Skip to content

Comunicare l'immagine nel museo contemporaneo. Tra percezione ed estetica della ricezione

Informazioni tesi

  Autore: Siria Grasselli
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2018-19
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Dipartimento Arti Visive
  Corso: Pittura
  Relatore: Micla  Petrelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Come e perché il museo contemporaneo si presenta sotto una forma del tutto nuova rispetto al passato? L'intera ricerca gira intorno a tale quesito e, per comprendere quali siano state le motivazioni che hanno portato a tale trasformazione, è necessario analizzare e osservare tutte quelle ricerche, sia in ambito estetico, che percettivo, che neurologico, che hanno influenzato il concetto che si aveva di "vedere" e di conseguenza l'idea di museo.

Informazioni tesi

  Autore: Siria Grasselli
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2018-19
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Dipartimento Arti Visive
  Corso: Pittura
  Relatore: Micla  Petrelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 PARTE PRIMA In un articolo pubblicato sul Corriere della sera (2019) si legge: “I musei sono vivi. Persino i Musei Capitolini che esistono dal 1734 o il British Museum di Londra, fondato nel 1759, non sono mai rimasti uguali al primo giorno” 1 . Certamente i musei da sempre si sono trovati a dover soddisfare esigenze differenti ma, oggi più che mai, il loro ruolo all’interno della società sta cambiando. “Forse più di ogni altro luogo pubblico i musei rendono visibili i meccanismi simbolici, i dispositivi sociali e comunicativi” 2 , afferma Stefano Chiodi nel saggio Le funzioni del museo (2009). Questo processo comunicativo rappresenta, nel nostro millennio, un’attività d’importanza cruciale tra gli altri obbiettivi proposti dai musei contemporanei. I visitatori, infatti, non permettono più al museo di essere un luogo dove avere un approccio passivo con le opere, ma pretendono di essere parte attiva della propria esperienza estetica. Siamo continuamente circondati da stimoli e il semplice osservare non basta più: lo spettatore necessita di un ambiente che non sia solo un deposito del sapere ma che lo trasporti all’interno di un’esperienza unica, piacevole e indimenticabile. Per far sì che le opere vengano apprezzate oggi il museo deve escogitare tutta una serie di strategie che riescano a rendere lo spettatore partecipe, interessato e coinvolto emotivamente. Ma da cosa è scaturito questo cambiamento? Perché in passato il museo era visto come luogo di conservazione e di tradizione mentre oggi è divenuto “dimora del tempo presente” 3 ? E come sta reagendo il museo? Per rispondere a queste domande è necessario fare un passo indietro poiché è importante, in primo luogo, capire cosa significhi realmente il termine “comunicazione” e, soprattutto, comprendere come le ricerche e gli studi in ambito psicologico, estetico e neurologico abbiano influenzato l’idea di fruizione estetica. In questa prima parte della 1 Nomix Studio, Il museo che cambia: quando la cultura diventa esperienza, in “Corriere della sera”, Milano 2019, https://www.corriere.it/native-adv/intesasanpaolo-longform01-il-museo-che-cambia.shtml. 2 S. Chiodi, Le funzioni del museo, LeLettere, Firenze 2009, p. 10. 3 M. Petrelli, Lo sguardo disperso. Vedere l’opera nell’epoca dei musei smemorati, in “Psicoart”, 2017, https://psicoart.unibo.it/.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
percezione
empatia
museo contemporaneo
neuroni specchio
rudolf arnheim
semir zeki
psicologia gestalt
estetica della ricezione
wilhelm worringer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi