. Tra gli strumenti va sicuramente citato l'inventario delle attività dell'ICF olandese (D-AI), usato per valutare i bisogni riabilitativi e le priorità delle persone con disabilità visive [Bruijning et al; 2010]. Esso comprende 10 domini: apprendimento e applicazione delle conoscenze, compiti generali e richieste, comunicazione, mobilità, cura di sé, vita domestica, interazioni e relazioni interpersonali, aree di vita importanti e vita comunitaria, sociale e civile, salute emotiva. Il D-AI è stato analizzato a livello obiettivo utilizzando l'analisi Rasch per convalidare e valutare il questionario. L'analisi Rasch è un modello di misurazione probabilistico utilizzato per costruire una misura lineare dalle osservazioni ordinali, consentendo sia l'applicazione delle statistiche parametriche alle risposte sia una valutazione dettagliata delle prestazioni del questionario. Uno studio ha utilizzato il D-AI con lo scopo di valutare la difficoltà dei compiti associati alla salute emotiva di coloro che erano affetti da Retinite Pigmentosa. Comprendere gli aspetti che causano difficoltà potrebbe fornire prove per guidare lo sviluppo di appropriati programmi di supporto. Da questo studio si evince che i compiti più difficili riguardano innanzitutto la comunicazione della propria disabilità visiva ad altre persone; Spesso si creano malintesi a causa dei problemi visivi, affrontare queste difficoltà potrebbe richiedere un addestramento per la persona con RP su come esprimere 
la perdita della propria vista e spiegare alle altre persone ciò che si può o non si può vedere. Un altro compito difficile è svolgere attività quotidiane senza soffrire di fastidio agli occhi, infatti succede spesso che le persone affette da RP si affaticano durante lo svolgimento di compiti quotidiani a causa della loro visione residua. Probabilmente questa scoperta evidenzia l'importanza di regolari esami oculistici o valutazioni della vista per garantire che le correzioni, le tinte, l'illuminazione e gli ausili per la visione refrattiva forniscano la massima riserva funzionale possibile tra la funzione visiva e le attività richieste. Non bisogna tralasciare i problemi che si riscontra nell’affrontare sentimenti di frustrazione, rabbia, stress e ansia [Holloway et al; 2015]. Affrontare tali sentimenti è spesso uno degli argomenti trattati nei programmi di autogestione basati su approcci di risoluzione dei problemi, che hanno anche dimostrato una riduzione del disagio emotivo. Sono necessari interventi di riabilitazione focalizzati su queste aree deficitarie. Un’ulteriore difficoltà riguarda l’uso di ausili per la mobilità, probabilmente perché coloro che usano aiuti per muoversi sono gli utenti più anziani, con una durata più lunga della disabilità visiva. Infine c’è da dire che nello studio la difficoltà non era associata con l'età, la durata o la gravità della perdita visiva. In termini di conseguenze emotive della perdita della vista, il fatto che la RP abbia generalmente una natura progressiva piuttosto che un inizio improvviso potrebbe essere sia un vantaggio che uno svantaggio: Un vantaggio in quanto le persone possono patteggiare con i cambiamenti visivi gradualmente, uno svantaggio perché invece potrebbe essere necessario un continuo adattamento ad una visione che va continuamente a scemare, nonché una maggiore preoccupazione sulla prognosi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Retinite Pigmentosa: Cause genetiche e conseguenze psicologiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilenia Teresa Curcio
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Valentina Gatta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi