Skip to content

L'economia italiana ai tempi del Covid-19: teorie e politiche

Solidarietà o divisione tra i paesi europei?

L’Europa di oggi è ben diversa da quella immaginata dai padri costituenti: oltre ad essere un’area di libera circolazione di persone, merci e capitali, ad aspirare alla pace ed alla cooperazione internazionale contro ogni violenza, l’Europa, ed ogni suo paese membro, dovrebbero anzitutto dimostrarsi solidali gli uni gli altri. Certamente, in molteplici occasioni lo sono stati – l’esempio più eclatante è stato il secondo dopo guerra, dove i paesi hanno cooperato tra loro per aiutarsi a vicenda per superare la distruzione ereditata dalla guerra, e dove, addirittura, diversi paesi europei, tra cui l’Italia, hanno firmato a Londra il trattato che dimezzava e dilazionava il pagamento del debito di guerra che la Germania doveva agli stati, evitando così che questa entrasse in default – ma, talvolta, alcuni di questi paesi mancano proprio di questa “visione comunitaria”. Come già accennato all’inizio di questo capitolo, soprattutto in quest’ultimo periodo, infatti, alcuni paesi hanno guardato esclusivamente al proprio tornaconto, cercando di influenzare negativamente le scelte della Commissione europea e della BCE relative agli interventi in aiuto alle economie nazionali, soprattutto per gli stati che ne avessero più necessità. Come sostiene qualcuno, è lecito far ciò, ma è miope! Aggiungerei che, in un’Europa che mira ad essere un’unica grande istituzione, nella quale noi cittadini europei dobbiamo pienamente riconoscerci, il comportamento di questi paesi non dovrebbe essere nemmeno consentito, poiché contrario all’ideale comunitario ed allo spirito solidale dell’Europa. Il mancato senso di solidarietà di questi paesi, che sappiamo già essere detti “frugali”, nasce già prima dell’emergenza attuale: il problema è dato dalla netta differenza di tassazione tra questi paesi e gli altri.
Olanda, Cipro, Malta, Ungheria, Lussemburgo e Irlanda, che guarda caso sono, non tutti, i paesi frugali, sono dei veri e propri paradisi fiscali all’interno di un unione, quale quella Europea, basata sulla parità di trattamento e sulla solidarietà: a renderli tali sono le bassissime aliquote applicate sui redditi prodotti dalle imprese multinazionali (13% in Cipro e Irlanda, 9% in Ungheria, rispetto al 28% italiano e al più del 30% in Francia e Germania), le quali, ovviamente, sono incentivate a trasferire non solo la propria sede fiscale in questi paesi, ma anche i profitti, tramite un gioco contabile di fatture fittizie, cosiddetto “transfer pricing”, che permette di trasferire il fatturato direttamente alla casa madre con sede in questi paesi. Inoltre, l’aliquota statutaria, ovvero prevista dalla legge, già bassa di suo, senza considerare anche le detrazioni e deduzioni che fanno diminuire ulteriormente la base imponibile e il debito d’imposta, viene ulteriormente ridotta tramite accordi tra le multinazionali e gli stati; ciò crea un circolo elusivo nei confronti degli stati con aliquote più alte, che si ritrovano a perdere miliardi di euro di gettito fiscale: solo nel 2019, si stima che l’Italia abbia perso circa 24 miliardi di dollari a causa dell’elusione; di questi, 21 miliardi sarebbero andati ai paradisi fiscali europei, il resto fuori dell’UE. Tale fenomeno è dimostrato dalla Figura 6 in allegato, che mostra il livello degli investimenti diretti esteri nei paesi europei: come si può ben vedere, il primo paese ad avere uno sproporzionato afflusso di capitali esteri è proprio il Lussemburgo, seguito dai già citati paesi-rifugio; da notare che l’Italia è l’ultimo paese per afflusso di capitali esteri, subito prima della Grecia, e ciò dimostra che è il paese più colpito da questa pratica immorale, oltreché illegale.
Pertanto, è fortemente necessaria una seria riforma riguardante la tassazione europea e al bilancio comunitario: il problema delineato può essere risolto esclusivamente tramite la creazione di un’unica area fiscale europea, con un unico bilancio europeo, che tassi i redditi in maniera uguale per tutte le imprese, sia grandi che piccole e medie. Bisognerebbe attuare un federalismo fiscale più forte, a livello europeo, che neutralizzerebbe gli incentivi elusivi di alcuni stati, e che fornirebbe alle istituzioni europee un diretto e maggiore gettito fiscale che garantirebbe maggiori risorse da poter spendere in welfare ed infrastrutture, e più in generale in spese ad alto moltiplicatore fiscale, rendendo certamente più efficiente il sistema degli investimenti pubblici dei singoli paesi membri. Ma per far ciò, è necessario cedere parte della sovranità statale all’Europa; purtroppo, però, in un quadro come quello in cui si presenta oggi l’UE, è veramente difficile che ciò accada: la sfiducia generale verso le istituzioni sovranazionali, dovuta anche ad errori comunicativi da parte delle figure chiave europee, e le critiche da parte dei partiti politici sovranisti ed anti-europeisti, alimentano continuamente il rigetto verso un’Europa più unita, da tutti i punti di vista, che lotti contro il male comune, le disuguaglianze, le ingiustizie, le furberie di coloro che si credono essere superiori agli altri.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'economia italiana ai tempi del Covid-19: teorie e politiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Marchese
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giuseppe Di Vita
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia italiana
istituzioni europee
prospettive future
crisi economica
modern monetary theory
covid-19
aiuti europei
recovery fund

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi