Skip to content

Dilemmi e ambiguità della partecipazione online, tra nuove piattaforme e social media

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Scaramucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia e politiche sociali
  Relatore: Alessandra Valastro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

A partire dalla prima metà del XX secolo lo scenario politico delle democrazie occidentali ha avuto numerose fasi di rottura e crisi che hanno contribuito a trasformare il rapporto tra governati e governati. In Italia ma anche nelle altre democrazie occidentali, la scarsa fiducia degli elettori nei confronti della classe dirigente, incapace di rispondere ai loro bisogni, l'incremento dell'astensionismo elettorale e le tendenze al disallineamento ideologico, hanno spinto i politologi e le istituzioni a chiedersi come restituire senso agli istituti tipici della cittadinanza democratica.
Questo elaborato ha come obiettivo principale quello di analizzare l'impatto che hanno avuto le nuove tecnologie, in particolare Internet, sulla partecipazione online.
Nel primo capitolo, dopo un breve cenno sulla rappresentanza politica, analizzerò come gli scandali politici e la crescente sfiducia dei cittadini hanno provocato un'incolmabile frattura tra rappresentati e rappresentanti; una crisi che pone l'esigenza di rivedere le tradizionali forme di partecipazione alla luce delle nuove forme di possibilità offerte dall'utilizzo delle nuove tecnologie.
Senza dubbio, l'utilizzo di queste tecnologie ha plasmato non solo l'organizzazione della società in senso generale e le relazioni sociali ma ha anche modificato le strutture della rappresentanza politica, dando alla luce nuove forme di partecipazione democratica. Sono sempre più in aumento quei partiti o movimenti, nati sulla scia di protesta contro l'establishment, che giudicano il nostro sistema democratico rappresentativo “malato” e ormai “inguaribile”. L'unica soluzione, dal loro punto di vista, è quello di restituire la parola ai cittadini, eliminando dalla scena, almeno parzialmente, gli intermediari politici, in quanto parte di quel sistema corrotto e malato. Se ciò era facilmente attuabile nelle antiche polis greche, riunendo gli abitanti all'interno delle agorà, dove ogni cittadino poteva esprimere la propria opinione, oggi l'unico strumento capace di superare l'ostacolo dei grandi numeri presente in ogni Stato è il coinvolgimento dei cittadini nella Rete.
Dopo aver spiegato il concetto di e-democracy mi addentrerò nel dibattito nato tra tecno-entusiasti, coloro che enfatizzano le possibilità di democratizzazione e di ampliamento delle possibilità di accesso alla sfera pubblica, e tecno-pessimisti, coloro che invece guardano con diffidenza alle nuove tecnologie perché in grado di rinforzare le disuguaglianze nella distribuzione di poteri e saperi. Il dubbio che nasce è se l'e-democracy rappresenti l'inizio della fine della rappresentanza politica almeno come la conosciamo oggi, oppure, al contrario, costituisca uno strumento al servizio della democrazia stessa. Inoltre, nel secondo capitolo, mi soffermerò sui media civici, spiegando cosa sono e, in particolare, su quegli elementi che più li distinguono dai social media.
Internet ha dato via ad un nuovo mondo virtuale dove è stato radicalmente rivoluzionato il modo di fare politica, nonché l'idea stessa di politica. L'aumento esponenziale delle persone che ogni giorno si connettono alla rete ha fatto sì che il potere di questo strumento diventasse tanto forte da essere utilizzato anche dalla politica. Infatti la facilità con cui i leaders politici possono entrare in contatto e comunicare con i propri elettori in tempo reale, ha reso i social media uno strumento appetibile per tutti. Ma allo stesso tempo sono uno strumento potenzialmente pericoloso per gli utenti. Nel nuovo scenario il pubblico non è più solo il consumatore di notizie, come nel web 1.0, ma anche attore e produttore delle stesse. Dunque l'informazione può essere manipolata con maggiore facilità e soprattutto sempre più difficile è diventato smascherare le notizie fasulle da quelle reali. Approfondirò il problema che si cela dietro agli algoritmi digitali, il ruolo indispensabile che hanno le analisi dei big-data (spesso sottratti senza autorizzazione dell'utente) e il loro trattamento automatizzato al fine di recapitare agli utenti una serie di messaggi mirati e personalizzati. Per meglio chiarire tale problematicità accennerò brevemente allo scandalo scoperto nel 2018 di Facebook-Cambridge Analytica. Lo scopo di questo capitolo è offrire ai lettori quegli elementi capaci di sottolineare come un uso scorretto delle tecnologie possa alterare gli equilibri elettorali e democratici.
Infine, nell'ultimo capitolo, riprenderò il tema affrontato all'inizio di questo lavoro, ovvero la possibilità di affrancare i regimi democratici rappresentativi con sistemi di democrazia diretta, realizzabili attraverso le nuove tecnologie informatiche ed in particolare, mi concentrerò nell'analisi di alcune tra le principali piattaforme online.

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Scaramucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia e politiche sociali
  Relatore: Alessandra Valastro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE A partire dalla prima metà del XX secolo lo scenario politico delle democrazie occidentali ha avuto numerose fasi di rottura e crisi che hanno contribuito a trasformare il rapporto tra governati e governati. Dopo lo scandalo di Tangentopoli, nei primi anni ‘, in Italia si è chiusa definitivamente lepoca dei grandi partiti di massa protagonisti di tutta la Prima Repubblica: il Partito Comunista e la Democrazia Cristiana. Così a partire da quegli anni gli elettori hanno ricercato invano nuove identità politiche in grado di sostituire i vecchi partiti e che potessero restituire quel senso di appartenenza e partecipazione presenti durante gli anni della Prima Repubblica. Tuttavia, non solo in Italia ma anche nelle altre democrazie occidentali, la scarsa fiducia degli elettori nei confronti della classe dirigente, incapace di rispondere ai loro bisogni, lincremento dellastensionismo elettorale e le tendenze al disallineamento ideologico, hanno spinto i politologi e le istituzioni a chiedersi come restituire senso agli istituti tipici della cittadinanza democratica. Questo elaborato ha come obiettivo principale quello di analizzare limpatto che hanno avuto le nuove tecnologie, in particolare Internet, sulla partecipazione online. Nel primo capitolo, dopo un breve cenno sulla rappresentanza politica, analizzerò come gli scandali politici e la crescente sfiducia dei cittadini hanno provocato unincolmabile frattura tra rappresentati e rappresentanti; una crisi che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
e-democracy
social network
social media
piattaforme online
facebook
movimento 5 stelle
democrazia digitale

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi