Skip to content

Percorso nella grafica di pubblica utilità: la responsabilità del progetto

Informazioni tesi

  Autore: Simona Mazzarelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Disegno Industriale
  Relatore: Roberto Pieracini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

La grafica di pubblica utilità è quel settore della grafica che opera per la committenza pubblica. Ma non solo. Non si tratta semplicemente di una diversità di committenza. Si tratta di un'area di indagine che ha come punto focale d'attenzione la comunicazione visiva dell'ente pubblico, cioè l'insieme di istituzioni sociali, politiche, culturali, rivolta all'individuo inteso come soggetto sociale e non come consumatore.
Vi è una netta distinzione tra la comunicazione di pubblica utilità, riferita alla sfera culturale (per teatri, manifestazioni ed eventi promossi dalle amministrazioni pubbliche), sociale (segnaletica e informazione per il miglioramento dei servizi sociali gestiti dall'ente pubblico), politica (campagne di informazione e propaganda da parte di partiti politici, organizzazioni sindacali) ed educativa (campagne volte ad incentivare dei comportamenti in base alla coscienza civica, utilizzo responsabile delle risorse naturali, attenzione verso le tematiche ambientali ed ecologiche), e la comunicazione pubblicitaria che è evidentemente finalizzata alla vendita di beni o servizi con scopo di lucro.

Sebbene la grafica di pubblica utilità non nasca agli inizi degli anni Settanta, è indubbiamente in quel periodo che in Italia si ripresenta con molta forza e con un'originalità legata soprattutto alla rapidità dell'estensione del fenomeno in diverse amministrazioni pubbliche. Infatti dopo il 1968, grossomodo in tutto il territorio nazionale, si moltiplicano le iniziative politiche, sociali e culturali, rese possibili anche dal decentramento amministrativo in atto (legge 616), oltre che dai fermenti internazionali di contestazione. Si assiste, dunque, da un lato ad una nuova “utilità”, in questo caso pubblica, della progettazione grafica nella partecipazione al rinnovamento della gestione della cosa pubblica e, dall'altro, al concreto ampliarsi della domanda nonché all'estendersi di un nuovo tipo di committenza. La figura del grafico collabora insieme ai soggetti dell'ente locale nell'attuazione di un progetto unitario di trasformazione.

Questa tesi è incentrata su una ricerca storico-teorica sulla grafica di pubblica utilità che ne descrive le caratteristiche e le peculiarità, i linguaggi, il profilo storico che va dalle origini con Albe Steiner, all'evoluzione progettuale nel periodo a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta e ai convegni e dibattiti che hanno portato al crearsi del concetto di responsabilità sociale del grafico fino alla stesura della Carta del Progetto grafico nel 1989. La ricerca analizza le circostanze culturali, sociali, politiche ed economiche che ne hanno favorito lo sviluppo durante tutti gli anni ‘80 e la complessità del panorama attuale in cui non esiste più una netta separazione fra settore pubblico e privato.

Informazioni tesi

  Autore: Simona Mazzarelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Disegno Industriale
  Relatore: Roberto Pieracini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 158

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 7 Introduzione di Roberto Pieracini Il ritorno ad un periodo, un tempo passato e cercare di valutarne oggi gli effetti e le conseguenze è difficile, forse anche spiacevole. Non solo per la difficoltà di una ricostruzione storica, che in questo caso è molto agevolata, Simona Mazzarelli è riuscita con questa tesi a realizzare un lavoro enorme, una analisi attenta e meticolosa che nulla ha tralasciato e che costituisce una partenza pri- vilegiata, senza la fatica del ricordo, ma perché sempre l’analisi di un momento trascorso porta inevitabilmente ad analizzare il non fatto, a percepirne più le inefficienze che gli aspetti qualitativi. Ma ogni promessa è debito, e questa introduzione va fatta. Grafica di pubblica utilità. Italia, anni ’85, ’95. Intendevamo allora con questo termine la comunicazione dedicata al cittadino da parte dell’amministrazione pubblica. Come se non fosse “grafica di pubblica utilità” anche la comunicazione interna di una grande azienda, come se i 50.000 - 100.000 operai, impiegati, dirigenti e rivenditori di Olivetti, Fiat, Ansaldo non costituissero anche loro una virtuale città, equivalente non solo come numero ma per dinamiche interne a città come Pesaro, Ravenna, Modena. Con le stesse necessità, una comunicazione interna chiara e pulita, che si proiettasse poi all’esterno nello stesso modo chiaro e onesto. In realtà quel momento storico esprimeva la necessità di uscire da una logica Milano-centrica, concentrata nel business del rampante partito socialista che stava pian piano monopolizzando tutti gli spazi operativi, e caratterizzata da totale assenza, perlomeno a Milano, di una qualsiasi politica culturale di sini- stra. Portare allo scoperto operatori e gruppi di operatori che lavoravano in provin- cia e che proprio nelle città di provincia, in assenza del privato e dell’industria, trovarono validi interlocutori nell’Ente pubblico. Ente pubblico di provincia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

albe steiner
comunicazione pubblica
franco balan
l'altra grafica
la carta del progetto grafico
massimo dolcini
bob noorda
comunicazione sociale
london underground
andrea rauch
elisabetta ognibene
gianfranco torri
giovanni lussu
grafica di pubblica utilità
il progetto della metropolitana milanese
la privatizzazione del pubblico
mario cresci
massimo casamenti
pino grimaldi
prima biennale della grafica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi