Skip to content

Come nasce un compositore? I casi di Mozart e Beethoven

Tappa III, luci e ombre in Austria e viaggi in Italia

Dopo gli incredibili successi che Wolfgang riscuote in giro per l'Europa, i Mozart ritonano a Salisburgo alla fine di novembre del '76, dove il ragazzo viene da subito onorato con nuove commissioni e Leopold può continuare la sua attività di vice Kappelmeister.
Passa però poco meno di un anno, e nel settembre del '77 la famiglia è di nuovo in viaggio, alla volta di quella Vienna che li aveva accolti tanto bene qualche tempo prima. Questa volta, però, le cose vanno diversamente: a ottobre dilaga un'epidemia di vaiolo, che contagia anche il giovane compositore, costringendolo a letto per diverse settimane. Con l'inizio dell'anno successivo, finalmente i Mozart vengono ricevuti dalla famiglia imperiale, e Wolfgang ottiene sì le ormai usuali gratificazioni, ma non la grande quantità di doni tanto anelata dal padre.
Si tratta dunque di un periodo di ombre nella vita del compositore, in aperto contrasto con le luci scintillanti del grand tour europeo. Il grande sconfitto è però Leopold, che durante il secondo soggiorno viennese compie diversi errori come impresario del figlio, il più grande dei quali è sicuramente quello di aver dato il dodicenne in pasto allo spietato mondo dell'Opera italiana: traendo spunto da un velato suggerimento dell'imperatore, infatti, l'avido vice Kappelmeister propone a Wolfgang di scrivere un'opera buffa e il figlio accetta. Sarà La finta semplice, K 51/46a (1768), su libretto di Marco Coltellini tratto dal testo di Goldoni, un colossale fiasco ancora prima di andare in scena: i musicisti la riterranno infatti ineseguibile e verrà cancellata dal cartellone.
Leopold non perderà occasione di lamentarsi di ciò addirittura con i regnanti, millantando una cospirazione nei confronti del figlio da parte di tutta una serie di invidiosi: i suoi complains, però, non avranno seguito, se non quello di irritare la casata.
Insomma, agli occhi dei viennesi Mozart è ancora il “fenomeno da baraccone” del primo viaggio del '62, ma stavolta è già un ragazzino, e l'interesse per il prodige, a quanto pare, è nettamente inferiore a quello per l'enfant.
C'è da dire, comunque, che Leopold è noto per i suoi proclami eccessivamente negativi, i quali emergono soprattutto nelle sue lettere, assolutamente pessimistiche quando le cose vanno male e spesso caute anche nei momenti più positivi.
La seconda esperienza viennese, che comunque è durata quasi un anno e mezzo, senza dubbio non ha dato i frutti sperati e non è paragonabile in quanto a successi alla prima; tuttavia, anche per il solo fatto che i Mozart non siano tornati nella non lontanissima Salisburgo e abbiano deciso di soffermarsi nella capitale per tutto quel tempo, c'è da supporre che il soggiorno non sia stato poi così tanto disastroso.
Ben più successo avranno, invece, i tre viaggi consecutivi in Italia tra il 1769 e il '73: tornato da Vienna, Leopold partirà quasi subito, stavolta solo con Wolfgang, alla ricerca di nuova considerazione, e, neanche troppo sotto banco, di un impego stabile nella Penisola per il figlio.
Questo ultimo proposito non si realizzerà, ma sarà compensato da trionfali successi e lauti bottini riscossi, quasi indiscriminatamente, da Nord a Sud (si ricordano in questa sede, tra le tappe del viaggio, almeno Milano, Venezia, Bologna, Roma e Napoli).
In questo periodo Mozart compone lavori di svariato genere, tra i quali sicuramente si segnalano le Sinfonie, dove si nota un maggiore gusto di stampo italiano per la leggerezza di carattere così come per alcune formule melodiche e armoniche, subito riconoscibili come “italiane” all'ascolto: si pensi ad esempio alle svariate suggestioni che fornisce in questo senso la Sinfonia n. 9, K 73/75a, in Do maggiore (1769) e in quattro movimenti (spia importante della Sinfonia all'italiana). Essa si apre con un incipit ormai familiare, sulle note dell'accordo di tonica, solenne, seguito da un altrettanto noto momento di distensione con note lunghe per gradi congiunti. Si veda però il passaggio gestuale/armonico I-VI+cadenza, in tremolo per tutti gli archi tranne che per i violoncelli, che eseguono appoggiature molto caratteristiche e caratterizzanti (Esempio 1.10): passaggio di certo
non fondamentale a livello analitico-stutturale, ma che ad un qualsiasi amatore con un discreto bagaglio di ascolti fa subito pensare all'Italia, se non, con un pizzico di malizia anacronistica, ad un clima armonico che non mancherà mai nelle Opere di un già ottocentesco Rossini. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Come nasce un compositore? I casi di Mozart e Beethoven

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mariano Russo
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Cesare Fertonani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
infanzia
beethoven
mozart
sinfonia
sonata
compositore
bambini prodigio
periodo zero
evoluzione lineare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi