Skip to content

Il movimento agroecologico “Campesino a Campesino" a Cuba - Un processo sociale per la sovranità alimentare e la sostenibilità

Estratto della Tesi di Chiara Bruzzese

Mostra/Nascondi contenuto.
11 accrescere la loro autosufficienza attraverso la produzione agricola locale, persero progressivamente la propria sicurezza alimentare, rimasta vincolata ai mercati globali dominati dall’agribusiness del Nord globale. A tal proposito, proprio la Banca mondiale, che con le sue politiche risulta essere se non altro complice di tale situazione, nel 2008 ha affermato che l’aumento costante della fame nei paesi in via di sviluppo è la conseguenza della perdita della capacità produttività alimentare interna, in quanto le istituzioni finanziarie internazionali incoraggiano tali paesi ad acquistare i prodotti alimentari sul mercato globale anziché produrli internamente (World Bank, 2008b). Sempre la Banca mondiale, in merito al progetto di aggiustamento strutturale, ammette: «L’aggiustamento strutturale degli anni Ottanta ha smantellato il complesso sistema di enti pubblici che offriva agli agricoltori l’accesso a terra, credito, assicurazione, input e organizzazione cooperativa. Si prevedeva che l’eliminazione dello Stato avrebbe aperto il mercato agli operatori privati, che avrebbero svolto tali funzioni riducendone i costi, migliorandone la qualità ed eliminando le tendenze regressive. Troppo spesso ciò non si è verificato. In alcuni luoghi il ritiro dello Stato è stato nel migliore dei casi incerto, limitando l’ingresso del privato. Altrove il settore privato si è affacciato solo lentamente e parzialmente, favorendo perlopiù gli agricoltori commerciali, ma esponendo i piccoli a diffusi insuccessi, alti costi e rischi di transizione e vuoti nei servizi. Mercati incompleti e vuoti istituzionali impongono costi enormi in termini di crescita mancata e perdita di benessere per i piccoli produttori, minacciandone la competitività e in molti casi la sopravvivenza». (World Bank, 2008b) Inoltre, a partire dal 1995, la deregolamentazione delle importazioni provocata dai Sap è stata rafforzata dall’Accordo sull’agricoltura (AoA) della World Trade Organization (Wto) e dai numerosi accordi per il libero scambio. Lo studio del Comitato sulla Sicurezza alimentare mondiale (Cfs) ha avvisato che la liberalizzazione dei mercati ha incrementato la trasmissione della volatilità internazionale dei prezzi ai mercati interni e ha comportato una maggiore dipendenza dalle importazioni alimentari (Cfs, 2011). Un’ulteriore causa di fondo riguarda il fatto che l’intero sistema agroalimentare è soggetto al tentativo di controllo oligopolistico da parte di poche e potenti società: Adm, Bunge, Cargill, DuPont, Monsanto. Il 90% del commercio globale di cereali è controllato da Adm, Bunge e Cargill, mentre il 60% del mercato di mais e di grano e il 44% del mercato della soia sono controllati da DuPont e Monsanto (Hendrickson, Heffernan, 2007). Durante la cerimonia di apertura del dibattito dedicato agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, il Presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Miguel d’Escoto Brockmann, ha affermato:
Estratto dalla tesi: Il movimento agroecologico “Campesino a Campesino" a Cuba - Un processo sociale per la sovranità alimentare e la sostenibilità

Estratto dalla tesi:

Il movimento agroecologico “Campesino a Campesino" a Cuba - Un processo sociale per la sovranità alimentare e la sostenibilità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Bruzzese
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Filippo Barbera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cuba
agricoltura sostenibile
agroecologia
movimento
sostenibilità
crisi alimentare
sovranità alimentare
agroecologico
campesino
approccio partecipativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi