Skip to content

Autocostruzione: casi, pratiche, politiche

Estratto della Tesi di Andrea Cesare Moretto

Mostra/Nascondi contenuto.
- 72 - Questo errore nella misura delle quote altimetriche, anche se parzialmente corretto in extremis, si ripercosse sull’efficienza degli scarichi, determinando la necessità che a tutt’oggi debbano essere rimessi nel pieno della loro funzionalità da imprese specializzate, il tutto con cadenza annuale. Anche gli organi direttivi della cooperativa stessa furono coinvolti nel malgoverno dell’iniziativa a causa della loro manifesta connivenza con gli ambienti politici ostili al progetto, causando ulteriori ritardi e problemi. Quando la maggioranza dei soci poté far valere queste ragioni per allontanare il presidente, come successore fu scelta una persona che poi si rivelerà, se almeno indipendente, del tutto incompetente. Il modello costruttivo adottato prevedeva che la quota di lavori eseguita dai futuri abitanti fosse in realtà stata limitata – ed in effetti sarebbe più corretto parlare di autocostruzione parziale – in quanto ad un’impresa esterna era stata preventivamente appaltata la realizzazione completa del rustico. Le parti realizzate in autogestione dai soci sono state tutte quelle rimanenti: muri interni non portanti, infissi, tutti gli impianti, intonacatura e tinteggiatura, sistemazione della piccola viabilità interna e del verde. Per le murature di tamponamento il lavoro è stato facilitato dall’uso di blocchi di cemento siliceo “Calcespan”, fatti di calcestruzzo aerato autoclavato, le cui qualità principali sono l’ottima coibentazione termica (λ=0,4 W/m 2 K per 25 cm di spessore) e la facilità di montaggio. 3 Questi blocchi, di grosse dimensioni (25×25×60 cm), andavano incollati tra loro con uno strato di malta collante speciale di 3-4 mm. Inoltre il Calcespan ha tolleranze minime sia nella produzione che nella posa in opera, permettendo quindi consistenti risparmi di finitura, soprattutto per gli intonaci. Inoltre lo stesso materiale è stato utilizzato, nella variante di spessore di 8 cm, per la coibentazione delle coperture. I lavori, una volta avviati, furono ultimati senza particolari problemi. Né tecnici né legati alla possibile mancata tenuta del gruppo di soci autocostruttori. Proprio in questo ambito sorsero però, successivamente, le problematiche maggiori. Solo quando iniziò la convivenza i rapporti di vicinato diventarono difficili, connotati da profondi profili di individualismo. Dopo qualche tempo, infatti, fu chiaro che molti soci avevano aderito al progetto solo per sfruttare la possibilità di entrare in possesso di un’abitazione, sita in un luogo che iniziava ad essere ambito dal turismo di massa, con un impegno economico inferiore a quello che sarebbe stato necessario se le avessero 3 Meluzzi, P., Una proposta per la casa: l’autocostruzione, in Prefabbricare – Edilizia in evoluzione, n. 1/1982
Estratto dalla tesi: Autocostruzione: casi, pratiche, politiche

Estratto dalla tesi:

Autocostruzione: casi, pratiche, politiche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Cesare Moretto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università IUAV di Venezia
  Facoltà: Pianificazione del Territorio
  Corso: Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale
  Relatore: Francesca Gelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 220

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

erp
gramsci
politiche
potere
pratiche
autocostruzione
disagio abitativo
tecnologie facilitate
rete sociale informale
foucault

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi