Skip to content

Subvertising come dichiarazione di libertà espressiva: analisi e messa in opera

Subvertising ed esponenti: Hogre, Illustre Feccia e Double Why

All'interno dell'eterogeneo universo del Culture Jamming gioca un ruolo fondamentale il fenomeno del Subvertising, anch'esso pressoché sconosciuto ma costantemente attivo nel raggiungimento degli scopi del sabotaggio culturale.
Il termine inglese deriva dalla crasi delle parole subvert, sovvertire, e advertising, pubblicità; non ci è difficile quindi dedurre gli intenti di questo fenomeno, già dichiarati dal nome stesso: sovvertire la pubblicità, o meglio, pubblicità sovversiva.
La seconda traduzione infatti, seppur apparentemente sinonimica della prima, è in grado di esprimere perfettamente il concetto cardine del Subvertising, come del Culture Jamming: non si tratta di un semplice rovesciamento del sistema pubblicitario attraverso mezzi qualunque, ma, come detto precedentemente, ci si riferisce a uno strumento capace di colpire il suo bersaglio sfruttandone i punti di forza, ossia a una pubblicità che utilizzi i medesimi linguaggi semiotici per ledere il medesimo sistema pubblicitario.

[...]

Diversamente dagli annunci pubblicitari sui giornali, alla radio, dagli spot televisivi o via web, il manifesto si presenta fisicamente come uno stesso e unico artefatto fruibile da un target estremamente vasto per numero e composizione. Seppur il mezzo in sé sia solamente una grande tavola colorata, la sua potenza e il suo potenziale trovano espressione nello spazio in cui quella tavola si iscrive: lo spazio vivo e vissuto della città e dei suoi abitanti. Un po’ come l’arte urbana di De Gerada, il poster pubblicitario acquisisce infatti significato all’interno e dipendentemente dal contesto in cui si inserisce.
Ma è anche per il fatto stesso di vivere e nutrirsi degli spazi urbani che il billboard è stato da sempre, e continuerà ad essere, soggetto alle risposte del cittadino cui si rivolge: ovunque ci sia un manifesto c'è qualcuno che interviene su di esso, lo stacca, lo sporca, ci scrive o ci disegna sopra.
Per quanto questi gesti siano nati come disorganizzate espressioni di risposta popolare alla colonizzazione mediatica degli spazi urbani, intorno alla fine degli anni Settanta del Novecento gli interventi hanno iniziato ad essere tematizzati e organizzati, dando vita a diverse fasi e approcci al Subvertising.

In questo senso si possono definire pionieri del fenomeno i componenti del gruppo californiano Billboard Liberation Front; il loro approccio al pirataggio è di natura semantica e prende dichiaratamente spunto dal metodo situazionista del Detournement, i sabotaggi che attuano intervengono infatti sul contenuto esplicito del messaggio, andando a modificarne le parole o le immagini in maniera quasi impercettibile; così facendo ne creano una versione ex novo i cui contenuti sono formalmente fedeli a quelli colpiti, ma in grado di veicolare significati in contrasto con gli originali.

La creazione del fake, tecnica emblematica del Subvertising, rappresenta un modo efficace di evidenziare le strategie discorsive utilizzate nei testi pubblicitari e suggerirne interpretazioni sovversive. La sua efficacia si basa su un delicato equilibrio: da un lato un fake dovrebbe essere il meno possibile riconoscibile, al fine di prendere parvenza di un messaggio autentico. Dall’altro, deve riuscire ad avviare un processo di comunicazione in cui divenga chiaro che l’informazione è falsa, portando così il fake ad essere scoperto.
Ecco dunque che questo cambio di segno, come un faro nella notte, mette in luce lo spettacolo della merce precedentemente reso invisibile dall'industria pubblicitaria; il fruitore del nuovo messaggio, colpito dal manifesto e dall'effetto del Detournement, sarà costretto a prestarvi attenzione, a riflettere sulla logica della nuova pubblicità, sul prodotto reclamizzato in particolare e, conseguentemente, sui meccanismi dell’advertising in generale.

Un differente approccio è quello adottato negli anni Novanta dal movimento francese Antipub; in questo caso gli interventi sono orientati a evidenziare l'invasione dello spazio pubblico da parte della comunicazione pubblicitaria. I sabotaggi portano a una riflessione sul diritto alla città e sulle ragioni per cui debba essere considerata accettabile, o non considerata affatto, la presenza di messaggi con finalità privatistica in uno spazio pubblico.
Gli Antipub sono dei vandalizzatori che con secchiate di vernice o brutali scritte spray ricoprono e annichiliscono il billboard; il loro approccio drastico e rudimentale, ben lontano dalle acute strategie del Billboard Liberation Front, si traduce in pura negazione dialettica della pubblicità. In questo caso si potrebbe parlare di Sniping applicato al Subvertising, ossia di vandalizzazione esteticamente improvvisata dei manifesti attraverso l'uso di vernici e bombolette spray. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Subvertising come dichiarazione di libertà espressiva: analisi e messa in opera

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Da Fatti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2018-19
  Università: Pontificia Università Salesiana
  Facoltà: Scienze e Tecniche della Comunicazione Grafica e Multimediale
  Corso: Scienze e Tecniche della Comunicazione Grafica e Multimediale
  Relatore: Milena Cordioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pubblicità
pop art
consumismo
street art
culture jamming
banksy
adbuster
subvertising
kalle lasn
sabotaggio culturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi