Skip to content

Nuovi paradigmi per la sostenibilità: New Plastic Economy

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Giacchetto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Economiche, Statistiche e Sociali
  Relatore: Luigi Bollani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

Il concetto di sviluppo sostenibile viene fatto risalire agli anni Settanta. Esso guarda al di là del classico modello industriale, il cosiddetto take-make-dispose (estrazione di risorse – produzione – consumo – scarto) ma utilizza come parola d’ordine “chiudere il cerchio”, intesa come capacità di effettuare un uso efficiente delle risorse con basse emissioni di agenti inquinanti. Si tratta di prendere la linea retta dell’attuale sistema economico, che preleva, trasforma, vende e butta, indifferente alle conseguenze sull’ambiente, e piegarla fino a trasformarla in un cerchio. È la strada da cui deve passare il rilancio dell’economia europea per diventare sostenibile e competitiva, ma è anche la sfida principale del mondo che non può più reggere questo utilizzo sconsiderato delle risorse. L’Europa vuole essere il leader mondiale di questa transizione che potrebbe portare crescita economica e aumento dell’occupazione, nel rispetto dell’ambiente.
L'economia circolare si può quindi considerare come una struttura economica rigenerativa, basandosi sull'innovazione a livello di sistema nel suo complesso. Scopo di questo modello è infatti ridefinire prodotti e servizi per essere in grado di gestire in modo migliore gli sprechi e i consumi, riducendo al minimo gli impatti negativi, anche attraverso una transizione verso fonti di energia rinnovabile.
In piena linea con i concetti di economia circolare, diverse organizzazioni no-profit stanno cercando di contrastare gli effetti negativi dell'inquinamento da plastica. La Ellen MacArthur Foundation è tra queste, e a livello internazionale è considerata una delle più autorevoli in materia, tra i suoi partners principali nel settore beverage spiccano Coca-Cola company e PepsiCo. Il mio studio mira ad un analisi dei nuovi paradigmi produttivi e sociali utilizzati da grandi aziende del beverage per garantire la sostenibilità dei propri prodotti sul mercato, sempre più attento al concetto di sostenibile. Nella sezione finale del mio elaborato analizzo poi, tramite un questionario, un campione di consumatori sulle loro abitudini di smaltimento e utilizzo di oggetti di plastica. Obiettivo finale dell’analisi è comprendere il comportamento e la sensibilizzazione dei consumatori al tema plastic free.

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Giacchetto
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Economiche, Statistiche e Sociali
  Relatore: Luigi Bollani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 151

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La nascita del concetto di sviluppo sostenibile viene fatta risalire agli anni Settanta, 1 si tratta di un tipo di struttura economica che guarda al di la del classico modello industriale, il cosiddetto take-make-dispose ( estrazione di risorse, produzione di beni e servizi, consumo degli stessi e creazione di rifiuti e scarti di vario genere), ma pone al centro l’idea di“chiudere il cerchio”, intesa come capacità di effettuare un uso ottimale delle risorse disponibili limitando al massimo la produzione di inquinamento ed esternalità di vario genere. Si tratta di prendere la linea retta dell’attuale sistema economico, che preleva, trasforma, vende e butta, poco attenta alle conseguenze che ricadono sull’ambiente, e deformarla fino a trasformarla in un cerchio. Dalla precedente definizione si può facilmente dedurre che l’idea di ‘’economia circolare’’ è parte integrante, se non sinonimo, di ‘’sviluppo sostenibile’’. E’ in quest’ottica che deve dirigersi il rilancio dell’economia europea per diventare sostenibile e competitiva, ma, oltre a ciò, essa è anche la sfida principale del mondo, ormai impossibilitato a reggere questo utilizzo sconsiderato delle risorse. 2 1 Le possibili definizioni di sviluppo sostenibile sono molteplici e negli ultimi anni gli sviluppi della letteratura sul tema sono stati molto significativi. Proprio per queste motivazioni si è inizialmente scelto di approcciarsi ad una definizione tanto dibattuta attraverso uno studio comparato compiuto da Daly (2006). Tuttavia, è importante avere anche una visione recente del tema e per tali ragione si è scelto di guardare con attenzione anche alla definizione di Kates (2018), il quale dopo un’analisi diacronica della definizione, ne propone possibili evoluzioni e sviluppi. Cfr.: Daly, Herman E. "Sustainable development—definitions, principles, policies." The future of sustainability. Springer, Dordrecht, 2006. 39-53; Kates, Robert W. "What is sustainable development?.", 2018. 2 Fin da subito è opportuno notare che gli approcci dei vari Paesi nell’affrontare le tematiche e le problematiche legate allo sviluppo sostenibile sono diversi. Al riguardo Hopwood et al. (2005) hanno effettuato un’interessante mappature inerente i differenti approcci possibili al concetto di sviluppo sostenibile. Cfr: Hopwood, Bill, Mary Mellor, and Geoff O'Brien. "Sustainable development: mapping different approaches." Sustainable development 13.1 (2005): (pp. 38-52).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inquinamento
riciclo
plastica
riuso
green economy
risorse rinnovabili
economia sostenibile
plastic free
lotta alla plastica monouso
microplastica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi