Skip to content

Dilemmi e ambiguità della partecipazione online, tra nuove piattaforme e social media

Tra manipolazione e partecipazione: il fenomeno delle fake news 

Oggi più che mai, nell’era della digitalizzazione, le fonti di influenza esterna sono molteplici: tramite smartphone, computer, tablet o televisioni gli individui sono continuamente bombardati da un costante flusso di informazioni dal quale risulta estremamente complesso valutarne l’autenticità. Il rapporto tra l’influenza dei mezzi di comunicazione di massa e il comportamento dei politici è un tema che iniziò ad essere affrontato negli Stati Uniti già a partire dagli anni ’50 del secolo scorso. Paul Felix Lazarsfeld (1901-1976) e Robert K. Merton (1910-2003), nel loro documento più conosciuto “Comunicazione di massa, gusto popolare, e azione sociale organizzata” scritto nel 1948, parlano di “disfunzione narcotizzante” riferendosi all’effetto che si sarebbe potuto verificare sui cittadini a seguito di una lunga esposizione ai mass media. Un’ampia esposizione alla comunicazione di massa non si traduce - secondo i due sociologi - per forza di cose in un maggiore interesse e una maggiore partecipazione alla vita politica bensì nella diminuzione dell’impegno civico. La maggiore diffusione di informazioni non corrispondeva ad una maggiore qualità delle informazioni, così gli individui non risultavano più informati e forti di una coscienza critica. Il rischio, secondo la loro visione, era appunto quello di trasformare la politica in un’“attività da poltrona”, annullando il nucleo fondante di un sistema democratico, ovvero il dibattito. Una precisazione da fare è che nel documento scritto da Merton e Lazarsfeld non compariva ancora, essendo stato scritto nel 1948, la televisione come mezzo di comunicazione di massa. Un approccio meno pessimistico si può ritrovare, sempre nello stesso periodo, nel lavoro di altri sociologi come Cooley e Park secondo i quali <>.85 Negli anni ‘90 quando nelle case degli italiani fecero la loro comparsa tecnologie più innovative come Internet nascono gli approcci cosiddetti apocalittici e quelli cosiddetti integrati. Se quelli integrati vedono in Internet uno strumento capace di ridurre le distanze tra cittadini e politica e favorire l’inclusione all’interno dei processi decisionali, quelli apocalittici, al contrario, considerano la rete come quello strumento con cui è possibile controllare ed opprimere i cittadini. 
I giornali, le radio e la televisione attraverso i suoi programmi di confronto, dalla loro nascita fino a qualche anno fa, hanno rappresentato i principali mezzi attraverso i quali diffondere le informazioni. Tuttavia negli ultimi anni i social network si sono imposti sulla scena mondiale, diventando i canali informatici principali per la maggior parte degli individui. A differenza dei precedenti, grazie a quest’ultimi, si può con un solo click produrre e condividere notizie con tutto il mondo. Nonostante ciò si deve tenere conto che l’informazione prodotta dalle nuove tecnologie, o meglio l’eccessiva informazione, può trasformarsi in disinformazione, generando ombre e problematiche. Ormai il termine “fake news” è sempre più utilizzato sia nel linguaggio 
del mondo virtuale, sia in quello quotidiano. Certamente anch’esso non è un fenomeno nato oggi, in quanto le notizie fasulle sono sempre esistite, ma senza dubbio la loro circolazione sta aumentando vertiginosamente soprattutto su Internet e nel mondo del social media in particolare. Con fake news intendiamo quegli articoli o notizie redatte con informazioni inventate, ingannevoli o distorte, rese pubbliche con il deliberato intento di disinformare o creare scandalo attraverso i mezzi di informazione.
Molte sono le definizioni che sono state date circa le fake news, anche perché molteplici sono quei fenomeni con i quali si intende includere tale concetto. Infatti le fake news sono contraddistinte da un fondamento di pseudo verità ed alterate da convinzioni di una parte dell’opinione pubblica, che consentono di considerare tali informazioni come vere. È necessario poi distinguere quest’ultime dalle “post truth”. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dilemmi e ambiguità della partecipazione online, tra nuove piattaforme e social media

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Scaramucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia e politiche sociali
  Relatore: Alessandra Valastro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
e-democracy
social network
social media
piattaforme online
facebook
movimento 5 stelle
democrazia digitale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi