Skip to content

I neuromiti nel giornalismo: dalle scoperte scientifiche alla loro divulgazione

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Boccagni
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Editoria e giornalismo
  Corso: Laurea magistrale in Editoria e giornalismo
  Relatore: Valentina Moro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Il tema elaborato in questa tesi riguarda "i neuromiti" ed in particolare la loro diffusione attraverso i diversi canali mediatici.
Si definiscono neuromiti «alcune idee sbagliate generate da un’incomprensione, una lettura distorta o una citazione errata dei fatti stabiliti scientificamente per sostenere l’uso delle ricerche sul cervello».
Nella società occidentale queste errate credenze sono state diffuse attraverso gli innumerevoli strumenti comunicativi disponibili (giornali, riviste, libri, televisione ecc.).
L’analisi del tema trattato si esplica in tre capitoli.
Nel primo vengono approfondite le caratteristiche generali del giornalismo di divulgazione scientifica, le origini e l’etica di cui è contraddistinto. Viene inoltre trattato l’attuale fenomeno delle “fake news” e il loro impatto sul pensiero collettivo.
Il secondo capitolo tratta specificatamente il tema dei neuromiti: se ne da una definizione e si illustrano i risvolti sociali che questi producono. Inoltre si fornisce un’analisi di diverse ricerche provenienti da alcuni studi effettuati intervistando sia esperti del settore, sia persone prive di conoscenze scientifiche specifiche.
L’analisi di queste ricerche evidenzia quanto i neuromiti abbiano influenzato, ed ancora oggi influenzino, la presunta conoscenza scientifica degli individui.
Esempi specifici vengono presi in considerazione nel terzo capitolo, in cui l’attenzione viene indirizzata a tre neuromiti che vengono esaminati nel dettaglio.
In primo luogo si analizza il neuromito relativo all’effetto Mozart ossia quella teoria secondo cui l'ascolto della Sonata KV 448 in re maggiore per due pianoforti di Wolfgang Amadeus Mozart causerebbe un temporaneo aumento delle capacità cognitive.
Il secondo neuromito analizzato riguarda invece le false credenze in merito alla differenziazione emisferica ossia l’idea secondo cui l’emisfero destro e sinistro del cervello lavorano indipendentemente uno dall’altro, con ruoli e compiti diversi nello svolgimento delle azioni quotidiane. In particolare si cercherà di capire l’origine di questo neuromito analizzando i primi studi in merito alla localizzazione emisferica, ossia quegli studi che, inizialmente, portarono i ricercatori a credere in modo errato nella convinzione che nel cervello ci fossero delle specifiche aree ben definite per lo svolgimento di ogni singola azione umana.
Infine l’ultimo neuromito che viene analizzato è quello relativo all’utilizzo parziale del nostro cervello ovvero l’idea secondo cui gli esseri umani possono utilizzare solamente il 10% del cervello.
L’obiettivo di questo ultimo capitolo è quello di cercare di identificare e motivare quali siano stati, caso per caso, gli studi scientifici da cui questi neuromiti hanno preso origine.
Viene di seguito analizzata la loro diffusione e la trasformazione dei contenuti iniziali, cercando di identificare i canali di trasmissione che, di volta in volta, sono stati utilizzati per condividere credenze diventate errate ma che fanno parte della conoscenza condivisa della collettività.
Infine, come ultimo passaggio, si analizzano dettagliatamente alcuni pezzi giornalistici trovati in diverse riviste di divulgazione o quotidiani, per valutare in che modo in questi articoli vengano riportate e falsate le informazioni.
Chi scrive ritiene infatti che il ruolo dei giornalisti sia fondamentale per la diffusione di una buona cultura scientifica e che sia necessario analizzare le modalità e gli strumenti necessari per trasmettere informazioni corrette e approfondite.

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Boccagni
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Editoria e giornalismo
  Corso: Laurea magistrale in Editoria e giornalismo
  Relatore: Valentina Moro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il tema elaborato in questa tesi riguarda “i neuromiti” ed in particolare la loro diffusione attraverso i diversi canali mediatici. Si definiscono neuromiti «alcune idee sbagliate generate da un’incomprensione, una lettura distorta o una citazione errata dei fatti stabiliti scientificamente per sostenere l’uso delle ricerche sul cervello» 1 . Nella società occidentale queste errate credenze sono state diffuse attraverso gli innumerevoli strumenti comunicativi disponibili (giornali, riviste, libri, televisione ecc.). L’analisi del tema trattato si esplica in tre capitoli. Nel primo vengono approfondite le caratteristiche generali del giornalismo di divulgazione scientifica, le origini e l’etica di cui è contraddistinto. Viene inoltre trattato l’attuale fenomeno delle “fake news” e il loro impatto sul pensiero collettivo. Il secondo capitolo tratta specificatamente il tema dei neuromiti: se ne da una definizione e si illustrano i risvolti sociali che questi producono. Inoltre si fornisce un’analisi di diverse ricerche provenienti da alcuni studi effettuati intervistando sia esperti del settore, sia persone prive di conoscenze scientifiche specifiche. L’analisi di queste ricerche evidenzia quanto i neuromiti abbiano influenzato, ed ancora oggi influenzino, la presunta conoscenza scientifica degli individui. Esempi specifici vengono presi in considerazione nel terzo capitolo, in cui l’attenzione viene indirizzata a tre neuromiti che vengono esaminati nel dettaglio. In primo luogo si analizza il neuromito relativo all’effetto Mozart ossia quella teoria secondo cui l'ascolto della Sonata KV 448 in re maggiore per due pianoforti di Wolfgang Amadeus Mozart causerebbe un temporaneo aumento delle capacità cognitive. Il secondo neuromito analizzato riguarda invece le false credenze in merito alla differenziazione emisferica ossia l’idea secondo cui l’emisfero destro e sinistro del cervello lavorano indipendentemente uno dall’altro, con ruoli e compiti diversi nello svolgimento delle azioni quotidiane. In particolare si cercherà di capire l’origine di questo neuromito analizzando i primi studi in merito alla localizzazione emisferica, ossia quegli studi che, inizialmente, portarono i ricercatori a credere in modo errato nella convinzione che nel 1 Ocse, Understanding the Brain: Towards a New Learning Science, Paris: OECD Publications, 2002

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cervello
neuroscienze
effetto mozart
fake news
falsi miti
neuromiti
miti sul cervello
specializzazione emisferica
utilizzo 10% cervello
utilizzo cervello

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi