Skip to content

Il sistema pensionistico nell'ordinamento italiano: evoluzione e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Franchini
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2021-22
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Francesca De Michiel
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 281

Assodata quindi la previdenza sociale come un prodotto tipicamente moderno, nato in un suo specifico contesto storico, si è provato, nei primi tre capitoli del presente lavoro, di tracciare una sorta di fenomenologia del sistema pensionistico, eminentemente in ambito italiano, dopo la sua progressiva emersione dall'indistinto mare dell'assistenza e dalla beneficienza pubblica, fino al riconoscimento della sua piena autonomia giuridica e sociale.

Come accennato, degli aspetti predetti si occupano essenzialmente le prime tre sezioni.
La prima ha il compito di fornire le coordinate generali di riferimento ed iniziare la narrazione dai tempi più remoti per terminare la descrizione degli eventi sul finire degli anni 2000: un periodo estremante ampio rispetto all'arco temporale coperto dai capitoli II e III. Tuttavia, è qui raccontata l'intera fase di espansione dell'apparato pensionistico e previdenziale, sospinto da un'accecante "furia del presente", tale da scacciare qualsiasi preoccupazione collettiva per l'avvenire, impedendo di valutare in prospettiva ciò che stava accadendo: l'idea dominate era quella di una crescita economica illimitata, non percependo neanche, sul piano demografico, quale impatto, dopo il breve baby boom post bellico, avrebbe avuto la diminuzione delle nascite sul futuro del Paese.

La sezione seconda continua l'esposizione dei fatti da dove si era interrotta la prima, optando però, questa volta, su un focus tematico preciso costituito dalla riforma Monti-Fornero. Radicale, contestata, attuale, e il naturale punto di partenza per ogni discussione avente ad oggetto il nostro sistema pensionistico, rappresentando di fatto il testo fondamentale della vigente disciplina, cui sono succeduto modifiche unicamente nella forma di eccezioni e deroghe temporanee, ma nessuna sostanziale modifica.

A concludere la prima parte della tesi è posto il terzo capitolo contenente gli sviluppi più recenti della disciplina, molto spesso dovuti alla persistenza degli effetti della l. n. 214/2011 e alla ricerca di un nuovo difficile equilibrio d'insieme da rintracciare tra esigenze ed interessi spesso contrapposti.

Al termine di questo trittico retrospettivo, da leggere con organica unità, sono poste due ulteriori suddivisioni alle quali è affidato l'ingrato compito di gettare un ponte verso il futuro individuando il punto di approdo di un viaggio, in una dimensione intrinsecamente dinamica e dialettica, che si scopre e si realizza nel suo divenire.

Il quarto capitolo accoglie così la trattazione della previdenza complementare ed integrativa nei suoi aspetti normativi e funzionali, evidenziandone sviluppi, potenzialità oltre a lati oscuri meno noti e spesso ignorati.

La quinta ed ultima partizione è quella dei traguardi impossibili. La stessa titolatura rimanda programmaticamente ad eventi successivi, e per noi futuri, di ostica individuazione. Ecco spiegata la scelta espositiva di procedere per nuclei tematici, cercando non tanto di prevedere le sorti del sistema in sé, quanto piuttosto di analizzare questioni, attuali o destinate a diventarlo, assolutamente cruciali per la determinazione degli scenari a cui andremo incontro. In questo senso il riferimento va ad argomenti quali: il patto intergenerazionale; il problema, perché di questo ormai si tratta, demografico; la galassia del lavoro marginale.

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Franchini
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2021-22
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e Cremona
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Francesca De Michiel
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 281

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
13 INTRODUZIONE Se è vero che ogni epoca ha le sue sfide è altresì certo come esistano sfide attuali in ogni epoca, inossidabili al trascorrere del tempo. L’uomo, da quando conosce il vivere associato, ha sempre avvertito e riconosciuto l’esistenza di un legame capace di trascendere la dimensione individuale, e accomunare, in una certa misura, il destino di ciascuno a quello dei suoi simili, facendo trovare riflessa nello specchio la risposta alla domanda “per chi suona la campana?”. Ma se il quesito, o il problema, si ripresenta annualmente identico nella sostanza, a mutare devono essere azioni e soluzioni. La previdenza sociale è infatti la risposta moderna ad un problema antico. Sarebbe però una lettura distorsiva tentare di rinvenirne esempi già nel mondo greco e romano, dove il lavoratore in quanto tale non era nemmeno ancora riconosciuto come soggetto di diritto. Iniziative a favore degli individui più deboli, seppur evidentemente presenti e con lo scopo medesimo di sollevare dal bisogno, erano piuttosto riconducibili a forme di assistenza sporadicamente pubbliche ma, più soventemente, di natura privata. Assodata quindi la previdenza sociale come un prodotto tipicamente moderno, nato in un suo specifico contesto storico, si è provato, nei primi tre capitoli del presente lavoro, di tracciare una sorta di fenomenologia del sistema pensionistico, eminentemente in ambito italiano, dopo la sua progressiva emersione dall’indistinto mare dell’assistenza e dalla beneficienza pubblica, fino al riconoscimento della sua piena autonomia giuridica e sociale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi