Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Emergenza Nomadi. Profili di diritto amministrativo.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandra Fasanaro Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 517 click dal 09/09/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Alessandra Fasanaro

Mostra/Nascondi contenuto.
tire, a parere del magistrato, un'adeguata giustizia sociale. Molti procedimenti vengo- no, infatti, instaurati nei loro confronti e troppo spesso non possono essere portati a conclusione per l'impossibilità di identificarli (anche qui, l'autore, riporta nel testo una sua esperienza personale di tre zingari accusati di furto i quali, all'atto della loro identificazione, rilasciarono false dichiarazioni e pertanto il processo fu interrotto perché avrebbe dato luogo a sentenze a carico di defunti 33 ). Quindi lamenta, l'autore, l'inefficacia testata, anche di persona, dei mezzi a dispo- sizione delle autorità di pubblica sicurezza, aggravata per lo più, da una persistente diseducazione morale, dalla mancata attitudine al lavoro che sarebbe il mos maiorum delle popolazioni nomadi: secondo il Capobianco, il loro passaggio da regione a re- gione, da paese a paese era segnato dal disordine sociale che ovunque creavano. Anzi la loro presenza in determinate zone era molto spesso collegata all'aumento di attività illecite. In conclusione, vengono proposte delle soluzioni sia di carattere preventivo attraverso le quali sia possibile esercitare un controllo più intenso al momento dell'in- gresso di queste popolazioni, alludendo proprio alla necessità di assicurare l'identifi- cazione 34 degli stessi e di provvedere ad una sorta di integrazione sociale, tale da per- mettergli di conoscere le leggi, rispettarle, modificare in meglio le loro abitudini; e sia soluzioni di carattere repressivo come ad esempio l'espulsione nel caso in cui lo zingaro, perdurando il suo soggiorno in un determinato comune, rifiuti di mettersi in regola con lo stato civile. A ben vedere, l'impegno del magistrato Capobianco rimane un sordo richiamo ad un più attento intervento legislativo sulla questione. Tuttavia questioni più importanti verranno affrontate di lì a breve, anche in un contesto più ampio, quale quello europeo: lo scoppio della prima guerra mondiale. A seguire lo sterminio nazista contro tutte le razze impure, di cui sono stati vittime an- che gli zingari e ancora più di recente, negli anni '60 – '90 circa del secolo scorso, si 33 A. CAPOBIANCO, op. cit. , 82-84. 34 Ibidem, 117 e ss. Si propone di procedere ad operazioni di “censimento” basate sui rilievi se- gnaletici, a completamento della scheda identificativa. Operazione, questa, posta in essere anche dalle recenti politiche locali per identificare gli abitanti dei campi allestiti appositamente per persone rom, sulla quale si è poi pronunciato il giudice amministrativo dichiarandola discriminatoria. Cfr infra TAR Lazio, Sez. I , 1 luglio 2009, n. 6352. 13
Estratto dalla tesi: Emergenza Nomadi. Profili di diritto amministrativo.