Skip to content

David Lynch - Dietro il sipario

Informazioni tesi

  Autore: Arianna De Vita
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2014-15
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Arti Tecnologiche
  Relatore: Vincenzo Tromba
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

Quando si parla di un regista come David Lynch non si può prescindere dal considerare tutte le sue ossessioni, i fantasmi, gli espedienti tecnici e i temi ricorrenti che caratterizzano la sua filmografia. Tuttavia c'è un particolare aspetto di quest'ultima sul quale mi voglio soffermare: mi riferisco alla sua propensione ad esplorare dimensioni immaginarie, oniriche e inconsce nelle quali, all'incanto - che a volte preannuncia la catastrofe imminente - si contrappone il disincanto di una realtà angosciante, conflittuale o addirittura insostenibile. Sono due dimensioni, quella fenomenica e quella immaginaria, che si intersecano e riversano le une nelle altre in modo avulso rispetto alle convenzioni della cinematografia classica che, ad ogni modo, non è dal cineasta del tutto accantonata.
È proprio dall'interesse di questo intuitivo regista verso le aberranti mostruosità che si nascondono sotto una superficie scintillante e rassicurante, che deriva la scelta del titolo di questa tesi.
Il sipario non rappresenta solo un elemento scenografico, ricorrente nelle sue opere cinematografiche (ricordiamo le tende dei titoli di testa di Velluto Blu, quelle dell'appartamento di Fred Madison in Strade Perdute, il sipario che delimita la Red Room in Twin Peaks e quello del teatro immaginario di Eraserhead), ma la raffigurazione simbolica della congiunzione e alla stesso tempo separazione di due universi contigui, una barriera così sottile da poter essere oltrepassata con facilità. Con lo scopo di "celare alla vista" è l'oggettivazione del mistero stesso, quell'enigma che Lynch ama suggerire ma non svelare e che appare come la superficie ordinaria e rassicurante dietro la quale, però, si nascondono indicibili segreti.
Il ricco immaginario del regista si presenta al pubblico in modo crudo, inquietante, sfiorando, talvolta, persino il grottesco e non allo scopo di suscitare uno sterile sensazionalismo ma provocare una reazione, anche se di repulsione, per rendere lo spettatore partecipe della vicenda. Il suo è più l'atteggiamento meticoloso e scientifico del chirurgo, ma invece di immergere le mani nella materia organica, le immerge nei meandri psichici di personaggi dalla già scarsa solidità, messi sotto forte pressione dalla realtà perversa e insidiosa che li circonda e dalle persone che la popolano, così degenerate da rasentare la caricatura.
Tutto è posto sotto una lente distorta che intensifica ancora di più personaggi e situazioni.
Come lo stesso Lynch afferma in un'intervista:
"Più tenebre sei in grado di raccogliere, più riesci a vedere anche la luce"
È questo suo interesse per il contrasto tra buio e luce, bene e male, fantasia e realtà, normalità e mostruosità, natura e macchina che uno dei generi in cui il regista sembra muoversi più a suo agio è il noir; genere che gli permette più di altri di mettere in pratica il suo approccio puramente istintivo al lavoro, di sperimentare atmosfere anche allucinatorie cariche di suspance e tensione, sfilacciare le trame del racconto fino a disorientare, disseminare indizi come tessere di un puzzle che spesso non trovano nemmeno la propria collocazione. Toccherà allo spettatore, e solo a lui, ricomporre le tessere e costruire una propria visione, vivendo l'impressione di dover decifrare un sogno, un delirio, o meglio, un incubo.

Informazioni tesi

  Autore: Arianna De Vita
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2014-15
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Arti Tecnologiche
  Relatore: Vincenzo Tromba
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 109

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“Quanto è magico entrare in un teatro e vedere spegnersi le luci. Non so perché. C'è un silenzio profondo, ed ecco che il sipario inizia ad aprirsi. Forse è rosso, ed entri in un altro mondo. È stupendo quando condividi quest'esperienza con gli altri. Continua a esserlo anche a casa, davanti al tuo schermo personale, anche se non è proprio la stessa cosa. Sul grande schermo è decisamente meglio. Ecco la porta d'ingresso per un altro mondo” In acque profonde, David Lynch 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
cinematografia
regista
regia
david lynch
tesi cinema
david lynch tesi
tesi accademia di belle arti
tesi dams
arte e spettacolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi