Skip to content

Astrazioni architetturali per dispositivi mobili

TCP/IP

Il modello di riferimento TCP/IP (Trasmission Control Protocol / Internet Protocol) è lo standard di fatto per la comunicazione di rete utilizzato nella rete Internet. Si basa sul modello ISO/OSI, pur non essendo suddiviso in sette livelli, ma solamente in quattro:

1) host-rete: l’equivalente dei primi due livelli ISO/OSI; nello standard non vengono definiti i dettagli sull’implementazione di questo livello, lasciando la loro trattazione alle diverse tipologie di rete sviluppate; unica richiesta è che le entità coinvolte nella comunicazione scambino tra loro pacchetti IP;
2) internet: gestito dal protocollo IP (Internet Protocol), consente lo scambio di pacchetti all’interno della rete, senza occuparsi di gestirne il formato o l’ordine di invio/ricezione; corrisponde al livello rete del modello ISO/OSI;
3) trasporto: gestito dai protocolli TCP (Trasmission Control Protocol), orientato alla connessione, che garantisce la ricezione dei dati nell’ordine e nella forma con cui sono stati spediti, e UDP (User Datagram Protocol), non orientato alla connessione, che non garantisce ordine o controllo del flusso dei dati spediti; corrisponde al livello trasporto del modello ISO/OSI;
4) applicazione: gestisce lo standard di comunicazione dei dati tra due entità; tra gli standard più importanti troviamo HTTP, utilizzato per lo scambio di ipertesti, SMTP, per la gestione della posta elettronica, o FTP, per lo scambio di file.

Al protocollo IP compete anche la gestione degli indirizzi con cui sono identificati in maniera univoca i terminali collegati alla rete.

Un indirizzo IP è formato da 32 bit e viene rappresentato da quattro numeri decimali separati da un punto (ad esempio 127.0.0.1).
Lo scopo con cui era stata inizialmente progettata l’architettura della rete (e di conseguenza i protocolli utilizzati) sta cominciando a mostrare alcuni limiti, tra cui i più rilevanti sono:

• gli indirizzi utilizzabili, in teoria più di due miliardi, sono in realtà di meno, essendo alcuni di essi riservati, ed altri sprecati per la gestione di differenti classi; l’attuale esigenza di offrire un indirizzo anche ad utenti mobili (che non accedono alla rete da una postazione fissa, ma in costante movimento e di conseguenza con la necessità di ottenere nuovi indirizzi frequentemente) si scontra con questo limite;
• la qualità del servizio (QoS, Quality of Service) non viene gestita: la larghezza di banda a disposizione o i ritardi di trasmissione non possono essere programmati, ad esempio in base al tipo di servizio richiesto, e quindi in base ai costi sostenuti dall’utente, ma vengono gestiti attraverso una politica “best effort”, un compromesso che male si adatta alle nuove tipologie di servizio nate durante lo sviluppo di Internet.

Per cercare di risolvere questi problemi è stato introdotto un nuovo protocollo, denominato IPv6 (il protocollo IP attualmente utilizzato è l’IPv4), che introduce le seguenti novità principali:
• indirizzi a 128 bit, offrendo quindi una copertura più che sufficiente (in teoria sarebbe possibile assegnare 7x10 indirizzi per metro quadro sulla superficie terrestre);
• gestione della qualità di servizio;
• maggiore sicurezza (attualmente gestita a livello applicazione);
• ottimizzazione del formato dei pacchetti, in modo da velocizzare le operazioni di elaborazione da parte delle entità coinvolte.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Astrazioni architetturali per dispositivi mobili

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Turchetto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Informatica
  Corso: Informatica
  Relatore: Francesco Tisato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi