Skip to content

A.D.1615: Palma alle armi

Estratto della Tesi di Maria Silvia Campus

Mostra/Nascondi contenuto.
Un altro motivo di discordia riguardava il secolare conflitto sui territori lungo il confine friulano tra Serenissima e Impero: nella bassa pianura friulana il confine non seguiva nessun elemento naturale, prestandosi a sconfinamenti e dispute territoriali. Vi erano stati diversi tentativi da parte veneziana di arrivare a una più razionale soluzione, che prevedeva la cessione di Monfalcone agli austriaci in cambio dei territori ad ovest dell'Isonzo, in modo tale che la linea del confine seguisse il corso del fiume. La conquista di Marano (1542) da parte di Venezia aveva però complicato ulteriormente la situazione che divenne ancora più ambigua e che portò ad incidenti di frontiera, come quelli accaduti nel 1592 e 1613 a Cervignano, dove soldati veneti avevano danneggiato un ponte e tentato di impedire la riscossione del dazio arciducale, o la distruzione delle saline di Trieste nel 1578. Episodi di questo tipo erano la manifestazione di quel clima di sospetto che da sempre intercorreva tra i due Stati, e la questione uscocca per Venezia era un ferita che si apriva sempre di più. Quello che tutti però speravano, e che ci si guardava bene dal dire, era la riconquista di Gradisca, persa nel 1511, e l'annessione dei territori austriaci posti nel territorio veneto dell'Isonzo. La rioccupazione della fortezza, in particolare, avrebbe significato l'ottenimento di una posizione strategica di grande vantaggio poiché essa, insieme alla neonata Palmanova, sarebbe divenuta il centro di un nuovo sistema difensivo difficilmente superabile. Nell'estate del 1615 gli attacchi uscocchi, appoggiati da milizie arciducali, si moltiplicarono nei centri dell'Istria con assalti giornalieri e gravi danni ai civili. A Venezia la classe politica era divisa: una parte dell'aristocrazia, guidata da Paolo Sarpi, attendeva un'occasione per schierarsi contro la Spagna ed entrare in guerra; l'altra parte, più vicina alla Chiesa, cercava di guadagnare tempo. 1.2.2. L'entrata in guerra L'11 agosto 1615 fu approvata, con pochi voti di scarto, una deliberazione che consentiva l'aggressione alle basi uscocche: i risultati più importanti si ebbero con la presa del castello di Novi, appartenente alla famiglia Frangipane accusata di proteggere i pirati di Segna, e della successiva distruzione delle saline di Zaule. Nel complesso, nonostante i blocchi navali sui porti arciducali, l'azione veneziana aveva portato a maggiori tensioni lungo i confini e un contrattacco uscocco. Il conte Frangipane era riuscito, a Graz, ad ottenere l'appoggio delle milizie croate comandate dal fratello e numerosi uomini. Nei giorni successivi, gruppi formati da soldati croati e uscocchi entrarono nel Monfalconese distruggendo i villaggi e, pochi giorni prima del Natale 1615, diedero inizi all'offensiva che portò, nel giro di poche settimane, a conquistare alcuni villaggi a ovest dell'Isonzo (Fig.2). 10
Estratto dalla tesi: A.D.1615: Palma alle armi

Estratto dalla tesi:

A.D.1615: Palma alle armi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Silvia Campus
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia e Ricerca Sociale
  Corso: Turismo, Territorio e Sviluppo Locale
  Relatore: Barbara Bracco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
turismo
marketing territoriale
sviluppo
memoria
storia locale
palmanova
rievocazione storiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi