Skip to content

Effetti del contesto scolastico e della motivazione nel burnout degli insegnanti

Informazioni tesi

  Autore: Diego Angeli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Dipartimento di Scienze della Vita (ex Facoltà di Psicologia)
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Francesco Marcatto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

Il burnout è una particolare sindrome derivata da stress cronico che riguarda specialmente gli insegnanti. Al concetto di stress di tipo biomedico, si è affiancato quello psicologico e poi quello di stress lavoro-correlato in relazione alla prevenzione primaria dei rischi psicosociali in ambito organizzativo. Gli sviluppi successivi si sono focalizzati sulla percezione di diversi aspetti del contesto lavorativo, predittivi della sindrome. Esporrò due studi che hanno l'obiettivo comune, attraverso modelli predittivi del burnout degli insegnanti, d'indagarne gli antecedenti, variabili o fattori latenti del contesto scolastico che influiscono sulle sue componenti. Il primo studio, longitudinale, tenta di cogliere gli effetti del cambiamento intraindividuale nella percezione di alcuni fattori contestuali, ipotizzando il ruolo di mediazione dei cambiamenti in quelli motivazionali. Il secondo studio, trasversale, cerca di stimare gli effetti diretti e indiretti, di specifiche variabili latenti contestuali di tipo interpersonale e organizzativo. L'analisi degli aspetti metodologici e poi la discussione dei rispettivi risultati, permetterà di evidenziare il contributo degli studi considerati alla ricerca e alla prevenzione primaria del burnout, pur con i loro limiti. Nelle conclusioni, suggerirò un possibile intervento psicosociale e sistemico nella comunità scolastica, per la prevenzione primaria del burnout.

Informazioni tesi

  Autore: Diego Angeli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Dipartimento di Scienze della Vita (ex Facoltà di Psicologia)
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Francesco Marcatto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Effetti del contesto scolastico e della motivazione nel burnout degli insegnanti 1 INTRODUZIONE Il burnout è una particolare sindrome derivata da stress cronico che riguarda specialmente gli insegnanti. Al concetto di stress di tipo biomedico, si è affiancato quello psicologico e poi quello di stress lavoro-correlato in relazione alla prevenzione primaria dei rischi psicosociali in ambito organizzativo. Gli sviluppi successivi si sono focalizzati sulla percezione di diversi aspetti del contesto lavorativo, predittivi della sindrome. Esporrò due studi che hanno l’obiettivo comune, attraverso modelli predittivi del burnout degli insegnanti, d’indagarne gli antecedenti, variabili o fattori latenti del contesto scolastico che influiscono sulle sue componenti. Il primo studio, longitudinale, tenta di cogliere gli effetti del cambiamento intraindividuale nella percezione di alcuni fattori contestuali, ipotizzando il ruolo di mediazione dei cambiamenti in quelli motivazionali. Il secondo studio, trasversale, cerca di stimare gli effetti diretti e indiretti, di specifiche variabili latenti contestuali di tipo interpersonale e organizzativo. L’analisi degli aspetti metodologici e poi la discussione dei rispettivi risultati, permetterà di evidenziare il contributo degli studi considerati alla ricerca e alla prevenzione primaria del burnout, pur con i loro limiti. Nelle conclusioni, suggerirò un possibile intervento psicosociale e sistemico nella comunità scolastica, per la prevenzione primaria del burnout. 1. STRESS, STRAIN E STRESS LAVORO-CORRELATO 1.1 Stress e strain Il concetto di stress, prima ancora di essere scientificamente studiato, era già parte del senso comune come afflizione nel ‘800 e tensione o sforzo nel ‘900 (Pedon & Maeran, 2002, p. 268). Negli anni ’30 del XX secolo, l’endocrinologo Selye per primo lo utilizzò in campo biomedico per spiegare le reazioni avverse da agenti nocivi, definendolo come sindrome generale di adattamento, in quanto risposta adattiva aspecifica di un organismo stimolato da minacce ambientali di qualunque natura. Attraverso un processo trifasico, allarme-resistenza- esaurimento, il sistema nervoso e quello ormonale, intervengono per mantenere le funzioni dell’organismo stabili ovvero l’omeostasi. Gli effetti negativi per la salute si producono nelle fasi di resistenza ed esaurimento, quando la risposta neuroendocrina e psichica è inadeguata a causa dell’intensità e durata dello stimolo o stressor, causando stress negativo (distress), oppure quando le sollecitazioni sono troppo povere, provocando stress da deprivazione (hipostress), mentre se proporzionali alla capacità di risposta si produrrà stress positivo o eustress (Gabassi & Garzitto, 2014, pp. 274-277).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prevenzione
scuola
insegnanti
motivazione
stress
psicologia del lavoro
burnout
path diagram
regressione correlazione
modelli equazioni strutturali

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi