Skip to content

Strategie di sviluppo del turismo in Valle Camonica: il caso Archeopark

Storia e recente sviluppo dell’economia camuna

Originariamente, come nella gran parte del territorio italiano, anche in Valle Camonica il principale settore economico era costituito dall’agricoltura, che solo a partire dal Secondo Dopoguerra non costituisce più il principale elemento di sostentamento per la popolazione.
Nel primo decennio del Ventesimo secolo viene inaugurata la linea ferroviaria Brescia – Iseo – Edolo. La nuova struttura è molto importante per l’economia della zona: rompe il tradizionale isolamento che caratterizza i territori montani ed agevola il processo di industrializzazione che comincia proprio in questo periodo.
Le premesse per lo sviluppo industriale vanno però ricercate nel lontano passato: già nel 16° secolo sono presenti esempi di lavorazione proto – industriale del ferro, anche se il vero tessuto industriale della Valle risale al 1800 quando nascono le prime imprese metallurgiche e siderurgiche fondate su una lunga tradizione artigianale. La Valle Camonica, infatti, è caratterizzata da una forte tradizione siderurgica che trae origine dallo sfruttamento di giacimenti di minerali ferrosi, che hanno costituito, per molti secoli, la base delle attività produttive della zona le quali si sono espanse nel tempo dai primi nuclei originari fino ad interessare tutto il bacino Camuno – Sebino. Solo nel corso del secolo attuale c’è il passaggio dalla produzione artigianale a quella di massa (epoca fordista).
L’economia Camuna, per tutta la prima metà del secolo, attraversa un periodo di forte espansione.
Durante gli anni ’50, il sistema industriale subisce radicali ristrutturazioni e trasformazioni, con conseguenti perdite di posti di lavoro. Gli anni ’60 vedono l’espansione del settore industriale con notevole incremento occupazionale. Anche il decennio successivo (anni ’70) si caratterizza per un intenso sviluppo economico dovuto alla notevole crescita del comparto industriale locale ed allo sviluppo delle attività connesse al turismo, come ad esempio l’industria delle costruzioni, che ha assunto una rilevanza considerevole anche in termini occupazionali. Queste tendenze positive subiscono una battuta d’arresto nella prima metà degli anni ’80 quando il settore siderurgico ed altri affini entrano in crisi. Le difficoltà vanno ricercate nei problemi di riconversione industriale collegati alla rigidità delle produzioni fordiste ed all’impostazione del processo produttivo, che relegava il lavoratore a mansioni ripetitive ed a basso contenuto tecnologico. Per risanare il settore sono state introdotte innovazioni di prodotto e di processo che, da un lato, hanno incrementato le capacità produttive degli impianti, ma, dall’altro, hanno ridotto il numero degli addetti.
Problemi analoghi investono anche il settore metallurgico, del tessile e dell’abbigliamento, cioè tutti quei settori caratterizzanti le specializzazioni produttive della Valle Camonica.
All’inizio degli anni ’90, la difficoltà di questi settori è molto acuta ed entra così in crisi tutto il sistema dell’economica Camuna che fatica a sviluppare produzioni alternative. Le conseguenze occupazionali sono preoccupanti, anche perché i settori del terziario, del terziario avanzato e quelli ad alto contenuto tecnologico che, comunque, non hanno mai occupato una posizione fondamentale nel tessuto economico locale, non sembrano in grado di trainare l’economia valligiana, nemmeno in questo periodo di difficoltà.
Questa crisi ha colpito tutta la Regione Lombardia, che vede una riduzione degli addetti pari a - 8,7%: la Provincia di Brescia perde il 5,39%; mentre in Valle Camonica il decremento è inferiore sia a quello regionale che a quello provinciale (- 4,59%).
I dati relativi alla Valle, pur se negativi, sono confortanti se confrontati con quelli provinciali e regionali, perché significa che c’è ancora un potenziale di occupazione, di esperienza e di tradizione che non deve essere ulteriormente impoverito dal processo di deindustrializzazione ancora in atto. Infatti, nonostante le numerose difficoltà, alcuni settori sono ancora forti, nel senso che nonostante i continui cali subiti nel corso degli anni riescono ancora ad offrire delle prospettive occupazionali abbastanza soddisfacenti.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Strategie di sviluppo del turismo in Valle Camonica: il caso Archeopark

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Raffaella Menolfi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Giorgio Invernizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 334

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

turismo
strategia
turismo culturale
società
collaborazione
successo
valle camonica
formula imprenditoriale
archeopark
capo di ponte
darfo boario terme
distretto turisico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi