Skip to content

Retinite Pigmentosa: Cause genetiche e conseguenze psicologiche

Estratto della Tesi di Ilenia Teresa Curcio

Estratto dalla tesi: Retinite Pigmentosa: Cause genetiche e conseguenze psicologiche
coni nella Retinite Pigmentosa, sono stati studiati molti agenti neuroprotettivi, inclusi 
farmaci neurotrofici, anti-apoptotici e antiossidanti. 
 I fattori neutrofici sono piccole proteine secrete a livello endogeno con emivita 
breve. Essi promuovono la maturazione, la sopravvivenza e la crescita dei neuroni in 
via di sviluppo e il mantenimento dei neuroni maturi. Negli occhi, le principali fonti 
di queste molecole sono le cellule di RPE e di Müller (Cuenca et al., 2014; 
Kolomeyer e Zarbin, 2014). 
 Tra gli agenti neurotrofici è stato testato solo il Fattore Neurotrofico Ciliare (CNTF),  
si è visto che i meccanismi sottostanti la Neuroprotezione mediata da CNTF siano 
diffusi nel up-regulation degli inibitori della proteolisi, che possono prevenire la 
degradazione della matrice extracellulare/cellulare e l’attivazione del complemento 
nelle malattie neurodegenerative inclusa la RP (Lipinski et al., 2015). 
Per quanto riguarda gli agenti anti-apoptotici, essi hanno l’importante funzione di 
ridurre la degenerazione dei fotorecettori correlati alla RP in quanto il meccanismo 
essenziale della degenerazione è l’apoptosi. Sostanze come l’acido 
tauroursodeossicolico (TUDCA) potrebbero rallentare l’apoptosi e quindi preservare 
i fotorecettori. Altre sostanze che hanno effetti simili sono la Rasagiline, Norgestrel e 
la Miriocina. I fotorecettori sono continuamente esposti alla luce e per tale ragione 
consumano grandi quantità di ossigeno a causa di un'alta concentrazione di 
mitocondri nell'ellissoide, sono inoltre altamente suscettibili allo stress ossidativo. 
Per questa ragione, gli agenti antiossidanti sono molto richiesti nella retina, 
specialmente nei fotorecettori (Cuenca et al., 2014). Tra gli agenti antiossidanti i più 
importanti vi sono la vitamina A, il DHA (acido docosaesaenoico) e la Luteina. 
Integratori di vitamina A, ad esempio, trattano efficacemente le retinopatie simili a 
RP che sono correlate alla carenza di vitamina A risultante dal malassorbimento 
intestinale o dal trasporto difettoso. Secondo Miranda e colleghi, una corretta 
combinazione di antiossidanti promuove più benefici rispetto al loro uso individuale. 
 
 10

Estratto dalla tesi:

Retinite Pigmentosa: Cause genetiche e conseguenze psicologiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilenia Teresa Curcio
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Valentina Gatta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi