Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove prospettive sul legame tra psicopatia, imputabilità e trattamento

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Roberta Di Stefano Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2013 click dal 25/11/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Estratto della Tesi di Roberta Di Stefano

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Specificamente, per il Disturbo Antisociale di Personalità abbiamo tale quadro (Tab.2): A.Moderata o più grave compromissione del funzionamento della personalità, che si manifesta con caratteristiche difficoltà in due o più delle seguenti quattro aree: 1.Identità: Egocentrismo; autostima derivante dal vantaggio personale, dal potere o dal piacere. 2.Autodirezionalità: Definizione degli obiettivi sulla base della gratificazione personale; assenza di standard prosociali interni, associati a una incapacità di conformarsi alle norme, legalmente o culturalmente stabilite, di comportamento etico. 3.Empatia: Mancanza di preoccupazione per i sentimenti, i bisogni o la sofferenza degli altri; mancanza di rimorso dopo aver ferito o maltrattato un'altra persona. 4.Intimità: Incapacità di stabilire relazioni di mutua reciprocità, dal momento che lo sfruttamento è la principale modalità di entrare in relazione con gli altri, servendosi anche di inganno e coercizione; predominio o intimidazione per controllare gli altri. B. Almeno sei dei seguenti tratti di personalità patologici: 1. Manipolatorietà (un aspetto dell'Antagonismo): Uso frequente del sotterfugio per influenzare o controllare gli altri; uso di seduzione, fascino, loquacità o piaggeria per raggiungere i propri fini. 2. Insensibilità (un aspetto dell'Antagonismo): Mancanza di preoccupazione per i sentimenti o i problemi altrui, mancanza di senso di colpa o di rimorso per gli effetti negativi o dannosi delle proprie azioni sugli altri; aggressività; sadismo. 3. Inganno (un aspetto dell'Antagonismo): Disonestà e fraudolenza; rappresentazione fuorviante di sé; esagerazione o invenzione di eventi nel racconto. 4. Ostilità (un aspetto dell'Antagonismo): Sentimenti di rabbia duraturi o frequenti; rabbia o irritabilità in risposta a offese e insulti di poco conto; comportamento meschino, maligno o vendicativo. 5. Tendenza a correre rischi (un aspetto della Disinibizione): Intraprendere attività pericolose, rischiose e potenzialmente dannose per sé, senza necessità e senza preoccuparsi delle conseguenze; tendenza ad annoiarsi e a iniziare sconsideratamente tali attività per contrastare la noia; inconsapevolezza dei propri limiti e negazione del reale pericolo per la persona. 6. Impulsività (un aspetto della Disinibizione): Agire immediatamente in risposta a stimoli contingenti; agire su base momentanea, senza un piano o un esame dei risultati; difficoltà a formulare e seguire piani. 7. Irresponsabilità (un aspetto della Disinibizione): Disinteresse per- e mancanza nell'onorare - obblighi o impegni finanziari e di altro genere; inadempienza nel rispettare - e nel portare a termine - accordi e promesse; incuria verso le proprietà altrui. Nota: L'individuo ha almeno18 anni di età. Specificare se: Con caratteristiche psicopatiche. APA,2014 Tab.2 CRITERI DIAGNOSTICI PROPOSTI NEL DSM 5
Estratto dalla tesi: Le nuove prospettive sul legame tra psicopatia, imputabilità e trattamento