Skip to content

Il CCNL per i dipendenti negli studi professionali

Telelavoro e lavoro a distanza

Telelavoro significa lavoro a distanza, svolto in un luogo diverso da quello in cui l'azienda ha sede, mediante l'utilizzo di strumenti informatici e telematici. Questa tipologia contrattuale consente una maggiore libertà organizzativa e consente di limitare i costi per il trasferimento alla sede dell'impresa.

L'istituto è disciplinato dal CCNL e dalla legge in riferimento però al rapporto di lavoro pubblico. L'accordo di Bruxelles, del 16 luglio 2002, tra UNICE/UEAPME, CEEP è stato attuato mediante l'accordo interconfederale del 2004. Già dal 1999 il DPR 70, definiva il telelavoro come una prestazione eseguita in luogo idoneo diverso dalla sede di lavoro, mediante una tecnologia informatica che consente di collegamento diretto con la sede aziendale.

Il telelavoro è frutto di un accordo tra il datore di lavoro e il dipendente e il lavoratore può successivamente rifiutarsi di eseguire la prestazione e chiedere di essere reintegrato presso la struttura aziendale. Questa richiesta non darà luogo ad alcun intervento disciplinare né alla risoluzione del contratto.

La modalità prevista da questo tipo di contratto, nell'esecuzione della prestazione non deve infatti, recare alcun svantaggio al lavoratore. Il prestatore riceve il medesimo trattamento economico dei dipendenti che lavorano presso la struttura aziendale con mansioni corrispondenti.

Il lavoratore riceve una tutela specifica in ambito di sicurezza e salute e gode di tutti i diritti sindacali. Il telelavoro può coesistere con le altre forme contrattuali di lavoro subordinato ai sensi dell'articolo 2094 del c.c. in quanto non risulta mutata la natura giuridica del contratto, ma solamente la modalità organizzativa di esecuzione della prestazione lavorativa.

Se il contratto è un contratto di lavoro subordinato, il lavoratore verrà retribuito a tempo, se invece il telelavoro è qualificato come lavoro a domicilio, allora verrà retribuito a cottimo e il dipendente non sarà tenuto a rispettare un orario di lavoro specifico e vincolante.

Attraverso un collegamento on line il datore di lavoro può svolgere un controllo sulla quantità di ore lavorate e sulla esecuzione della specifica prestazione, che è la mansione dedotta in oggetto nel contratto. Questi controlli sono legittimi, in quanto riconducibili all'articolo 4 dello statuto del lavoratore del 1975. Diventerebbero illegittime se fossero occulte o palesemente non utili e non necessarie ai fini organizzativi dell'attività aziendale.

Il telelavoro è un rapporto di lavoro dipendente speciale, se è riferito all'istituto del lavoro a domicilio. Sia nel caso di telelavoro subordinato che nel caso di telelavoro subordinato a domicilio mediante i collegamenti informatici si potrà attuare il controllo sulla prestazione eseguita, per questo motivo si dice che, il controllo è intrinseco all'esecuzione della prestazione.

Il CCNL specifica la caratteristica della delocalizzazione e dell'uso di strumenti tecnologici di comunicazione. L'unione europea lo definisce strumento di modernizzazione nella visione di rapporti di lavoro flessibili che vanno promossi e tutelati.

L'accordo quadro stipulato nel 2004 costituisce fonte del telelavoro che riceve una definizione anche in ambito privatistico. Il CCNL degli studi professionale specifica la caratteristica del legame di subordinazione gerarchica al datore di lavoro. Questa precisazione non è di poco conto visto che la delocalizzazione e il telelavoro possono in genere fare riferimento sia a rapporti di lavoro subordinati che parasubordinati che autonomi, ma in riferimento agli studi professionali l'istituto del telelavoro si sviluppa solo in forma subordinata.

Il CCNL elenca due modalità precise di esecuzione della prestazione:
• Il telelavoro mobile;
• L'hoteling.

Nel primo caso, non esiste un solo luogo in cui si esegue la prestazione delocalizzata. Vengono infatti utilizzati non solo personal computer, ma anche cellulari e altri supporti informatici connessi on line. L'hoteling è invece una prestazione lavorativa subordinata che si esegue presso una struttura organizzativa aziendale terza. Questa forma può diventare telelavoro remotizzato.

Un'altra modalità è il telelavoro office to office, consiste in una collaborazione tra lavoratori dipendenti che si trovano a lavorare in luoghi distanti tra loro ma presso uffici aziendali tradizionali. Infine esiste il teleimpresa che agisce totalmente su internet.

È possibile anche che non ci sia un collegamento telematico diretti tra dipendente e datore di lavoro, in questo caso i dati non saranno visualizzabili in tempo reale, ma dovranno essere inviati via mail.

Enzo Biagi ha definito il telelavoro nel suo scritto, il “Libro Bianco” come “un ambito di regolazione leggera che prende in esame alcuni presupposti cardine. Il primo è la volontarietà delle parti, questa è condizione necessaria affinché possa attuarsi il modello contrattuale in esame.”

L'accordo con riguardo al telelavoro può essere presente fin dall'origine del rapporto oppure essere instaurato successivamente. Esiste inoltre il diritto alla reversibilità della scelta. Tutte le informazioni relative al telelavoro dovranno essere comunicate al lavoratore per iscritto in applicazione del CCNL.

Il secondo principio che caratterizza l'istituto è quello delle pari opportunità e divieto di discriminazione tra i lavoratori in sede e i telelavoratori, d'altro canto il telelavoratore deve garantire la medesima professionalità e qualità negli standard della sua esecuzione, dei lavoratori tradizionali. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il CCNL per i dipendenti negli studi professionali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Bruscino
  Tipo: Tesi di Master
Master in IL TRIBUTARISTA: nuove competenze, opportunità, responsabilità
Anno: 2019
Docente/Relatore: Valerio Maio
Istituito da: Università Telematica Unitelma La Sapienza di Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

economia
ccnl
studio professionale
tributarista
master economia
master tributarista
tutela dei lavoratori​

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi