Skip to content

L'Op e Mino Pecorelli: un giornalismo tra investigazione e mistero

Veleni, denunce, indagini: il giornalismo di Pecorelli

“Notizie, si sa, ad un certo livello non esistono. Esistono invece fughe di notizie. Cioè quelle soffiate, quelle indiscrezioni con cui ciascun centro di potere in questa Repubblica pluralistica cerca di condizionare, ammonire, minacciare altri centri di potere. In questo senso, parlare di “giornalisti spia” è parlare di acqua fresca. Il giornalista è insieme una spia e il suo contrario. Spia in quanto per accedere a certe informazioni deve stabilire dei contatti con determinati centri di potere, magari tappandosi il naso, ma senza timori virginali sul candore delle proprie mani. Antispia, perché offre subito al suo pubblico ogni indiscrezione della quale entra in possesso. Il giornalista, insomma, può correre il rischio di diventare uno strumento altrui, può non comprendere subito dove andranno a sfociare iniziative determinate alle sue spalle, ma certo mai e poi mai uno che ha il vizio della penna potrà prestarsi alle clandestine omertà del mondo spionistico”. È quanto scriveva, a proposito del proprio lavoro, Mino Pecorelli, in un inconsapevole epitaffio che precedeva di circa due anni la sua morte. Forse, con questa citazione, paiono risolte le domande iniziali. Lo stesso Pecorelli era consapevole del suo ruolo, di essere un personaggio di “rottura”, sospeso tra i “centri di potere” e il “suo pubblico”. Sosteneva di essere un “giornalista libero, conscio dei compromessi e dei rischi connessi alla sua missione”: quella, cioè, di raccontare i rapporti dei vertici dello Stato, di svelare i retroscena dei “palazzi”, di rendere pubblico ciò che doveva rimanere segreto e misterioso.
Massimo Teodori, nella sua prefazione al libro di Rita Di Giovacchino, “Scoop Mortale, Mino Pecorelli storia di un giornalista kamikaze”, scrive: “...che a tutti gli effetti possiamo inscrivere nella grande tradizione americana dei muckrakers...”, riferendosi al giornalismo pecorelliano.
Una mina vagante che non risulta “organica” a nessun establishment di potere, a nessun gruppo ufficiale, semiufficiale o occulto. Certo Pecorelli ha mantenuto costanti rapporti con molteplici gruppi di potere, li ha difesi in varie occasioni ma, sottolineando la sua natura, li ha anche attaccati, pure ferocemente. Questo, come vedremo nel proseguo dell’elaborato, ci spinge a dire (e ribadire) come Pecorelli non può essere inscritto a nessun “partito” della Prima Repubblica, anche se il suo nome compare in molti “sottoscala, retrobottega e saloni del vecchio regime”. Seguendo le riflessioni di Teodori, possiamo iniziare una disamina circa le “pecorelliane investigazioni”, facendo riferimento al nostrano “giornalismo investigativo”, più che alla tradizione d’oltreoceano.
Partiamo con una definizione: “...a differenza della semplice ricerca, ad esempio, l’investigazione è fortemente connessa con la dimensione del rischio e della ritorsione. Il giornalismo investigativo non va confuso con la cronaca giudiziaria o con la cronaca nera, con il giornalismo d’opposizione o di denuncia, con lo scoop o la punditry, con il chequebook journalism o con la controinformazione, e soprattutto con l’inclinazione amatoriale a spulciare una verità tenebrosa...Di norma il giornalismo investigativo è un lavoro di gruppo: richiede un team, un project editor e soprattutto una professionalità caratterizzata da conoscenze precise in vari campi...richiede una cultura dell’investigazione e della legalità, del dettaglio e del riscontro, dell’indizio e della prova...è un tipo di giornalismo che, sulla base della competenza e non del semplice fiuto, tenta di scoprire meccanismi casuali, protagonisti nascosti, sconosciute successioni temporali e motivazionali...Vuole scoprire e ricostruire i fatti, non si limita ad una narrazione...è scomodo e impegnativo: procura spesso nemici e avversità, perché quella verità investigata è tenuta accuratamente nascosta da qualcuno che, come minimo, è pronto ad adire le vie legali per evitare che le proprie attività siano rese note...”. Senza nulla togliere agli altri modelli e tipi di giornalismo (come la nera, ad esempio, che ha reso celebri personaggi del calibro di Gadda, Sciascia, Pasolini e Camilleri), il giornalismo investigativo assume un rilievo particolare per il semplice fatto che unisce (o perlomeno dovrebbe unire) esperienze precise in vari campi “...sotto il profilo metodologico, sociologico, giuridico, per quanto riguarda la teoria della conoscenza, la sociologia delle comunicazioni, il diritto penale dell’informazione...”.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Op e Mino Pecorelli: un giornalismo tra investigazione e mistero

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Signorini
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Media e Giornalismo
  Relatore: Andrea Pannocchia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aldo moro
anni di piombo
banda della magliana
carlo alberto dalla chiesa
giornalismo investigativo
giulio andreotti
italcasse
op-osservatorio politico internazionale
pecorelli
watchdog

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi