Skip to content

“Narrare i rifiuti. Le immagini della spazzatura nei romanzi di Barbaro, Teobaldi e Riccarelli”

Terre ai margini: discariche e campagna

Dopo la Venezia decrepita del centro storico e quella da ripulire della stazione, quando l’azienda si “estende” nella gestione di nuove aree, si allarga anche l’orizzonte d’azione e osservazione: i ragazzi vengono a conoscere che c’è anche la Venezia industriale e periferica di terraferma, con i suoi paesaggi malati e cave surreali più o meno differenziate.

La discarica, forma cava riempita, mondo dentro il mondo, è una dimensione che è in grado di alterare i confini spaziali e temporali. Si potrebbe definire anche la quintessenza del non-luogo, in quanto adibita al solo scopo di stipare i rifiuti, non è comunemente un posto dove si coltivano relazioni umane, la solitudine è dominante e trova piena espressione materica nelle tonnellate di oggetti abbandonati e logori.

Nell’opera di Barbaro, peraltro, l’immagine della forma cava conosce diverse ricorrenze, come sottolinea Ilaria Crotti, riferendosi a un’allotropia del tema dell’isola: «rinvia a un’idea di vuoto, non solo come spazio senza coordinate geografiche, ma anche dimensione priva di durata, continuità, connessione con ciò che cronologicamente lo precede e segue»

Svincolatosi così da ogni pretesa di verosimiglianza, lo scrittore, attraverso descrizioni e riflessioni metafisiche sulla natura delle discariche, sfrutta le peculiarità di questo universo capovolto e marginale, per fornire un’immagine vivida, a tratti onirico-fantastica, di un dramma dei nostri tempi che coinvolge in prima istanza il paesaggio veneto. Con un primo sopralluogo in periferia, i due fratelli dell’Asterclean cominciano a conoscere “le loro estensioni”:

Appena fuori dalla Statale, siamo passati mille volte per di qua, e mai vista una di queste – come le chiama il Contratto? – “discariche naturali in terraferma”. Nell’Atlante stradale, la prima dove dovremmo “estenderci” è questa macchia verdolina: “I Boschi” o “I Boschetti”, secondo le carte. Si sale un po’ sull’argine, ed eccola. Ecco dove vanno a finire i rifiuti dell’Asterclean, dove finiamo in un certo modo noi stessi. Qui a un passo da casa: cumuli, colline, valli, fiumi, montagne…la nostra “estensione”, la terra promessa. A perdita d’occhio, montagne di scovazze. (ISF, p. 80).

Si tratta di un altro mondo dal nome eufemistico, situato ai confini della realtà e creato dagli scarti raccolti dall’Impresa. La sua descrizione sfrutta il ricorso all’elenco e l’utilizzo di «un colorismo timbrico, denso di accensioni icastiche»

Tra i gabbiani e i topi ci sono anche gruppi di zingari, un paio di ragazzini insegue i due ospiti e, su un tratto di terreno sgombro, tra i campi sorprendentemente verdi, seppur circondati dalle mondezze, viene improvvisata una partita di calcio con un pallone mezzo sgonfio.

Leoncini puntualizza che quello che attraversano i protagonisti in questa fase della storia è: «un microuniverso in cui si contaminano e si invertono percettivamente il vero e il falso, il reale e l’irreale», tanto che, di fronte alla verità artificiale e allucinata di quelle montagnole, uno stralcio d’erba, lo spazio libero e un semplice gioco di squadra diventano fenomeni irreali perché la attualità è ormai un’altra, «è la realtà artificiale del consumismo, di cui i cumuli di detriti sono l’aspetto rimosso, ma microscopicamente tangibile»

La successiva discarica da visitare è quella chiamata “I Castelli”. Altro nome fiabesco di copertura per un luogo che un tempo doveva essere naturale, fatto di ghiaie, sabbie, fossati, tra argine e laguna, ma che ora appare come:

una concentrazione di ciminiere nell’aria semibuia: fiammate, scarichi in aria, esplosioni, fiaccole piccole e grandi, ardono, sibilano, bruciano, puzzano, tàc si spengono e si riaccendono, fra continui brontolii di tuoni nascosti. Da qui, secondo la carta, partono le nuove “zone gialle”, le aree di deposito dove si “compattano” i rifiuti; mentre poco più in là comincia la “zona di bonificazione”: dove si s-compattano. (ISF, p. 84)

In quello spazio circoscritto, fuori ma dentro al mondo, si concentra tutto il ciclo del consumo: prima si produce, poi si consuma , si butta e infine si bonifica per evitare di morire soffocati. Stefano, dando un’occhiata in giro, scopre l’origine del nome: non si tratta di castelli affini a quelli della Loira, come ingenuamente aveva immaginato, ma di trespoli di metallo in movimento, circondati da operai con maschere ed elmetti, avvolti nel grigio-fumo dell’aria. Non sono altro che trivelle che perforano il terreno della discarica per estrarne le “carote”: lunghi cilindri di materiale prelevati dal sottosuolo. Grazie alle carote si possono studiare e analizzare gli strati successivi di sostanze, più o meno tossiche, che si sono accumulati nel tempo. Un ingegnere addetto alla carotatura spiega al ragazzo che sopra la terra qualcuno ha cominciato a depositare l’alluminio, lo zinco, il piombo e il manganese e poi non si distingue più nulla, c’è di tutto: un metallo che attira un metalloide che a sua volta richiama un gas.
L’ingegnere gli svela poi il cancro della laguna: si tratta di «tonnellate di roba, scaricate tra acqua e fango» (ISF, p. 86) da quei capannoni al limite della terraferma che sembrano innocui. Non è solo il paesaggio a è essere deturpato, il fatto grave è l’inquinamento meno visibile ma più profondo di terra e acqua le quali, contaminate da vecchi e nuovi elementi chimici, avvelenano e fanno impazzire la gente.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

“Narrare i rifiuti. Le immagini della spazzatura nei romanzi di Barbaro, Teobaldi e Riccarelli”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara Stangherlin
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia e letteratura italiana
  Relatore: Ilaria Crotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 208

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rifiuti
letteratura
barbaro
discarica
augé
spazzatura
teobaldi
riccarelli
scavenger
hrabal

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi